a
a
HomeBRAND CORNERUbs Etf, prepariamoci al ritorno delle azioni Value

Ubs Etf, prepariamoci al ritorno delle azioni Value

In un contesto di difficile lettura, per alcuni analisti sembra essere giunto il momento di puntare sulle azioni value. Negli ultimi anni l’economia e i mercati hanno vissuto in un clima straordinario: le politiche espansive delle banche centrali, i tassi bassi e la pandemia hanno spinto tantissimo le cosiddette azioni growth, come lo sono molte aziende tecnologiche, che hanno cioè una valutazione molto più elevata rispetto agli utili prodotti proprio per il potenziale di crescita che il mercato riconosce loro. Ora, però, con il recente annuncio della Federal Reserve per una normalizzazione della politica monetaria, si profila uno scenario molto più attraente per le azioni value, ovvero realtà con fondamentali solidi che attualmente sono trattate a prezzo di sconto a causa delle particolari condizioni del mercato.

 

La riscossa della azioni value

Come fanno notare gli analisti della casa svizzera d’investimenti Ubs, negli ultimi tre anni – prendendo in considerazione il mercato azionario statunitense – la differenza di performance tra i titoli value e growth è stata molto consistente, con quest’ultimo tipo di azioni che hanno raggiunto un differenziale anche del 90%. Di recente, però, il gap ha cominciato a restringersi e questo, secondo alcuni analisti, potrebbe essere un segnale di uno spostamento del mercato verso i titoli value. Anche in Europa il mercato value è ritenuto interessante dagli analisti. Infatti, in molti ritengono che la crescita economica – che dovrebbe rimanere solida anche per il 2022 – finirà per avvantaggiare questo tipo di azioni. Sul mercato esistono prodotti d’investimento specifici per andare a intercettare il rendimento attraverso le azioni di elevata qualità, ma trattate a prezzo di sconto. E, tra l’altro, investire sui titoli value può essere abbinato anche a un altro importante trend di mercato: la sostenibilità. Infatti, è possibile ribilanciare il portafoglio in alcuni settori sottopesati nelle loro versi Sri e Esg degli stessi indici.

 

Filtri di qualità per intercettare le aziende migliori

Ubs ha nella sua gamma di Etf, fondi passivi che replicano l’andamento di un indice, una serie di prodotti che permettono di investire value. Il che significa puntare su aziende che al momento presentano valutazioni d’occasione, ma che sono caratterizzate da un’alta qualità. Un parametro quest’ultimo ottenuto attraverso l’applicazione di alcuni filtri, come previsto dall’indice Msci Prime Value: dal return on equity (l’utile netto rapportato alle azioni possedute), al debt to equity (l’indebitamento rapportato alle azioni) fino alla variabilità dei guadagni. Al quale segue una ulteriore valutazione (rapporto tra prezzo e valore contabile, tra prezzo e utili, capitalizzazione di mercato e ricavi, prezzo e flusso di cassa). Solo le aziende con lo z-score più elevato entrano nell’indice.

 

Attenzione al Prime value europeo

Ubs propone prodotti che si basano sull’indice Msci Prime Value, in diverse classi ed esposti a differenti aree geografiche. Per esempio, l’UBS ETF (IE) Factor MSCI USA Prime Value UCITS ETF offre un’esposizione alle large e mid cap statunitensi (un prodotto disponibile anche con copertura dal rischio di cambio). È sotto i riflettori anche il settore value per quanto riguarda il mercato europeo, a causa dell’interessante rendimento da dividendi del 3,3%, superiore del 50% rispetto alla media dell’Eurozona. Prodotti come l’UBS ETF (LU) Factor MSCI EMU Prime Value UCITS ETF sono disponibili per chi fosse interessato a investire in quest’area del mondo, anche nelle versioni con protezione dal rischio di cambio. Qui lo stile Prime Value ha un solido track record avendo sovraperformato in 16 degli ultimi 22 anni, con un rendimento totale annuo medio del 10% dal 1996, rispetto al 7,9% del benchmark MSCI EMU.

 

Vuoi saperne di più?


 

Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 85 miliardi di dollari e rappresenta il quarto operatore nel mercato degli ETF in Europa (Fonte: ETFGI al 31 dicembre 2020) con oltre 120 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 950 miliardi di euro (al 31 dicembre 2020), di cui oltre 350 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.