a
a
HomeBRAND CORNERLe strategie del Factor Investing: il fattore quality

Le strategie del Factor Investing: il fattore quality

La qualità negli investimenti può essere un fattore di sostegno al proprio portafoglio, specialmente in un momento in cui l’economia mondiale deve affrontare importanti sfide di lungo periodo

Nell’ultimo rapporto annuale[1], l’istituto mondiale delle Banche Centrali (BIS) si è detto preoccupato per le dinamiche di lungo periodo dell’economia mondiale: bassa produttività, alto indebitamento e stretti margini di manovra per politiche di rilancio (fiscale o monetaria). A queste condizioni i tassi d’interesse sembrano essere destinati a rimanere bassi ancora a lungo, ed i mercati azionari sembrano offrire più possibilità di rendimento rispetto ai mercati obbligazionari.

Tuttavia, in un contesto di bassa crescita ed alto indebitamento, con un discreto livello d’incertezza (pensate alla Brexit) trovare il giusto equilibrio tra rendimento e rischio può non essere semplice. Ed è per questo motivo che UBS ha aggiunto nella cassetta degli attrezzi dei risparmiatori due ETF che permettono di investire in aziende di alta qualità: il cosiddetto “fattore Quality”.

I vantaggi di una strategia di “qualità”

Il fattore Quality consente di ottenere un’esposizione a un portafoglio di azioni di società di elevata qualità caratterizzate da modelli operativi sostenibili, che dovrebbero rimanere redditizi a prescindere dal ciclo economico. Una strategia di investimento di questo tipo risponde alla seguente esigenza:

“Desidero investire in società con bilanci di eccellente qualità”

Il caso scuola è quello di un investitore che è avverso al rischio azionario, ma non vuole allo stesso tempo perdere delle opportunità. In questo caso potrebbe valutare se investire in azioni di qualità, con modelli operativi sostenibili e utili stabili.

Infatti, di solito i titoli di qualità tendono a presentare una bassa variabilità in termini di utili dimostrando di avere dei business model solidi.

Come si è comportata questa strategia nel corso degli anni?

Diversi studi[2] evidenziano come le azioni ad elevata qualità, selezionate in base a criteri contabili, tendano a sovraperformare nel lungo periodo le azioni di bassa qualità. Inoltre tendono ad avere delle metriche di performance ponderate al rischio (indice di Sharpe) migliori.

Ad esempio, stando agli indici MSCI, dal 1990 ad oggi le azioni ad alta qualità hanno generato un rendimento medio intorno al 10,6% annuo (dividendi inclusi) migliore del 7,0% annuo dell’indice di mercato MSCI World (rappresentativo delle azioni globali dei Paesi Sviluppati), con una volatilità annua più bassa (del 14,1% contro il 15,1% dell’MSCI World).

Come vengono selezionati i titoli degli ETF di UBS

Il processo di selezione dei titoli da parte del Team di UBS passa attraverso le seguenti fasi:

1. L’individuazione dell’universo investibile.

2. L’idenficazione dei criteri chiave. Il team di USB seleziona i titoli in base ai seguenti criteri contabili:

        • Return on Equity – utili per azione trailing a 12 mesi / Valore contabile per azione
        • Debt to Equity– Indebitamento / Valore contabile dell’equity
        • Variabilità degli utili – Deviazione standard anno su anno della crescita degli utili per azione degli ultimi 5 anni fiscali

3. La selezione dei titoli. I titoli vengono classificati in base ad un “Quality score” complessivo e successivamente vengono selezionati quei titoli con il punteggio più elevato.

 4. La ponderazione dei titoli. I titoli vengono ponderati in base al punteggio ottenuto dal quality score ed in base alla capitalizzaizone di mercato con il limite del 5% sul singolo emittente. La ponderazione dei titoli viene rivista due volte l’anno (maggio e novembre).

Il risultato di questa selezione identifica le società con modelli industriali durevoli e vantaggi competitivi sostenibili. Strategie fattoriali di questo tipo risultano essere di natura difensiva e vengono particolarmente apprezzate quando si intravedono turbolenze sui mercati finanziari.

Su Borsa Italiana sono disponibili i seguenti UBS ETF Quality:

[accordion title=”Etf Quality legato alla zona euro”]
  • UBS FAC MSCI EMU QUALITY UCITS ETF;
  • Il fondo investe in genere in titoli large e mid cap europei compresi nell’MSCI EMU Quality Index;
  • L’obiettivo d’investimento è replicare l’andamento del prezzo e del rendimento dell’MSCI EMU Quality Index (al netto delle commissioni).
[/accordion] [accordion title=”Etf Quality legato agli Stati Uniti”]

Di questo ETF esistono due versioni:

  1. a cambio aperto (UBS FAC MSCI USA QUALITY UCITS ETF A-DIS).
  2. oppure a cambio coperto (EUR hedged, UBS FAC MSCI US QUALITY UCITS ETF EU HED). Lo scopo della copertura valutaria è limitare le potenziali perdite derivanti dall’esposizione alle divise quando si detengono valori patrimoniali denominati in dollari USA in valute diverse dal dollaro statunitense.
  • Il fondo investe in genere in titoli large e mid cap statunitensi compresi nell’MSCI USA Quality 100% hedged to EUR Index.
  • L’obiettivo d’investimento è replicare l’andamento del prezzo e del rendimento dell’MSCI USA Quality 100% hedged to EUR Index (al netto delle commissioni).
[/accordion] [1] https://www.bis.org/publ/arpdf/ar2016e.htm

[2] https://www.northerntrust.com/documents/commentary/insights-on/defining-quality-investing.pdf

Vuoi saperne di più?

Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 38 miliardi di Euro e rappresenta il quinto operatore nel mercato degli ETF (Fonte: ETFGI al 31 dicembre 2018) con 92 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 682 miliardi di euro (al 31 dicembre 2018), di cui oltre 260 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.