a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'L’Italia davanti all’incubo default. Cosa succederà?

L’Italia davanti all’incubo default. Cosa succederà?

L’Italia può fallire?

Partiamo da alcuni semplici fatti: l’Italia ha un debito pubblico elevato (rapporto debito/PIL del 120%), da qui alla fine del 2014 deve trovare circa 750 miliardi di euro per finanziarsi, ha perso credibilità politica ed ha un’economia che non cresce da troppo tempo. Ovviamente, più alto è il tasso d’interesse da pagare sul debito, peggio è la situazione. In questo momento l’Italia paga il 6,3% sul debito a 10 anni, il 6% abbondante su quello a 5 anni e il 5,3% su quello a 2 anni. Il punto è: se un soggetto perde credibilità con i creditori e non produce reddito, come ripaga il debito? Il problema quindi esiste ed è purtroppo serio. Ma quanto serio?

I mercati finanziari quotano tutti i giorni la probabilità di fallimento dell’Italia tramite il mercato dei CDS, un mercato delle assicurazione sul default (definizione semplificata, ma che coglie l’essenza dei CDS). Ebbene secondo i mercati, l’Italia ha una probabilità di fare default nei prossimi 2 anni pari a 16,5%, mentre a 5 anni tale probabilità balza a 35%.

Non mancano opinioni autorevoli: il Nobel Paul Krugman ci dà praticamente per spacciati. Scrive infatti sul suo blog che gli attuali livelli del tasso d’interesse a 10 anni dei BTP rappresentano “un livello al quale il costo di rinnovare il debito porta forzatamente ad un default, anche se l’Italia ha un avanzo primario” (qui trovate il post in questione). C’è da sperare che si sbagli, ma certamente la possibilità di un default dell’Italia non si può escludere.

Che cosa succede se l’Italia fa default?

Si mantiene valida l’analisi effettuata da Pasquale Rossi in un post pubblicato su questo blog, con un’importante differenza: l’Italia ha un’economia che è oltre sei volte quella greca, l’ammontare delle obbligazioni emesse è quindi enormemente più grande e così pure i danni associati ad un eventuale default.

Un primo problema sorgerebbe a livello bancario. In uno studio della banca Goldman Sachs (che potrà non riscuotere grandi simpatie al momento, ma ha ottimi analisti) apparso a luglio 2012 si afferma che:

l’interconnessione tra Italia, Spagna come emittenti di obbligazioni, le banche dei rispettivi Paesi e il sistema finanziario europeo è tale che l’instabilità può avere estreme conseguenze, ben oltre i confini nazionali”.

Un’efficace rappresentazione grafica del livello di connessione la potete vedere cliccando qui.

La sintesi dello studio di Goldman Sachs è che, se l’Italia fa default, vanno seriamente sott’acqua anche Francia e Germania, non tanto per l”esposizione diretta al BTP (peraltro non trascurabile), quanto per i rapporti sul mercato interbancario e finanziario. Siccome sia le banche francesi, sia quelle tedesche sono troppo grandi per essere salvate dai rispettivi governi e sia la Germania, sia la Francia sono economie troppo grandi per essere salvate dall’FMI (Fondo Monetario Internazionale), se fallisce l’Italia scatta quasi sicuramente l’effetto domino. Forse (sottolineo: forse) un default greco si può contenere, ma è improbabile che si possa contenere un default italiano.

Il default, con annessa crisi bancaria, trascinerebbe l’Italia fuori dall’euro. Perciò, tutti coloro in grado di farlo, porterebbero i loro risparmi in banche estere, per evitare la conversione forzata nella nuova valuta domestica italiana. Il che comporterebbe un forte deprezzamento della divisa, cioè una crisi valutaria.

L’ondata di panico e di avversione al rischio innescata da questi eventi creerebbe una crisi di liquidità: le banche eviterebbero di prestare denaro alle altre banche (si avrebbe una crescita dei depositi presso la BCE, tendenza già in corso e di cui abbiamo già parlato), alle imprese e ai consumatori. Ciò, come intuibile, porterebbe l’Italia e probabilmente l’intera Europa (se non l’economia mondiale) in profonda recessione, viste le interconnessioni esistenti nell’economia mondiale. Quindi disoccupazione e riduzione del reddito delle famiglie, con tutte le conseguenze sociali del caso.

Come si è già visto durante la crisi creditizia del 2008, la scarsa liquidità e la necessità di denaro porterebbero inoltre alla vendita generalizzata di attivi liquidi, in primis le azioni, innescando un’ulteriore discesa dei valori. Questi eventi andrebbero ad intaccare reddito e patrimonio dei risparmiatori. Anche se va detto che è implausibile che un eventuale default dell’Italia comporti il mancato pagamento dell’intera somma dovuta: più verosimilmente, si tratterebbe di rimborsare parzialmente l’ammontare, e/o di variare i termini di pagamento, ad esempio allungando la scadenza.

Succederà davvero?

Sperabilmente no: come mette in luce l’ultimo rapporto di Banca d’Italia sulla stabilità finanziaria, l’Italia ha molti punti di forza, quali:

  • il contenuto livello del disavanzo di bilancio rispetto ad altre maggiori economie,
  • il basso indebitamento del settore privato,
  • la solidità delle banche,
  • il limitato debito estero.

È un Paese che può e deve stare in piedi. Per farlo, l’Italia deve innanzitutto aiutarsi da sola, trovando la forza di uscire dalle secche politiche, dandosi un Governo in grado di fare ciò che va fatto: stimolare la crescita economica tenendo sotto controllo i conti pubblici. Ma l’aiuto può arrivare anche dalla Banca Centrale Europea. Come osserva acutamente il neo-premio Nobel Cristopher Sims (qui il link), l’abilità di un Paese di stampare moneta è la garanzia che il suo debito verrà sempre ripagato: le banche centrali nascono con il ruolo cruciale di “prestatrici di denaro d’ultima istanza” e garanti della stabilità. I Paesi dell’area Euro hanno perso questo privilegio e la BCE non ha, al momento, questo ruolo. Si tratta forse di recuperarlo. E questo compito grava sulle spalle di Mario Draghi.

Che cosa fare con i risparmi?

Noi di Advise Only abbiamo pensato di realizzare i portafogli anti-crisi, idee di investimento a vostra disposizione gratuitamente sul sito. I diversi scenari della crisi dell’euro sono:

  1. Euro Tsunami: la crisi NON si risolve positivamente, l’euro cessa di esistere e/o si verificano default multipli all’interno dell’area euro, Italia inclusa.
  2. Euro OK: vengono effettuate azioni efficaci a livello politico e monetario e la crisi si risolve positivamente in tempi ragionevoli, l’Eurozona ne esce rafforzata da tutti i punti di vista.
  3. Intermedio: la soluzione arriva, lentamente, ed è più dolorosa e meno convincente; potrebbe trattarsi di uscite selettive di Paesi dell’area euro, o addirittura si potrebbe arrivare ad una bipartizione dell’euro. Il tutto in modo relativamente controllato, senza ingenerare reali catastrofi, anche se con un impatto economico profondamente negativo.

A questo si è aggiunto Euro Rinascita. Scegliete lo scenario e il portafoglio a esso associato. Potrete investire somme anche contenute coprendo tutta la gamma di possibili opinioni sul destino dell’euro zona.

Accedi gratis al sito Advise Only (o registrati, se ancora non l’hai fatto), è gratis.

 

Scritto da

Uno dei fondatori di AdviseOnly, responsabile del Financial & Data Analysis Group. Esperto di finanza e gestione dei rischi, statistico Bayesiano, lunga esperienza in Allianz Asset Management, è laureato in scienze economiche con indirizzo quantitativo-statistico all'Università di Torino. Docente di Quantitative Portfolio Management al Master in Finance dell'Università di Torino, ha pubblicato vari articoli su riviste finanziarie (fra le altre: Journal of Asset Management, Economic Notes, Risk), contribuendo a libri su investimenti e gestione dei rischi. Ex-triathleta, s'ostina a praticare apnea, immersioni e skyrunning.

Ultimi commenti
  • Avatar

    La crisi finanziaria europea provocherà un crack nella Borsa ad ottobre 2012, sarà il crollo dell’economia mondiale, in gran parte d’Europa le banche avranno le casse vuote e saranno chiuse. I sacrifici economici che gran parte della popolazione aveva fatto con la speranza di un futuro migliore si saranno dimostrati inutili. E’ importante essere preparati a questa crisi economica, visto che le banche chiuderanno è necessario prelevare il denaro contante prima del crollo totale, perché dopo sarà impossibile farlo.

  • Avatar

    il problema non è il debito pubblico ma l’essere nella comunità europea! Esempio lampante è il giappone con il 200% di debito pubblico

    • Raffaele Zenti

      Certo. E, nella sostanza, il problema è la fiducia. Che è mancata quando i mercati hanno realizzato appieno che c’era una falla nel sistema EU: mancava la possibilità di stampare denaro a go-go, garantendo comunque la solvibilità.
      Ma direi che, seppur a fatica, ci si sta muovendo nella direzione giusta.

  • Avatar

    BISOGNA TOGLIERE TUTTI I PRIVILEGI ALLA CASTA,ALLA CHIESA E CHE TUTTI PAGNINO LE TASSE!
    Oltre che liberarsi dal potere della Germania che ci sta mandando tutti quanti alla rovina..

  • Avatar

    io farei una cosa bellissima, azzerare il debito pubblico generato dalla stampa di soldi fittizi …il debito non esiste ricordatevelo, sono solo miseri pezzi di carta, le banche fallissero pure, noi ritorniamo a coltivare la terra, produrre scarpe e magliette, allevare bestiame…tutto in italia,vediamo se veramente moriamo di fame, chi muorira’ di fare saranno le banche

    • Avatar

      E no bello! I debiti esistono eccome. C’è gente che non ha mai pagato una sega di tasse, imposte e tributi in Italia. Tutti in nero, tutto a reddito 0, con pensioni d’invalidità per ogni familiare, soprattutto al Sud; dove passano tutto il giorno a giocare a carte a fumare canne o a sniffare polvere bianca mentre ogni mese lo Stato paga fior di sussidi come finti braccianti o ciechi. Tassa sull’immondizia? Ahahaha! Tassa sulla casa? Ma quando mai…tutti nullatenenti o invalidi impignorabili ma che girano con i SUV, le coupè o i maxi scooter.

      • Avatar

        ei polentone del ca…. ma guardati pure tu al nord, che i ladri sono pure a casa tua, ma il telegiornale lo segui ogni tanto?ignorante che non sei altro

  • Avatar

    lavoro per tutti, tutti lavorano e tutti spendono per prodotti realizzati in italia, consumati in italia, i soldi restano in italia,questo va fatto…se falliamo il petrolio ci costera’ per 100 volte? bene la maglietta per essere prodotta costera’ per 100 volte, ma se ci sono operai che lavorano , che spendono per acquistare merce che un’altro settore italiano produce, tutti possono spèendere perche tutti lavorano..freghiamocene delle banche,dei titoli in borsa, dello spred e di tutto quello che loro vogliono farci credere

  • Avatar

    perche dobbiamo chiedere soldi alla bce se quei soldi poi vanno alle banche che non erogano neanche un centesimo alle imprese ? se li giocano in borsa le banche s.p.a. dove i maggiori azionari sono politici ….andate a f……

  • Avatar

    Diciamo che in linee generali quello riportato nel post potrebbe
    succedere, ma è solo 1 delle ipotesi. Difatti Paesi come L’Argentina, in
    crisi economica nel 2001 con guerra civile annessa, con 3 presidenti
    del consiglio cambiati in 2 mesi, oggi è divenuta il cardine dell’
    Economia Sud Americana. Bastava solo copiare quello che ha fatto questo
    stato Sud Americano, ma secondo voi chi lo potrà mai fare? I miliardari
    politici? Ma nemmeno per l’anticamera. Loro sono attaccati a mamma
    Europa, e sopratutto si fanno comandare a bacchetta dai burocrati, vanno
    a Bruxelles porgendo l’altra guancia, ed intanto la gente muore di
    fame, e la disoccupazione è a livelli di 3 mondo. Le favolette del
    debito pubblico, a me che ho studiato economia non le devono raccontare,
    altrimenti mi incazzo di brutto. Perchp non guardano il Giappone? E’ lo
    stato al mondo con il più alto debito pubblico, quasi il doppio del
    nostro, eppure non vedo che abbia i nostri problemi, sopratutto nello
    Spread, ed anche se ultimamente è in stagnazione sul lavoro, ne ha creato cosi tanto benessere fino
    a qualche anno fa, che resta una super potenza economica, e sopratutto
    ha avuto tante catastrofi natuali, che se fossero successe in europa,
    forse già saremmo annessi all’ Africa. Signori, prima usciamo dall’ Euro
    e dal’ Europa e prima possiamo ripartire.

    • Avatar

      Ecco bravo con l’Argentina hai fatto proprio l’esempio giusto da seguire.

      Sono 30 anni che rotola giù per le scale ed adesso è sull’orlo del fallimento un’altra volta.

  • Avatar

    Non ce bisogno di essere laureati,, altro che crisi ormai Al punto di non ritorno siamo , il debito e alle stelle , lavoro zero, stipendi basi, disoccupazione alta, imprese che chiudono, tasse Alte, speculazione, e questi ancora rompono le balle col porcellum, mattarellum, i saggi, i tecnici, la Salerno Reggio Calabria saranno 30 anni di lavori e non e ancora terminata e questi buffoni devono farci uscire dalla crisi!!! Ci credo poco

    • Avatar

      Il primo che ci sta buttando nella m* fino al collo sei proprio tu. Guardati allo specchio attentamente…

  • Avatar

    Senza entrare troppo in tecnicismi: è auspicabile galleggiare qualche anno (perchè di questo si tratta) per poi ristrutturare comunque?
    Questa scelta fondamentale ora ha basi completamente aleatorie e da qui qualsiasi analisi vale quanto la previsione del rendimento di un’ azione.
    In generale i debiti andrebbero restituiti, e profonde sono le conseguenze delle scelte sinora fatte non solo dalla classe politica, ma anche da una finanza che tiene sotto scacco gli Stati sovrani. Sicuramente il perdurare di questa situazione crea più danni che altro. La proposta quindi di mettere un PUNTO E ACCAPO oggi dovrebbe essere presa quantomeno in seria considerazione: è vero che sarebbe lacrime e sangue, però avrebbe il beneficio di ridare certezze nei tempi di rientro del debito. Il fatto che l’Italia poi riesca a tenere i conti in ordine deve valere in sede di contrattazione nei confronti dei creditori i quali avrebbero qualche certezza in più (in positivo o in negativo ovviamente) in riferimento ai loro investimenti nel nostro paese.
    Poi da qui si potrebbe partire su una base bassa ma solida per poter ridistribuire seriamente la ricchezza (o quel che rimane) a favore del tessuto produttivo nostrano: qui entra in campo la competenza strettamente politica di saper PIANIFICARE quello che l’ Italia vuole essere nel mondo e quindi decidere nell’ economia REALE su cosa puntare. Poi da qui e riattivare le produzioni e riattirare i capitali esteri il passo e breve. Non si può pretendere che si risolva tutto con un ddl senza spostare questo macigno dal groppone, e i mercati internazionali lo sanno.

  • Avatar

    Chi dice di fare defualt così siamo tutti nella m… mi sa che o non ha letto bene l’articolo o non ha capito un tubo di ciò che c’è scritto.
    Ad esempio non ha capito che la casta, in caso di default, avrà il tempo di portare il suo capitale all’estero e nella m… ci restano sempre i soliti fessi..

    • Avatar

      Te non andrai nella m* perchè ti basterà cambiare il pannolone quotidianamente a quella cariatide di uomo che segui solo perchè ha la grana. E attenta alle rughe, si notano molto. Ciao.

  • Avatar

    e nessuno tiene conto di tutti gli extracomunicari che pesano sul bilancio? l’italia continua ad ospitare ed erogare sussidi,fanno creare moschee ecc… non sarebbe ora che tutto questa finisca? che accordi segreti ci sono per rendere l’italia la pattumiera dell’europa… e poi fate pagare anche le tasse alle prostitute e i transex! certo non si risolverebbero tutti i problemi della crisi economica, ma sarebbe gia’ qualcosa…

    • Raffaele Zenti

      Senza dilungarmi e rimanendo strettamente su temi economici (…diversamente si potrebbe andare molto lontano e non mi va), faccio notare che l’immigrazione è, o forse dovrei dire “sarebbe”, una delle leve da utilizzare per sanare il sistema pensionistico italiano (uno schema Ponzi legalizzato), contribuendo decisamente al PIL. Andando fra l’altro a coprire segmenti occupazionali disdegnati dagli italiani. Per esempio (ma è solo uno degli esempi possibili), quello delle badanti, visto che abbiamo una popolazione drammaticamente vecchia.

    • Avatar

      L’Italia (che si scrive con la maiuscola, ma questo è un dettaglio) ci guadagnerebbe anche ad espellere tutti i pirla xenofobi.

  • Avatar

    italietta è di fatto fallita- 130 % DEBITO PIL ? NON ESISTEREBBE – poi troppi analfabeti straccioni analfabeti terroni preti canottiere infradito pizze chiacchiere merdaio zingari -è un paese di dementi – il popolo piu stupido d europa !!! ogni anno regalano 9 miliardi al vatic-ano per vendere fumo- agli italiani piace prenderlo in c……
    saluti

    • Avatar

      L’Italia è un Paese di dementi, dei quali, evidentemente, c’è un’attiva rappresentanza tra coloro che hanno recentemente commentato questo post.

  • Avatar

    Una cosa e’certa: la classe politica e dirigente europea, non solo italiota va azzerata.

  • Avatar

    La sovranità è la chiave di volta, non illudiamoci che chi la detiene ora abbia a cuore la felicità e il nostro benessere. Guardiamo indietro nella storia, siamo sempre stati presi a pesci in faccia dagli imperatori, re e governi di turno, non illudiamoci.

  • Avatar

    L’Italia affonda? E allora che si salvi pure Berlusconi, ma con tutti gli italiani!
    Ci stiamo arrovellando le meningi per sapere come andrà a finire la vicenda Berlusconi. Per vedere se il Cavaliere la sfangherà oppure no. Se il governo cadrà oppure no. Ma mai nessuno che si chieda: e al popolo chi ci pensa? Chi salverà gli italiani dalle politiche ‘lacrime e sangue’ imposte dalla Troika? Atteso che ‘la capra’ sta per gli italiani che cocciutamente ancora si ostinano a votare certi personaggi, e ‘il cavolo’, neanche a dirlo, sta per il Cav che confidando ancora in un qualche “salvacondotto” che dopo tre gradi di giudizio e relativa condanna ci sta, per l’appunto, come un cavolo a merenda, ecco la soluzione che comunque salverebbe ‘capra e cavolo’: una insana e inconsapevole amnistia!
    Un provvedimento urgente, promulgato a Camere riunite e ratificato dal Quirinale, che resetti tutto: dalle condanne politiche, al debito pubblico, dalle tasse, agli evasori, dai disoccupati, agli occupati strapagati, dalle pensioni sociali a quelle d’oro, dalle divisioni interne degli ottomila campanili italici, alla subalternità alla Germania unita! Sì, un bel colpo di spugna che sia l’esatto contrario del “muoia Sansone con tutti i filistei”: si salvi Berlusconi con tutti gli italiani!
    E chissenefrega se poi Berlusconi resterà a far politica, tanto peggio di così si muore. E poi la ‘speranza di vita’ del Cav mica sarà eterna come vorrebbero farla diventare per le famigerate pensioni dei comuni mortali!
    Insomma, una insana e inconsapevole amnistia politica, economica e sociale che decreti la cancellazione di tutte le condanne politiche, da quelle del Cav, reo di essere un italiano vero, all’insegna del peggior “chiagni e fotti” made in Italy, a quelle di un’opposizione colpevole di aver fatto di tutto e di più, tranne l’opposizione, per finire con l’annullamento di tutti i debiti, sia pubblici che privati, sia personali che sovrani. Insomma, ripartiamo da zero!
    Tanto, il debito pubblico ha assunto dimensioni tali da essere di fatto inestinguibile e per quante manovre finanziarie si possano e si debbano ancora fare, anziché diminuire, aumenta e continuerà ad aumentare.
    Tanto, Silvio Berlusconi ha assunto dimensioni tali da essere di fatto inarrestabile e per quante sentenze lo potranno condannare nessun giudice e nessun leader politico riuscirà mai ad ingabbiarlo.
    E allora ben venga una insana e inconsapevole amnistia che azzeri tutto, che salvi Berlusconi e che liberi tutti gli italiani. Questo sarebbe il giusto epilogo, l’ultimo paradosso, di un Paese sfasciato come il nostro.

  • Avatar

    L’analisi è lucida. Le soluzioni prospettate sono ingenuamente ottimistiche.

  • Avatar

    Io al contrario di qualcuno che si augura il peggio mi auguro che questi 4 politici che ci guidano se ne vadano fuori dai co…oni lasciando il posto a qualcuno che sia in grado di far rinascere l’ITALIA , in quanto Garibaldi e tutti quelli che l’hanno seguito in quell’ideale di uno Stato unito a tutti gli altri che hanno fatto del bene sia all’ITALIA che al popolo si stanno rivoltando nella tomba dalla VERGOGNA . Un po’ di serietà ci vuole

  • Avatar

    noi italiani siamo in default , ma i cinesi, giapponesi, coreani, filippini, romeni, polacchi , che sono qui da anni
    è non hanno mai pagato nulla di tasse, ma portato tutto nei loro paesi, comè lo stato non controlla questa gente
    oltre controllarsi loro stessi

  • Avatar

    Ciao,

    Il mio nome è Mr. Fred Peterson io sono il proprietario di prestito mondo fred peterson Offro prestiti a un tasso di interesse del 3%. se davvero. i vostri dati sono al sicuro con noi, in modo da avere nulla di cui preoccuparsi.

    E anche mi danno tutti i tipi di prestito che stai cercando in modo tutto quello che dovete fare ora è quello di applicare e ottenere il prestito veloce di oggi.

    Se siete interessati, vi prego di contattarmi tramite il mio indirizzo e-mail fredpetersonworldloan@yahoo.com.

    Cordiali saluti

    Mr. fred.

  • Avatar

    Ci sono molte cose non vere . Chiariamo una volta per tutte che se tornassimo alla lira non è che ciò che abbiamo vale di meno ,esiste per questo un tasso di cambio!!

  • Avatar

    BUONGIORNO ALLA VOSTRA ATTENZIONE

    Voi che siete alla ricerca di prestito di denaro, non so come voi annunciare la mia gioia poiché essendo io anche alla ricerca di prestito, sono caduto su una signora chiamata Vanessa Linocia. EL mi ha assegnato un prestito di 60.000 euro e ne ho parlato a molti colleghi che hanno anche ricevuto prestiti in quest’uomo senza avere preoccupazioni. Particolarmente a me, ho ricevuto la mia domanda di credito senza protocollo e sono completamente soddisfatto. La ragione che lo spinge a pubblicare questa prova è che questa signora continua sempre a fare meraviglie ad gente che è realmente nella necessità. Allora ho deciso di annunciare quest’opportunità a voi che non avete il favore delle banche o che avevano dovuto fare a prestatori disonesti che non fanno che approfittare della personalità di altra; avete un progetto o una necessità di finanziamento, potete scrivergli e spiegargli la vostra situazione; vi aiuterà se è convinto della vostra onestà la sua posta elettronica è: vanessalinocia@gmail.com

  • Avatar

    ​Ciao Signor e signora

    Si desidera avviare la propria attività, dare un andare di nuovo ai vostri

    affari, finanziare i vostri studi o acquistare la propria casa ecc… Questo

    diventa molto facile con questo nuovo progetto. Siamo un gruppo

    investitori in diversi paesi (Francia, Canada, Svizzera e italiana).

    Vi offriamo un prestito a persone dalle esigenze di qualunque loro

    status sociale ad un tasso di interesse annuo del 3 per cento. Possiamo dare alcuni

    prestiti con condizioni di rimborso fino a 20 anni.

    Se siete, interessati si prega di contattare l’ufficio dei nostri direttori responsabili di prestiti per la procedura da seguire. e-mail: veronica.garcia27lopez@gmail.com

  • Avatar

    Ciao, io sono un individuo che offre prestiti a internazionale l. Dotato di un capitale

    che verrà utilizzato per erogare prestiti tra privati a breve e lungo termine da

    2000€ a €500,000 a tutte le persone a grave essendo nei bisogni reali, il tasso di

    interesse del 2% l’anno. I fornisce prestiti finanziari, mutuo per la casa, prestito di investimento,

    Prestito auto, prestito personale. Sono disponibile per soddisfare i miei clienti in una durata massima 3 giorni dal ricevimento del modulo di domanda.

    Passo serio persona ad astenersi

    Più informazioni

    Precilla.vandekt@gmail.com

    Grazie

  • Avatar

    Salve Sig. & Sig.ra Vi offro denaro di 1.000€ a più 1.000.000€ ad ogni persona capace di rimborsare con un tasso d’interesse da 2 al 3% in funzione della somma chiesto.

    Offerta è nazionale ed internazionale sia il mondo intero, tutto il paese del mondo.

    Allora se siete nella necessità di denaro per la realizzazione dei vostri progetti o per voi problemi di denaro volete contattarlo ed io fatta sapere quanto volete come denaro e la vostra domanda sarà esaminato.

    E.mail: patrick.dessoubris2013@gmail.com

  • Avatar

    Buongiorno sig. o Sig.ra

    Prestito per assegnarlo ai privati nella necessità d’aiuto di credito finanziario variabile (5000€ à 700.000€) di rimborsabile in un periodoc

    (1 a 30) di anni con un tasso d’interesse molto accessibile (3%). Per il rimborso vi propongo un termine ragionevole. NB: Astenere se no

    serietà poiché l’avviso è soltanto per le persone onesto che rispetteranno il termine del rimborso di questo prestito una volta che il credito

    sarà assegnato appena ed onesto ed affidabile. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarlo per ulteriori informazioni sulle

    mie condizioni. Volete contattarlo direttamente per posta elettronica: patrick.dessoubris2013@gmail.com

  • Avatar

    Offerta di prestito rassicurato ed affidabile

    Avete bisogno di un finanziamento per la vostra casa, per i vostri affari, per acquisto d’automobile, per l’acquisto di moto, per la creazione della vostra impresa, per le vostre necessità personali più di dubbio. Accordiamo crediti personali che vanno di 5. 000 fino a 15. 000. 000€ con un tasso d’interesse nominale del 4% indipendentemente dall’importo. Volete precisarci nelle vostre domande di prestito l’importo esatto e la durata di rimborso che desiderereste.

    Contatta per le vostre domande di prestiti

    personale: joao.luis01rocha@gmail.com

  • Avatar

    Buongiorno,

    Dopo numerosi rifiuti di cartella da parte delle banche ho avuto il mio prestito di 50.000 € in una donna giusta del nome merciaio Alexandra nelle 72h. Alla partenza non vi credevo ma la mia curiosità la ha spinta ha provato ma finalmente ho potuto ottenere questo prestito che la mia uscita di questo vicolo cieco nel quale vivevo. Vengo di questo parte voi informato perché ormai sappiate abbia che indirizzate quando sarete nella necessità, il suo indirizzo posta elettronica è questa: mercier.alexandra1200@gmail.com

    Contattati il Si siete nella necessità. condividere questa pubblicazione

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.