a
a
HomeBRAND CORNERInvestire nei settori ciclici e difensivi

Investire nei settori ciclici e difensivi

investire in settori ciclici e difensivi

Investire nei mercati finanziari significa necessariamente esporsi a dei rischi di mercato. Le scelte di portafoglio dipendono in larga parte dalla tipologia di rischi che si vogliono correre. I premi al rischio offerti dal mercato possono essere segmentati da tanti punti di vista, ad esempio i classici ETF Factor investing, suddividono il mercato in specifici fattori di rischio.

Una strategia d’investimento di tipo top down, offre un diverso punto di vista. Chi segue questo tipo di approccio parte dal contesto macroeconomico per individuare le migliori opportunità tra le cosiddette azioni cicliche o difensive.

Settori ciclici e settori difensivi

Un settore o uno specifico titolo si definisce ciclico quando è molto correlato con il ciclo economico. Quando l’economia accelera i risultati aziendali delle aziende cicliche tendono a migliorare di pari passo; quando invece l’economia perde abbrivio o entra in recessione, un’azienda ciclica tende a soffrire più delle altre. Tipicamente il tema ciclico comprende le società finanziarie, quelle minerarie o le aziende legate al settore automobilistico.

Un settore o uno specifico titolo si considera invece difensivo quando è poco correlato con il ciclo economico; queste aziende risentono meno della debolezza dell’attività economica. Generalmente fanno parte del settore difensivo le società sanitarie, quelle alimentari oppure i servizi di pubblica utilità.

settori ciclici e difensivi ubs etf

Il rapporto con le performance di mercato

Il rapporto tra il business operativo ed il ciclo economico ha degli effetti rilevanti sui risultati aziendali e sulle performance azionarie. Per loro natura i titoli considerati ciclici tendono ad avere un beta (o rischio di mercato) alto ed una maggiore ciclicità degli utili e dividendi. I titoli difensivi invece tendono ad avere un beta più bassi e a produrre risultati aziendali più regolari nel tempo.

In particolare, i dati storici evidenziano che:

  • i settori ciclici esibiscono oscillazioni di corso maggiori e quindi una volatilità superiore rispetto al mercato azionario nel suo complesso;
  • i settori ciclici presentano inoltre una forte correlazione con il mercato complessivo ed evolvono quindi in maggior sintonia con il mercato rispetto ai settori difensivi. I settori ciclici hanno poi anche una maggiore correlazione reciproca;
  • le fasi di sovraperfomance dei titoli difensivi si sono alternate a quelle di sovraperformance dei titoli ciclici, almeno fino alla crisi finanziaria del 2008. Da allora i settori difensivi hanno esibito performance più solide. Particolarmente significative sono state le differenze nelle fasi di maggiore tensione, ad esempio all’apice della crisi creditizia dell’Eurozona.

 

 

L’offerta di UBS

Se volete investire nei settori ciclici e difensivi, UBS ha nella sua offerta due ETF che seguono la famiglia di indici MSCI Cyclical and Defensive, rivolti al mercato azionario dell’Eurozona. I due ETF permettono all’investitore di sfruttare le evoluzioni dei due settori nelle diverse fasi congiunturali, a seconda che il momento sia più favorevole all’uno o all’altro.

[accordion title=”UBS ETF (IE) MSCI EMU Cyclical UCITS ETF”] ISIN: IE00BMP3HJ57
Questo ETF replica l’andamento dei titoli azionari di cinque settori dell’economia: tecnologia dell’informazione, materie prime, coadiuvanti e carburanti, industria, beni di consumo ciclici e finanza. Dal momento che l’ETF fa riferimento all’indice MSCI EMU Cyclical Sectors Capped, alle regolari scadenze di adeguamento dell’indice tutti i settori vengono ponderati in modo uniforme, ovvero al 20%. In questo modo si riesce a compensare eventuali squilibri risultanti da una sovraesposizione o sottoesposizione a un qualsivoglia settore.
[/accordion] [accordion title=”UBS ETF (IE) MSCI EMU Defensive UCITS ETF”] ISIN: IE00BMP3HL79
Questo ETF replica l’andamento dei titoli azionari di cinque settori dell’economia: beni di consumo primari, energia, sanità, servizi di telecomunicazione e aziende di approvvigionamento. L’indice a cui si riferisce è l’MSCI EMU Defensive Sectors Capped. Anche per questo ETF, la ponderazione dei singoli settori viene portata al 20% alle scadenze di adeguamento dell’indice.
[/accordion]

Vuoi saperne di più?

Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 48 miliardi di Euro e rappresenta il quarto operatore nel mercato degli ETF (Fonte: ETFGI, 28 Settembre 2018) con 85 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 700 miliardi di euro (al 30.06.2018), di cui oltre 280 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.