a
a
HomeECONOMIA E MERCATICOMMENTO AL MERCATOFondi quotati, masse sopra i 100 milioni al giro di boa del 2016

Fondi quotati, masse sopra i 100 milioni al giro di boa del 2016

A fine anno è tempo di bilanci, anche per il mercato dei fondi quotati. Nel 2016 i nuovi arrivi sul listino di Borsa Italiana hanno registrato un rallentamento, ma le masse sono più che raddoppiate. Ecco le principali novità.

Masse in crescita

Il 2016 si sta per chiudere ed è tempo di tirare le somme. Il secondo anno di vita del segmento di ETF Plus dedicato agli OICR aperti ha visto un rallentamento del numero di nuove quotazioni rispetto al 2015 – il totale a fine novembre 2016 è di 133 fondi (erano 100 già a dicembre 2015). Inoltre abbiamo assistito ai primi ripensamenti, che si sono concretizzati in qualche delisting e sospensione dalle negoziazioni. Ma le masse sono cresciute. Al 30 novembre 2016 (sono i dati disponibili più recenti nel momento in cui scriviamo), gli asset under management dei fondi quotati a Piazza Affari risultano più che raddoppiati rispetto a fine 2015: hanno superato i 100 milioni di euro (100,7), contro i 49,35 milioni di 11 mesi fa (fonte: Borsa Italiana).

L’evoluzione del mercato ETF Plus di Borsa Italiana:

fondi

Certo la strada è ancora lunga: ad oggi il listino resta dominato da operatori di piccole dimensioni – l’unico player globale di un certo peso è TCW, che ha quotato 12 fondi a ottobre 2015: i player più grandi restano ancora legati alla logica degli accordi distributivi con le reti, che caratterizzano il mercato italiano.

“Per diverse società, la quotazione su Borsa Italiana porta valore aggiunto e consente un posizionamento strategico chiaro con un accesso ampio a diverse tipologie di risparmiatori”, sottolinea Alexandre Vecchio, director e strategic advisor di Aeneis Partners, società con sede nel Regno Unito che aiuta asset manager internazionali a sviluppare la propria attività in Italia e sui mercati di lingua italiana e ha già accompagnato diverse SGR nel percorso di quotazione dei loro fondi. Ad oggi però, “molti intermediari non danno ancora accesso a questo canale, riducendone di fatto le potenzialità. E le sospensioni dalle negoziazioni a cui abbiamo assistito negli ultimi mesi sono sicuramente influenzate da questo fattore”.

Nuovi arrivi, ritorni e arrivederci

In ogni caso le novità in questo 2016 non sono di certo mancate.

Una di queste è stata la quotazione del primo fondo di investimento etico, Investimenti Sostenibili Lifegate. Il fondo, nato da una partnership tra Sella Gestioni SGR (Gruppo Banca Sella) e il network italiano Lifegate, è il primo che vede come emittente una società appartenente a un gruppo bancario, un segnale interessante per il mercato ETF Plus.

Nel corso dell’anno poi ci sono stati diversi nuovi debutti, oltre a ulteriori round di quotazioni da parte di operatori che avevano già portato parte dei loro prodotti a Piazza Affari. I nuovi emittenti sbarcati in Borsa con i loro fondi nel 2016 sono in tutto otto: oltre a Sella Gestioni SGR, ci sono Atomo, Finlabo Investments SICAV, Eiger SICAV, Pensplan SICAV – con sei fondi quotati a marzo e sospesi a giugno a tempo indeterminato – Silk Invest, Aism Global Opportunities e Rivage Investments.

Se dovessimo scattare una fotografia allo stato attuale, il mercato dei fondi quotati appare dominato da prodotti domiciliati in Lussemburgo, che rappresentano circa il 70% del totale, mentre quelli di diritto italiano si attestano al 14%. Ma compare anche qualche fondo di diritto irlandese (11% circa), maltese (meno del 4%, e tutti momentaneamente sospesi dalle negoziazioni) e francese (1%).

A livello di categoria infine, i più numerosi tra i fondi quotati sono i flessibili, pari al 31% circa del totale, insieme ai fondi obbligazionari (sempre 31% considerando anche i Titoli di Stato), mentre gli azionari si fermano al 29%.


AO Tutor: la guida del tuo risparmio

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.