a
a
HomePortafogli AOPortafogli AO | Portafogli Tattici: cogliere le occasioni sui mercati

Portafogli AO | Portafogli Tattici: cogliere le occasioni sui mercati

Un portafoglio per non lasciarci scappare le occasioni sui mercati. Portafogli Tattici.

Le piazze finanziarie globali stanno attraversando un momento tutto sommato positivo ma all’orizzonte permangono alcuni grandi rischi politico-economici che potrebbero velocemente scombinare le carte in tavola.

Ed è proprio in periodi come quello attuale in cui è importante saper cogliere le opportunità più vantaggiose che i mercati sono capaci di offrire. Attenzione però, la filosofia del “carpe diem” finanziario non va confusa con il fare trading o market timing1, bensì si fonda sull’avere un approccio più dinamico e opportunistico nei propri investimenti, con un’attenta gestione dei rischi. Questo è a grandi linee il concept dal quale nascono i nostri Portafogli Tattici.

 

Il DNA dei portafogli

I Portafogli Tattici, dopo quelli a Obiettivo e Tematici, rappresentano la terza famiglia di idee d’investimento di AdviseOnly. Sono portafogli che non hanno un obiettivo preciso d’investimento, e sono caratterizzati da una natura più dinamica nella selezione delle opportunità d’investimento, in base al contesto di mercato di più breve termine.

In concreto, i Portafogli Tattici hanno alle spalle, come tutti i nostri portafogli, un processo sistematico di analisi e di definizione dell’asset allocation di tipo Value-Momentum2, con una grande attenzione alla gestione dei rischi: diversificazione è la parola d’ordine delle nostre soluzioni d’investimento.

 

A chi sono rivolti?

I Portafogli Tattici sono un’alternativa interessante per chi ha dei risparmi da parte e ha già soddisfatto i principali obiettivi d’investimento. Sono infatti personalizzabili per profilo di rischio e soddisfano un’esigenza ben precisa: investire in modo professionale senza troppi fronzoli, in modo semplice.

 

 

L’ultimo aggiornamento

Nell’ultima Asset Allocation di febbraio abbiamo deciso di mettere mano alla composizione di questi portafogli per via di un contesto finanziario mutevole ma ancora adeguato per continuare ad investire con un approccio bilanciato per tutto il 2019. Le valutazioni tra bond e azioni sono in equilibrio e per quanto riguarda i rischi potenziali al momento l’orizzonte ci sembra sgombro da particolari eventi traumatici. Anche il Barometro del rischio che misura la temperatura del mercato, ci dice che sui mercati si respira un’aria favorevole agli attivi rischiosi.

In questo contesto non abbiamo apportato modifiche significative di asset allocation, ma in ci siamo limitati ad apportare qualche sostituzione di natura tattica. In linea generale, abbiamo sfruttato questa fase positiva del mercato per aumentare la qualità anche della parte più tattica del portafoglio.

In pratica ci siamo liberati dell’esposizione ai mercati periferici della zona Euro, come l’Italia e la Grecia, per introdurre la Germania e il Canada che hanno valutazioni decisamente più interessanti. Le valutazioni nel mercato italiano sono accettabili ma quello che ci lascia perplessi è il profilo di rischio. Con una crescita nominale del PIL asfittica, il rapporto tra debito pubblico ed esso è destinato a salire, ed il valore dello spread intorno ai 280 punti base incorpora proprio questo scenario.

In assenza di grandi scossoni l’Italia può continuare a vivacchiare, ma se i dati continuassero a peggiorare la situazione potrebbe diventare incandescente. Ed i margini di sicurezza offerti dalle valutazioni non coprono da tale rischio. Stesso discorso può essere fatto per la Grecia. La Germania invece ha dei margini di sicurezza migliori e se il contesto globale migliorasse (come crediamo) sarebbe il primo mercato a beneficiarne. L’esposizione al Canada invece è giustificata dal fatto che è tra i migliori mercati a livello mondiale.

Nella parte core del portafoglio abbiamo eliminato l’esposizione al mercato giapponese per introdurre un ETF legato all’asia pacifico (che include il Giappone). La ragione di questo cambio è che preferiamo diversificare sull’intera regione, nel momento in cui le valutazioni nel Giappone non sono più così conveniente come lo erano l’anno scorso.

Nelle tabelle sottostanti possiamo vedere il dettaglio dei movimenti avvenuti, divisi per tipologia di portafoglio.



Previous



Next


 

Scopri subito la composizione e l’andamento dei nostri Portafogli Tattici!

 



1 – Financial Brief | Il market timing: se lo conosci lo eviti
2 – #ABCFinanza: il momentum

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Ultimi commenti
  • Avatar

    provato a vedere composizione e andamento vs portafogli tattici ,non riuscito-istruzioni per riuscire???

  • Avatar

    Sono interessato ai Vostri Portafogli Tattici ma visto che proprio Voi avete ripetutamente consigliato ai risparmiatori di essere guardinghi e di fare domande, confesso di non resistere e Vi chiedo: da dove arriva il Vostro sostentamento? Se non chiedete alcunchè per accedere ai portafigli frutto del Vs impegno quotidiano, come fate a sostenere le spese e a portarVi a casa lo stipendio?
    Non voglio essere antipatico bensì sentirmi tranquillo nel riporre la fiducia nell’ennesimo consulente dopo tante delusioni accumulate negli ultimi 20 anni circa.
    Grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.