a
a
HomeBRAND CORNERPensione: il futuro è oggi
Problema pensione futura Schroders Italia

L’INPS non se la passa bene, non è una novità. Ma pur sapendolo, gli italiani non hanno ancora preso coscienza del tutto del problema pensione. La colpa è anche delle trappole cognitive che ostacolano le nostre decisioni.


Il sistema previdenziale italiano sta attraversando tempi duri (ormai da un po’). L’INPS non riesce a far fronte alle uscite e le sue casse continuano a svuotarsi: il presidente dell’Istituto, Tito Boeri, ha annunciato che anche per il 2017 si prevede di chiudere i conti in rosso, seppur in miglioramento rispetto al 2016. Nel bilancio preventivo per il nuovo anno si stima un disavanzo di 6,1 miliardi di euro, decisamente negativo anche se meno peggio dei 7,6 miliardi messi in conto per il 2016.

Il messaggio comunque resta chiaro: c’è la possibilità – e non è poi così remota – che l’ente previdenziale nazionale non sia in grado di pagare tutte le pensioni di chi smetterà di lavorare negli anni a venire. Significa che si rischia di trovarsi con un pugno di mosche in mano quando sarà il momento di ritirarsi dal lavoro.

Pensare al futuro è una responsabilità individuale

Per questo è importante rendersi conto della situazione e prendere in mano in prima persona il proprio futuro previdenziale.

Eppure questa presa di coscienza sembra ancora lontana. Secondo l’ultimo rapporto del CENSIS, fare investimenti di lungo periodo è un’opzione solo per il 22,1% degli italiani, una quota molto inferiore a quella di chi vuole potenziare i propri risparmi (il 56,7%) e tagliare ancora le spese ordinarie per la casa e l’alimentazione (il 51,7%). Il risultato? Dall’inizio della crisi a oggi gli italiani hanno accumulato liquidità aggiuntiva per 114,3 miliardi di euro – un valore superiore al PIL dell’Ungheria. Alla fine del secondo trimestre 2016, la liquidità detenuta dagli italiani in contanti o depositi non vincolati ammontava a 818,4 miliardi di euro, con il 36% degli intervistati che tiene regolarmente contante in casa per le emergenze e una quota di investimenti sul PIL italiano pari solo al 16,6% (nel 2015).
SCHRODERS

Pessimismo sulla situazione economica

Si tratta di un atteggiamento “difensivo” che è probabilmente figlio di un certo pessimismo: secondo il report CENSIS, il 61,4% degli intervistati è convinto che il proprio reddito non aumenterà nei prossimi anni, e il 57% è sicuro che i figli e i nipoti non vivranno meglio di loro. Ma questo giocare in difesa non paga.

Inoltre, secondo un recente studio di Schroders, gli italiani che investono i loro soldi lo fanno per periodi troppo brevi: in media restano investiti per 2,6 anni, contro una media europea di 3,3 anni e il 29% si ferma a meno di 12 mesi.

Ma perché gli investitori rimandano a tempo indefinito il momento in cui occuparsi del proprio futuro previdenziale? Sicuramente un ruolo lo giocano le ristrettezze finanziarie, che spingono a utilizzare i risparmi per esigenze quotidiane. Ma non è solo questo: si tratta anche di una specie di barriera mentale che ci porta a non pensare troppo al futuro.

Se la mente ci mette il bastone tra le ruote

Avete mai sentito parlare di projection bias? È la tendenza a pensare che le nostre opinioni ed esigenze del presente rimarranno invariate in futuro, cosa assai poco probabile. E di “focus sul presente”? In questo caso ci riferiamo alla tendenza a concentrarsi sull’ hinc et nunc (qui e ora), dando priorità ai guadagni immediati. Senza considerare che, quando siamo giovani, il nostro cervello in genere si rifiuta di pensare agli anni della vecchiaia.

Sono tutte trappole cognitive che ostacolano una corretta pianificazione finanziaria. Rendersi conto dei meccanismi che scattano è già un primo passo per riuscire a riconoscerli ed evitarli.


Aumenta la tua intelligenza di investitore

Con guide, video e un test interattivo, incomeIQ rende più consapevoli i risparmiatori dell’importanza di pianificare e investire per la vita.

Scritto da

Fondato nel 1804, quotato alla Borsa di Londra dal 1959 e parte dell'indice FTSE 100, Schroders è uno dei principali gruppi finanziari globali, che ha fatto della gestione di capitali la propria esclusiva attività. Si distingue per indipendenza, stabilità degli assetti proprietari e solidità dei bilanci. La capacità di puntare lontano e anticipare i trend d’investimento ne caratterizza la storia da oltre due secoli: con approccio rigoroso e illuminato la società mira alle migliori opportunità in tutto il mondo, osservando i mercati internazionali e locali da una prospettiva privilegiata. Questo le ha permesso di superare con successo i periodi economici sfavorevoli e di crescere fino a diventare uno dei leader mondiali del settore.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Schroder Investment Management

Esclusione di garanzia e limitazione di responsabilità

A giudizio di Schroder Investment Management (Luxembourg) S.A. le informazioni fornite in questo sito sono accurate alla data della pubblicazione. Tuttavia la società, le sue consociate, gli amministratori ed i dipendenti di Schroders o delle sue consociate non prestano alcuna garanzia di esattezza delle medesime. Conseguentemente non potranno essere tenute responsabili per eventuali errori od omissioni nelle informazioni fornite.

Riservatezza
Schroder Investment Management (Luxembourg) S.A. pone la massima cura nel salvaguardare la riservatezza di qualsiasi informazione personale che le viene fornita tramite questo sito. Il nostro sito web non riconosce il vostro nome di dominio o il vostro indirizzo di posta elettronica, ma soltanto il paese di residenza da voi indicato.