a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAABC FINANZACambiare le abitudini dopo la fine della carriera: una brutta sorpresa

Cambiare le abitudini dopo la fine della carriera: una brutta sorpresa

Investire portafoglio income pensione Schroders

Andare in pensione senza aver gestito i propri risparmi in modo efficace può riservare grandi sorprese, non proprio positive. Giorgio Testa ne sa qualcosa.


Avevamo lasciato Giorgio mentre fantasticava sul prendere lezioni di golf e comprare l’auto dei suoi desideri. Ora la sua più grande paura è di non potersi più permettere lo stile di vita che aveva quando lavorava, specialmente da quando alcuni imprevisti hanno intralciato la sua strada.

Un anno e alcuni imprevisti dopo

Elena, moglie di Giorgio, ha di recente subito una perdita economica dovuta all’eccessivo ottimismo nella raccolta del capitale necessario ad aprire una nuova attività. Così, Giorgio ha dovuto intervenire con parte della sua pensione per dare una mano alla maglie nell’apertura del Bed & Breakfast. Al momento non è quindi in grado di permettersi le lezioni di golf e l’acquisto dell’auto nuova che tanto desiderava.

Giorgio chiede aiuto

Non lavorando più come ortopedico e avendo più tempo a disposizione, Giorgio ha capito che era necessario ricorrere a un consulente finanziario in grado di aiutarlo a scegliere la strada migliore da seguire.

Giorgio ha così raccontato al consulente finanziario del suo contrastato rapporto con gli investimenti: i suoi risparmi li ha sempre tenuti “parcheggiati” su un conto corrente. Non voleva rischiare. Voleva un rendimento sicuro. Oggettivamente, questo modo di investire ha fruttato qualcosa, ma soprattutto recentemente ha reso molto poco (i tassi d’interesse si sono ridotti moltissimo negli ultimi vent’anni) e, in generale, ha ottenuto meno di quello che avrebbe potuto ottenere con un buon investimento.

Le scelte di Giorgio sono state influenzate dalla convinzione, un po’ miope, che il suo livello di reddito non sarebbe mai diminuito; di conseguenza non ha mai sentito la necessità di pianificare la gestione dei suoi risparmi una volta terminata la carriera lavorativa. Giorgio credeva, infatti, che le sue abitudini non sarebbero mai cambiate. Chiaramente, abituarsi a un tenore di vita più basso non è cosa semplice. Anche perché, dopo una vita spesa nel suo studio da medico ortopedico, vorrebbe smetterla di fare sacrifici.

Purtroppo il tempo, gli imprevisti della moglie Elena e i suoi nuovi desideri hanno fatto emergere i limiti di una pianificazione finanziaria insufficiente.

L’agguato dei bias cognitivi

Il consulente finanziario spiega a Giorgio che ha peccato di Projection Bias, errore piuttosto comune tra i risparmiatori, e che deve cominciare un programma di investimenti per integrare la propria pensione e rimediare agli errori del passato. Come molte “vittime” del Projection Bias, Giorgio ha creduto che le cose non sarebbero cambiate nel tempo, che il suo livello di reddito sarebbe in qualche modo rimasto invariato. Una forma di pigrizia mentale che induce a una pericolosa inazione.

La soluzione efficace

E così, non avendo fatto nulla prima, Giorgio deve fare qualcosa adesso. Più precisamente, il consulente finanziario gli suggerisce di investire il capitale accumulato nel tempo – un discreto gruzzoletto, in verità – in un portafoglio Income: un portafoglio cioè di fondi comuni accuratamente scelti per generare un reddito integrativo grazie ai loro proventi (sostanzialmente cedole e dividendi). Il portafoglio ha anche l’obiettivo di difendere il capitale accumulato dall’effetto erosivo dell’inflazione e, possibilmente, di crescere nel tempo. In fondo è proprio ciò di cui Giorgio ha bisogno: un aiuto extra per gestire al meglio il periodo della pensione senza dover ridurre il proprio tenore di vita.

Mentre il portafoglio income lavora per lui, Giorgio si accontenta di giocare a golf una volta ogni tanto – dato che nel frattempo un fastidioso mal di schiena ha fatto la sua comparsa…


Aumenta la tua intelligenza di investitore

Con guide, video e un test interattivo, incomeIQ rende più consapevoli i risparmiatori dell’importanza di pianificare e investire per la vita.
Scritto da

Fondato nel 1804, quotato alla Borsa di Londra dal 1959 e parte dell'indice FTSE 100, Schroders è uno dei principali gruppi finanziari globali, che ha fatto della gestione di capitali la propria esclusiva attività. Si distingue per indipendenza, stabilità degli assetti proprietari e solidità dei bilanci. La capacità di puntare lontano e anticipare i trend d’investimento ne caratterizza la storia da oltre due secoli: con approccio rigoroso e illuminato la società mira alle migliori opportunità in tutto il mondo, osservando i mercati internazionali e locali da una prospettiva privilegiata. Questo le ha permesso di superare con successo i periodi economici sfavorevoli e di crescere fino a diventare uno dei leader mondiali del settore.

Nessun commento

lascia un commento

Schroder Investment Management

Esclusione di garanzia e limitazione di responsabilità

A giudizio di Schroder Investment Management (Luxembourg) S.A. le informazioni fornite in questo sito sono accurate alla data della pubblicazione. Tuttavia la società, le sue consociate, gli amministratori ed i dipendenti di Schroders o delle sue consociate non prestano alcuna garanzia di esattezza delle medesime. Conseguentemente non potranno essere tenute responsabili per eventuali errori od omissioni nelle informazioni fornite.

Riservatezza
Schroder Investment Management (Luxembourg) S.A. pone la massima cura nel salvaguardare la riservatezza di qualsiasi informazione personale che le viene fornita tramite questo sito. Il nostro sito web non riconosce il vostro nome di dominio o il vostro indirizzo di posta elettronica, ma soltanto il paese di residenza da voi indicato.