a
a
HomeBRAND CORNERUBS ETF ITALIAAzionario: una gamma di etf per puntare sul risveglio del Dragone

Azionario: una gamma di etf per puntare sul risveglio del Dragone

Il risveglio del gigante cinese sta avendo effetti sui mercati azionari, con i principali listini che in questo inizio d’anno hanno iniziato a riguadagnare terreno.

La fine delle restrizioni pandemiche draconiane e una graduale riapertura del Paese possono incidere favorevolmente su tutta l’economia globale, che soffriva le strozzature nelle catene di approvvigionamento causate proprio dai continui lockdown di una Cina che, non a caso, è soprannominata “la fabbrica del mondo”.

Gli esperti pensano che Pechino completerà il processo di riapertura entro il primo trimestre dell’anno. Il percorso, tuttavia, non sarà particolarmente agevole, soprattutto a causa dell’esplosione delle infezioni da Covid-19 che sta caratterizzando queste settimane.

Ma del resto, come ha sottolineato Eddie van der Walt, Deputy Managing Editor di Markets Live a Londra, in una recente newsletter di Bloomberg, una Cina che di quando in quando torna in lockdown è comunque una Cina che consuma – e che, si può aggiungere, produce – di più di una che invece è in lockdown permanente.

 

La luce alla fine di un percorso accidentato

Insomma, al termine di questo percorso accidentato la Cina tornerà a rappresentare una prospettiva d’investimento più che interessante. E lo sarà a prezzi scontati, visto che l’asset class dell’azionario cinese, per tutta una serie di motivi, è stata tra quelle che hanno sofferto di più nel 2022.

Innanzitutto, la fase di interventismo statale e di regolamentazione del mercato sembra ormai essere giunta al termine. Inoltre, Pechino continua ad avere il più alto numero di laureati nelle materie scientifiche, ed è al momento il mercato delle ipo maggiormente attivo (quasi 200, secondo i dati aggiornati a luglio 2022). Particolarmente significativa pure la percentuale di Pil spesa in ricerca e sviluppo (12%), più di Stati Uniti e zona euro.

La scarsa presenza negli indici globali, poi, fornisce alle azioni cinesi un’elevata decorrelazione rispetto al resto delle asset class. Ciò può essere un valore aggiunto in un mondo che, in questo 2023, potrebbe confermare un alto grado di volatilità e richiedere una maggiore diversificazione del portafoglio.

Alla luce di questo quadro, gli esperti di UBS credono che le azioni cinesi andranno meglio rispetto all’area asiatica (Giappone escluso). Grazie alle riaperture e al prosieguo della politica di supporto della banca centrale, infatti, il consensus ritiene che le aziende cinesi aumenteranno i profitti del 14,5% nel corso di quest’anno.

Per cogliere le opportunità all’orizzonte, UBS propone una gamma di etf (fondi passivi che replicano l’andamento di un indice) che permettono di maturare un’esposizione all’azionario cinese.

 

La Cina delle opportunità, con un occhio ai titoli sostenibili

Una via per esporsi all’equity China può essere il fondo UBS (Irl) Fund Solutions plc – MSCI China A SF UCITS ETF (USD) A-acc – 0,30% – Art. 6 – CHINA IM (Isin: IE00BKFB6K94). L’indice rappresenta i titoli large e mid cap della Cina quotati sulle Borse di Shanghai e Shenzhen. Copre solo i titoli accessibili attraverso Stock Connect, che consente agli investitori internazionali e a quelli della Cina continentale di negoziare titoli dei rispettivi mercati tramite i sistemi di negoziazione della propria Borsa nazionale.

Il fondo UBS (Lux) Fund Solutions – MSCI China ESG Universal Low Carbon Select UCITS ETF – 0,45% – Art. 8 – CINESG (Isin: LU1953188833) è indicato per chi vuole investire con un occhio alla sostenibilità.

L’indice di riferimento, in questo caso, mira a replicare l’andamento dei titoli a capitalizzazione medio-alta dei mercati azionari cinesi con una ponderazione massima per emittente del 5%. La strategia – ed è il motivo per cui questo fondo è categorizzato come Articolo 8 – prevede un investimento in titoli che promuovono caratteristiche di sostenibilità ambientale e sociale.

L’esposizione pertanto è concentrata su aziende con un solido profilo Esg e un trend di miglioramento di tale profilo, avvalendosi di esclusioni minime dall’indice MSCI China.

 

La vivacità del settore tecnologico cinese

Tra i settori più interessanti, però, c’è senza dubbio quello tecnologico. L’UBS (Lux) Fund Solutions – Solactive China Technology UCITS ETF (USD) A-acc – 0,47% – Art. 6 – CIT IM (Isin: LU2265794276) si basa su un indice di riferimento che raggruppa le 100 principali società tecnologiche cinesi che realizzano gran parte dei loro ricavi attraverso varie attività, tra cui cloud computing, tecnologie mediche, mobilità del futuro e intrattenimento digitale. L’indice è ponderato per la capitalizzazione di mercato ed è corretto per il flottante.

Da segnalare, infine, che ne esiste una versione con copertura del rischio di cambio sull’euro: è l’UBS (Lux) Fund Solutions – Solactive China Technology UCITS ETF (hedged to EUR) A-acc – 0,52% – Art. 6 – CITE IM (LU2265794946).

 

Vuoi saperne di più?


 

Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per oltre 85 miliardi di dollari e rappresenta il quarto operatore nel mercato degli ETF in Europa (Fonte: ETFGI al 31 Agosto 2022) con oltre 135 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 1026 miliardi di dollari, di cui oltre 440 miliardi in gestione passiva (al 26 Luglio 2022). Per maggiori informazioni: www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.