a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'L’economia della Cina rallenta. I mercati devono preoccuparsi? E gli investitori?

L’economia della Cina rallenta. I mercati devono preoccuparsi? E gli investitori?

“La Cina perde il suo allure. Gli anni d’oro sono finiti”

Così scriveva l’Economist nel gennaio scorso. Il tema è caldo a livello internazionale, tant’è che qualcuno profetizza il crollo del sistema. Ma come stanno veramente le cose?

Senza alcun dubbio il rallentamento dell’economia cinese è un fatto. Una nuova conferma giunge dall’ultimo indice della produzione manifatturiera, prossimo a 50 (una volta scesa sotto questa soglia, l’economia passa dall’espansione alla contrazione).

indice-produzione-manifatturiera-cinaPerché?

Il gigante cinese negli anni, a fronte di un certo andamento delle esportazioni, ha visto aumentare gli investimenti interni in maniera rilevante. La crescita è stata supportata da un forte aumento del credito che ha portato a gonfiare i prestiti dubbi e, tra l’altro, ha creato una bolla immobiliare, soprattutto nelle grandi città. Di fronte a un’economia i cui tassi di crescita cominciavano a ridursi, l’amministrazione centrale si è trovata a dover gestire una crescente bolla del credito, un’inflazione elevata e un sistema finanziario che erogava troppi prestiti.

Potrebbe sembrare che il rallentamento dell’economia cinese sia di tipo congiunturale e quindi temporaneo, tuttavia esistono diverse ragioni per cui ritenerlo abbastanza permanente.

  1. Governare la crescita. Non è certamente semplice, i policy makers si sono trovati di fronte all’estrema difficoltà di governare adeguatamente la crescita economica del paese.
  2. Cambiare il modello di sviluppo per renderlo più sostenibile nel lungo periodo. In particolare la Cina vorrebbe:
    • passare da un modello di investimenti ed esportazioni a uno centrato più sui consumi interni;
    • da un modello prettamente industriale a  uno basato sulla crescita del settore dei servizi;
    • da un modello di produzione di beni a basso prezzo a uno basato su prodotti a valore aggiunto elevato;
    • da un modello di bassi salari e abbondanza di manodopera a uno (soprattutto nelle zone costiere) con poca manodopera e costi di produzione più elevati;
    • abbandonare lo sviluppo costiero e puntare sugli insediamenti industriali nell’interno del paese.
  3. Combattere la corruzione
  4. Costruire uno Stato sociale sufficientemente forte. Questo obiettivo potrebbe richiedere un aumento dell’imposizione fiscale e  scontrarsi pertanto con gli interessi delle classi più ricche.

In tale contesto non mancano visioni contrapposte degli scenari futuri.

broompicUna visione pessimista

Secondo alcuni osservatori esistono delle similarità tra il blocco dello sviluppo del Giappone degli anni ’90 e quello attuale della Cina. Entrambi i Paesi hanno adottato il “modello di crescita asiatico”. Modello che basa lo sviluppo economico su elevati livelli d’investimento ed esportazioni. Le imprese industriali ricevono capitale (abbondante) e a buon mercato, le esportazioni sono favorite da un tasso di cambio basso, il risparmio incoraggiato a scapito dei consumi. Un modello siffatto tuttavia tende a generare eccesso d’investimenti, bassa domanda, bolle del credito e bolla del settore immobiliare.

In tale ambito, secondo la visione pessimista, il cambiamento (esattamente come in Giappone) è difficile che avvenga in maniera ordinata con una crescita dei consumi. Piuttosto è più facile che avvenga con un collasso degli investimenti e dello sviluppo economico. Secondo taluni osservatori è possibile che la Cina possa vivere una stagnazione economica di tipo giapponese.

Una visione ottimista

Gli ottimisti ritengono invece che la classe dirigente del paese ha saputo superare in passato difficoltà maggiori di quelle attuali. Basti pensare alle grandi trasformazioni degli ultimi 35 anni che hanno favorito l’uscita dalla povertà di milioni di persone e l’insediamento dalla campagne alle città di milioni di abitanti. Inoltre negli ultimi anni lo yuan si è rivalutato fortemente rispetto al dollaro e alle altre valute e il costo del lavoro è cresciuto, favorendo il ribilanciamento dell’economia cinese.

Le vaste disponibilità di risorse finanziarie e opportunità di sviluppo del Paese rappresentano inoltre delle possibilità di vittoria per l’economia nel suo complesso.

Investire in Cina e nei Paesi Emergenti

Dov’è la verità? Sarà il corso degli eventi a dire come andranno le cose. Molti investitori considerano la Cina un buon mercato per i propri investimenti.

Noi di Advise Only, lo saprete, proponiam0 gratuitamente ai nostri utenti 9 portafogli di investimento. Basta accedere al sito e cliccare l’app Portafoglio Express (puoi copiare e salvare i portafogli sul tuo account). Questi 9 portafogli hanno la caratteristica di essere ben diversificati e attualmente presentano un’esposizione contenuta verso i Paesi Emergenti. In particolare, riteniamo che la Russia e la Cina presentano per ora le migliori valutazioni tra i paesi BRIC. Se volete saperne di più sull’opinione di mercato di Advise Only vi consigliamo di dare un’occhiata alla nostra asset allocation mensile.

Se invece siete interessati a un portafoglio incentrato soltanto su questo tema di investimento, allora cliccate su “Mercati Emergenti“: un’idea alla quale potete ispirarvi, che potete seguire o copiare. Buona navigazione!

Clicca per aprire il portafoglio

Investire mercati emergenti

Scritto da

Dopo l'importante esperienza lavorativa in AdviseOnly, dove ha ricoperto il ruolo di portfolio advisor e analista macroeconomico, è entrato in Cassa Depositi e Prestiti. Ha conseguito la Laurea in Economia Politica all'Università degli Studi di Roma I "La Sapienza", trascorrendo alcuni periodi di studio all'estero ed il Master in Finance (II livello) presso l’Università di Torino (CORIPE Piemonte). La sua principale passione è l'economia.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.