a
a
HomeBRAND CORNERUBS ETF ITALIAUbs Etf, per l’obbligazionario si apre una nuova era

Ubs Etf, per l’obbligazionario si apre una nuova era

Dopo un lungo periodo caratterizzato da rendimenti bassi o negativi, una nuova era dell’obbligazionario sembra ormai essere alle porte. Il contesto, tra banche centrali che rialzano velocemente i tassi d’interesse e volatilità sui mercati azionari, è cambiato notevolmente e in poco tempo, facendo riemergere nuove opportunità per gli investitori. Da un lato, infatti, il 2022 finora è stato sicuramente difficile per chi investe abitualmente nel reddito fisso ma, in mezzo al caos, c’è un aspetto positivo da considerare: i rendimenti correnti offerti dalla maggior parte del settore obbligazionario sono cresciuti e l’ammontare di debito con rendimento negativo è praticamente scomparso dai radar. Si è passati dallavere la cifra record di 18mila miliardi di dollari Usa di attività scambiate con rendimenti negativi, a un qualcosa di nuovo: ora quella montagna di debito con rendimento negativo si sta rapidamente riducendo.

 

Un balzo indietro negli anni ‘80

Dopo anni di bassa inflazione e banche centrali estremamente accomodanti, epoca di cui è simbolo il famoso “whatever it takes” di Mario Draghi alla guida della Banca centrale europea, la pandemia prima e la guerra in Ucraina poi hanno rigettato il mondo indietro di oltre quarant’anni.  Già perché a molti, questi primi anni ‘20 del Duemila cominciano a ricordare gli anni ‘80, quando l’inflazione e l’aumento dei tassi influenzarono fortemente il mercato globale e lo scenario politico-economico. Va da sé che tutto quello che per lungo tempo è stato considerato assodato è stato poi ribaltato dagli shock in serie che i mercati hanno subito negli ultimi due anni e mezzo.

 

Gli aspetti positivi per chi vuole investire nell’obbligazionario

Dapprima la pandemia e le serrate forzate, poi la ripartenza in blocco dei mercati e lo stress sulle catene di approvvigionamento globali che posero i primi semi della rinnovata inflazione. Infine, l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e le sanzioni, che hanno portato in orbita i prezzi di gas e petrolio. Al netto di un periodo di transizione difficile, però, nel medio termine il settore del reddito fisso offrirà nuove e più positive basi agli investitori, che non saranno più costretti ad andare alla ricerca del rendimento rincorrendo emissioni con livelli di rischio sempre più elevati. Ci sono poi altri fattori che potrebbero calamitare l’attenzione su questa asset class: i rendimenti più elevati possono costituire degli ammortizzatori aggiuntivi grazie a break even più elevati, ovvero all’entità degli aumenti dei tassi necessaria per annullare il vantaggio fornito dalla componente di reddito in una prospettiva di rendimento totale. Infine, per gli investitori è da vedere in un’ottica positiva l’avvento di ritorni più elevati e di una bassa volatilità del rendimento.

 

Un evento per scoprire futuro e opportunità del reddito fisso

In ogni caso, sebbene i rendimenti più elevati di oggi siano vantaggiosi, è sempre bene mantenere cautela. Infatti, con la prospettiva di una Fed in modalità “falco” e decisa a estinguere l’inflazione, gli investitori dovranno probabilmente affrontare ulteriori flessioni dei prezzi per le posizioni obbligazionarie sensibili alla durata. Inoltre, il rischio di una recessione globale e i conflitti geopolitici in corso potrebbero creare condizioni avverse per i rendimenti totali. Per far sì che gli investitori non si facciano cogliere impreparati in questo mare agitato, gli esperti di Ubs Asset Management hanno organizzato un evento il 29 settembre rivolto a clienti advisory e istituzionali, al The Westin Palace di Milano, dal titolo “Back to Bond”: un viaggio ultra decennale per scoprire di più sul futuro dell’obbligazionario, anche alla luce dei risultati elettorali in Italia.

I clienti advisory possono iscriversi al link www.ubs.com/back-to-bond con inizio dell’evento alle ore 9.30. Mentre i clienti istituzionali possono iscriversi inviando una mail allindirizzo ubs-asset-management-italia@ubs.com: per loro levento si terrà alle ore 16.45.

 

Vuoi saperne di più?


 

Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 85 miliardi di dollari e rappresenta il quarto operatore nel mercato degli ETF in Europa (Fonte: ETFGI al 31 dicembre 2020) con oltre 120 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 950 miliardi di euro (al 31 dicembre 2020), di cui oltre 350 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.