a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAFINANZA PERSONALEIn che modo la scarsità influenza il tuo processo decisionale?

In che modo la scarsità influenza il tuo processo decisionale?

Pensiamo a quando siamo venuti a sapere che saremmo stati in lockdown: corsa di massa in autostrada per fuggire dalle zone rosse, code interminabili davanti ai supermercati… Poi pensiamo all’attività lavorativa che dall’ufficio si sposta a casa, con conseguente rivoluzione di tutte le modalità e le tempistiche quotidiane cui si era abituati e immancabile caos nella gestione, tra pasti, didattica a distanza dei figli, riunioni su zoom e consegne di Amazon. Sono scene che abbiamo visto, che abbiamo negli occhi, figlie del periodo storico che stiamo vivendo legato al Covid-19. Ma c’è di più. Sono scene legate al modo che il cervello umano ha di gestire la scarsità di risorse o la presunta scarsità.

 

La scarsità ci rende stupidi?

In un report del 2016* era Deloitte a fare la domanda diretta: does scarcity make you dumb? Ossia, la scarsità ci rende stupidi? La domanda non è banale se si ripercorre la catena di significati e significanti che vanno a definire il concetto di scarsità, che è strettamente legato a quello di economia. Il macroeconomista americano Greg Mankiw, che oggi insegna ad Harward, definisce infatti la scarsità come la natura limitata delle risorse a disposizione sulla terra e l’economia diventa dunque lo studio di come la società gestisce queste scarse risorse. In pratica: l’essere umano ha dei bisogni, sa o capisce che non tutti potranno essere soddisfatti a causa della scarsità della disponibilità di beni e quindi si ingegna per sfruttare al meglio le risorse esistenti.

 

La mancanza di qualcosa…

Non a caso in italiano l’espressione “fare economia” è sinonimo di parsimonia e di accumulo di risorse per prepararsi a tempi peggiori. Psicologi e sociologi hanno però notato che la paura della scarsità (che sia di beni materiali o di tempo, o persino di attenzioni) può generare comportamenti non razionali. Pensiamo di non avere più cibo e corriamo al supermercato per fare scorte di farina e beni di prima necessità o pensiamo di non avere più tempo per gestire lavoro e vita privata e finiamo per bruciare la frittata mentre interrompiamo accidentalmente una call sul web.

Si tratta ovviamente di risposte emotive. Le persone esposte alla scarsità hanno la sensazione di dover agire e pensare in fretta, anche se in realtà potrebbe non essere necessario. Il punto è che percependo questa fretta, si trovano a restringere i loro processi di pensiero portando a concentrarsi su un solo obiettivo ignorando il contesto o gli effetti più ampi. È un gap che viene sfruttato spesso dai venditori: puoi avere uno sconto pazzesco, ma puoi averlo solo se decidi in un minuto, poi questo privilegio riservato solo a te svanisce.

 

 

Decide la fretta o la ragione?

Possiamo dire che non ci sia mai successo o che non abbiamo mai avuto la sensazione di prendere una decisione che col senno di poi ci è sembrata poco razionale? Il tempo è denaro. E viceversa. In genere, gli elementi che possono essere controllati sono il denaro e il tempo. Una recente riflessione di Ian Bright*, Research Managing Director di Ing, fa notare il paradosso per cui chi ha un sacco di soldi, ma è così impegnato da non avere tempo, sembra finire per prendere decisioni simili a quelle di persone che hanno poca disponibilità finanziaria. Detta in maniera banale, avere poco tempo o pochi soldi sono entrambe condizioni che generano stress e lo stress fa prendere decisioni affrettate spesso non ottimali. Gli esseri umani attribuiscono valore ai beni (materiali o immateriali) in base alla loro scarsità o in base alla facilità con cui possono essere persi. Il tempo non fa eccezione.

 

Come influisce la scarsità sulle decisioni finanziarie?

I problemi di allocazione del tempo sono simili ai problemi di allocazione monetaria, soprattutto per le persone con risorse finanziarie limitate. Devo far fronte a una scadenza in breve tempo e non ho soldi e per il prestito mi rivolgo alla persona più sbagliata. Oppure l’andamento economico della mia azienda è in flessione e cerco di recuperare in fretta aumentando la soglia di rischio. In pratica, cerco di fare molti soldi con una singola operazione piuttosto che strutturare un piano di rientro sostenibile e di lunga durata. Un po’ come chi cerca la fortuna al casinò.

Per riassumere la scarsità, di soldi o di tempo che sia, genera stress e questo a sua volta porta a prendere decisioni sbagliate o non ottimali. Il problema è che lo stress da “scarsità” come detto all’inizio fa parte di noi: le reazioni impulsive o emotive appartengono alla natura umana. Per questo occorre uno sforzo razionale per non essere “dumb”, per rimanere lucidi. Per evitare decisioni irrazionali che ci porterebbero a fare 4 ore di fila sotto il sole davanti a un supermercato quando la propria dispensa è già piena di zucchero e farina oppure a tentare di pagare l’affitto giocando alle slot machines.

 


Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.