a
a
HomeBRAND CORNERUBS ETF ITALIAInflazione in aumento, ecco come proteggersi

Inflazione in aumento, ecco come proteggersi

La crescita economica accelera il passo in molti Paesi e con essa anche l’andamento dei prezzi. In diverse aree del mondo, infatti, la ripresa dopo la fine del lungo periodo di restrizioni è stata più forte delle previsioni, che sono state di volta in volta ritoccate al rialzo. È così per quanto riguarda l’Unione europea, almeno secondo l’ultima fotografia scattata da Eurostat che stima per l’Eurozona una crescita del Pil del 2,2% nel terzo trimestre 2021 rispetto al trimestre precedente. Dall’altra parte dell’Oceano, invece, secondo la Federal Reserve gli Usa cresceranno del 5,9% per quest’anno. A rallentare è solo la Cina, frenata dalla crisi energetica e con una crescita che potrebbe attestarsi a livelli meno robusti del previsto. Ma se è vero che l’economia mondiale nel suo complesso dà segnali di vitalità, è altrettanto vero che a una crescita può corrispondere un’inflazione più sostenuta.
 

L’inflazione corre in Europa e Usa

Secondo le previsioni del centro studi della casa svizzera d’investimenti Ubs, infatti, i prezzi alla fine del 2021 saranno cresciuti nell’area euro del 2,4% e del 4,6% negli Stati Uniti. Ben più lieve l’aumento in Cina, solo dello 0,9%. Mentre sarà molto forte per l’India (+5,4%). A determinare questo quadro generale contribuiscono sicuramente la penuria di materie prime e la diminuzione delle scorte di molti combustibili utilizzati per la produzione di energia. Ma non è solo questo: l’aumento della domanda mondiale sul fronte dei consumi, a un ritmo più veloce dell’offerta, sta creando colli di bottiglia produttivi che avranno conseguenze nell’ottica di un aumento dei prezzi.
 

Nel 2022 ci sarà ancora una crescita dei prezzi sopra i livelli pre covid

Se i rincari di gas, energia e materie prime potrebbero essere dettati da una situazione transitoria, nel 2022 il quadro dell’inflazione su scala globale (seppur in miglioramento) si manterrà su livelli più alti rispetto a quelli pre pandemia. Perfino in Europa, dove non si osservava un simile aumento generalizzato dei prezzi da decenni. Qui, infatti, Ubs stima che l’inflazione si manterrà prossima al 2% anche nel 2022 (prima del Covid era all’1,2%) mentre negli Stati Uniti rimarrà al 3,9% (contro l’1,8% del 2019). Non sorprende, quindi, che molti investitori a livello globale si stiano interrogando su quali strumenti utilizzare per proteggersi dal rischio d’inflazione, capace di erodere il potere d’acquisto del denaro e quindi il capitale.
 

Un Etf protetto dall’inflazione con titoli di stato Usa

Ubs tra le sue soluzioni d’investimento ha una vasta gamma di Etf, ovvero fondi a gestione passiva che replicano l’andamento di un indice. Tra questi, ce ne sono alcuni in grado di offrire all’investitore una copertura dall’inflazione. L’UBS ETF (LU) Barclays TIPS 1-10 hedged EUR UCITS, per esempio, è un prodotto agganciato al paniere Bloomberg Barclays Us Government, contenente cioè titoli di stato statunitensi di durata compresa tra uno e dieci anni che rimangono agganciati all’andamento dei prezzi. La sigla Tips sta a significare proprio Treasury Inflation Protected Securities, ovvero titoli di stato protetti dall’inflazione. Esistono poi altre opzioni che si differenziano per quanto riguarda la durata, con panieri di titoli governativi che esprimono una scadenza superiore ai dieci anni come l’UBS ETF (LU) Barclays TIPS 10+ UCITS ETF. Presenti soluzioni anche coperti contro il rischio di cambio con l’euro.
 

La controparte europea agganciata all’andamento dei prezzi

Tra le varie soluzioni d’investimento protette dall’inflazione, ce n’è anche una per chi intendesse esporsi ai bond governativi dell’area euro selezionati tra quelli di Germania, Francia, Italia e Spagna. Si tratta dell’UBS ETF (LU) Euro Inflation Linked 1-10 UCITS, un prodotto che punta a replicare, al lordo delle commissioni, le perfomance del Bloomberg Barclays Euro Government Inflation-Linked 1-10 Year Index, dove sono inclusi titoli di stato investment grade, denominati in euro e con una vita residua compresa tra 1 e 10 anni. Anche in questo caso, infine, è possibile accedere a un paniere con titoli con scadenza superiore alla decade e anche al comparto con protezione del rischio di cambio con l’euro.
 

Vuoi saperne di più?

 

Tag Articolo
Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 85 miliardi di dollari e rappresenta il quarto operatore nel mercato degli ETF in Europa (Fonte: ETFGI al 31 dicembre 2020) con oltre 120 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 950 miliardi di euro (al 31 dicembre 2020), di cui oltre 350 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.