a
a
HomeBRAND CORNERUBS ETF ITALIAUbs Etf, dove investire con l’inflazione che morde?

Ubs Etf, dove investire con l’inflazione che morde?

L’inflazione continua ad avanzare, spinta anche dalla guerra in atto tra Russia e Ucraina. Una situazione che già prima dell’inizio del conflitto aveva portato la Federal Reserve americana a intraprendere una virata restrittiva della sua politica monetaria. Mentre la Banca centrale europea, inizialmente più attendista, ha diminuito gli stimoli e si sta preparando a prendere ulteriori misure per contenere la crescita dei prezzi. Tutto questo perché dopo una prima fase dove la maggior parte degli analisti si aspettava un’inflazione transitoria, dovuta più che altro alla caduta delle restrizioni pandemiche, questa ha cominciato a prendere connotati strutturali. E tra l’altro lo scoppio del conflitto e il varo delle sanzioni alla Russia, uno dei principali esportatori mondiali di materie prime, non ha fatto altro che intensificare un fenomeno inflattivo che potrebbe addirittura peggiorare.

 

Una situazione in peggioramento

Gli ultimi dati sull’inflazione americana di febbraio fotografano una situazione non ancora sotto controllo. Difatti, i prezzi al consumo negli Stati Uniti sono saliti dello 0,8% su gennaio e del 7,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Numeri che sono ai massimi per gli ultimi 40 anni. E in Europa cosa sta succedendo? La situazione non è tanto migliore, se si considera che i dati Eurostat riferiti al mese di marzo parlano di un aumento dei prezzi schizzato al 7,5% rispetto al 5,9% di febbraio. Si tratta del livello più alto mai registrato dall’inflazione nella zona euro, un livello record determinato in larga parte dalla crescita dei prezzi dell’energia che hanno fatto segnare un +44,7% rispetto al +32% di febbraio.

 

Come investire in un periodo turbolento

Tutto questo ha portato il Fomc, il braccio di politica monetaria della Fed, a considerare seriamente un aumento dei tassi dello 0,5% già a partire dai prossimi incontri e l’inizio della riduzione del bilancio di 95 miliardi di dollari al mese. È quanto emerso dai verbali della riunione del 15 e 16 marzo, notizia che ha trascinato verso il basso Wall Street e i principali listini di tutto il pianeta. Gli investitori globali, quindi, si stanno domandando dove potrebbero investire il loro denaro in questo periodo ricco di turbolenze. In effetti, esistono prodotti indicizzati all’inflazione che potrebbero essere la soluzione più adatta da inserire nei portafogli in questo momento. La casa svizzera d’investimenti Ubs ha nella sua gamma di Etf, fondi a gestione passiva che replicano un indice, una serie di prodotti definiti inflation linked.

 

Bond governativi Usa indicizzati all’inflazione

Tra questi, si può citare il comparto UBS (Lux) Fund Solutions – Bloomberg TIPS 1-10 UCITS ETF  (ISIN: LU1459801434) che mira a replicare, al lordo delle spese, il prezzo e la performance in termini di reddito dellIndice Bloomberg US Government 1-10 Year Inflation-Linked Bond Index.  Al suo interno ci sono titoli di stato Usa con durata di almeno 1 anno e al massimo di 10 anni. La sigla Tips sta a significare proprio Treasury Inflation Protected Securities, ovvero titoli protetti dallinflazione. Questo prodotto è disponibile anche con copertura del rischio di cambio con l’euro (ISIN: LU1459801780).

Esistono poi altre opzioni che si differenziano per quanto riguarda la durata, con panieri di titoli governativi che esprimono una scadenza superiore ai dieci anni come l’UBS (Lux) Fund Solutions – Bloomberg TIPS 10+ UCITS ETF (ISIN: LU1459802754), disponibile anch’esso con copertura dal rischio di cambio con l’euro (ISIN: LU1459803059).

 

L’alternativa europea indicizzata all’inflazione

Non finisce qui, comunque, perché la gamma di prodotti Ubs permette di inserire in portafoglio un’esposizione a bond governativa dell’area euro indicizzati all’inflazione. Si tratta di obbligazioni selezionate tra quelle di Germania, Francia, Italia e Spagna. Il prodotto in questione è L’UBS (Lux) Fund Solutions – Bloomberg Euro Inflation Linked 1-10 UCITS ETF (ISIN: LU1645380368), con all’interno bond con durata di almeno un anno e massimo dieci anni. In alternativa, sempre esposto all’area euro, si può trovare LUBS (Lux) Fund Solutions – Bloomberg Euro Inflation Linked 10+ UCITS ETF (ISIN: LU1645381589). Quest’ultimo offre un’esposizione a bond dell’area euro di durata superiore ai dieci anni.

 

Vuoi saperne di più?


 

Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 85 miliardi di dollari e rappresenta il quarto operatore nel mercato degli ETF in Europa (Fonte: ETFGI al 31 dicembre 2020) con oltre 120 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 950 miliardi di euro (al 31 dicembre 2020), di cui oltre 350 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.