a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAABC FINANZAScopri quanto puoi guadagnare a non fare trading su FX

Scopri quanto puoi guadagnare a non fare trading su FX

Questa è la storia di un cervello anestetizzato dall’avidità e dall’adrenalina.

Il cervello è quello di Andrea, che s’è visto svampare il conto già due volte da quando ha iniziato a fare trading con le divise. Pervicacia del trading su FX (e non solo).

Andrea si rende conto, lo dice lui stesso, che “è un po’ come il gioco d’azzardo, non riesco a starne lontano”.

L’ho conosciuto per caso, Andrea, un robusto rappresentante di commercio di 53 anni che mi ha raccontato la sua storia, simile a tante altre. S’è messo a fare trading dopo una brutta esperienza con una polizza unit-linked (dopo 15 anni gli ha reso meno dell’inflazione) e un deludente investimento in oro fisico. Così, circa un anno fa, ha aperto un account su uno dei tanti siti di trading online che fanno capolino ovunque sul web. Gli hanno subito regalato un programmino che fa tanti grafici belli colorati pieni di medie mobili, candele, pallini. Praticamente la versione finanziaria dei tarocchi napoletani. Regalato, poi, è ancora più bello. La cartomanzia fa meno male, però.

“Sembrava così facile far soldi” ricorda.  Ma gli è andata così male che, se gli chiedi se si è mai reso conto dei rischi del trading, lui dice che “Quale rischio? Io perdo sempre e basta”. Forse ora ha capito che ci guadagna di più a non fare trading. La promessa dei soldi a palate è super-improbabile.

Ma molti continuano a cascarci. Se no non si spiega come mai continuano ad arrivarmi email tipo questa:

fx

 

Ma vogliamo parlare del pulsantone con su scritto “Comincia a guadagnare”?

O del fatto che ti dicono che in 45 minuti impari con gli “esperti” di Netaffiliation Portugal (con sede legale in Lagoas Park, Porto Salvo-Oeiras, mica bruscolini) e il pdf in regalo, e che in un’ora puoi guadagnare 10-11mila euro? Ma, esattamente, investendo quanto? Miliardi, migliaia, centinaia di euro? Forse il capitale investito è un filo importante…(sarà per quello che già babilonesi e antichi egizi utilizzavano il concetto di tasso di rendimento?).

Ancora mi stupisco che Consob consenta a questo trading dei miracoli di essere pubblicizzato con ogni mezzo. È un paradosso. Da un lato si regolamenta fino all’ingessatura ogni attività e servizio finanziario, con gli uffici Compliance delle banche pronti a frenare qualunque spinta innovativa se solo vagamente dubbia nell’ottica del regulator. D’altro canto poi ti trovi questi del FX trading, opzioni binarie, CFD , a leva o no, e altri mostriciattoli del genere, che fanno pubblicità anche in prima serata in TV, su web, sui giornali, via email promettendo guadagni tanto incredibili quanto rischiosi e improbabili.

Qualcosa non va. Parliamone, ciurma, parliamone… La follia è tra noi, statene alla larga.

Scritto da

Ha solcato i mari della finanza in lungo e in largo, su imbarcazioni piccole e grandi, con i mercati in tempesta oppure cavalcando grandi onde d’ottimismo. Da anni soffre di contorcimenti interiori che lo turbano nel profondo, e questo non solo per gli eccessi di frutti di mare, bensì per come vengono trattati i risparmiatori e per le tristi condizioni in cui versa l’industria che li dovrebbe gestire. E allora Jack Sparrow invoca l’ammutinamento! Basta con prodotti finanziari che fanno solo il gioco di chi li vende, basta con portafogli di risparmio che cozzano contro il buon senso! Entra nella ciurma di Jack e segui i suoi consigli per trasformare il tuo disagio in qualcosa di utile per i tuoi risparmi.

Ultimi commenti
  • E’ come l’agricoltura … per diventare milionari basta cominciare da miliardari…

  • Concordo! Scandaloso che venga permessa questa pubblicità ingannevole persino in prima serata.

  • “Ancora mi stupisco che Consob consenta a questo trading dei miracoli di essere pubblicizzato con ogni mezzo.”

    Sono d’accordo, la Consob dovrebbe bloccare tutte queste cose, comprese le newsletter dove ti propongono di investire i tuoi sudati risparmi replicando i portafogli pubblicati da emeriti sconosciuti su un sito, con nomi tipo “viva il calcio” o “crediamo nella ripresa”.
    Chi mai rischierebbe i suoi soldi in questo modo?
    Roba da pazzi!

    • NB Forse dal commento non si capisce ma il tono è ironico.
      Il Forex è un mercato basato sull’incrocio di domanda e offerta, come le azioni, ci puoi operare in modo serio e metodico e guadagnarci, oppure no e perderci, come le azioni.

      Devo dire che ho visto gente perdere cifre enormi con le azioni, mai grosse cifre con il Forex.

  • DIciamo che Consob non e’ che brilli proprio per vigilanza ultimamente… In effetti questa roba e’ altamente tossica (per commissioni implicite elevatissime e per effetto leva). Mi piacerebbe sapere che numeri muove in Italia.

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.