a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'1975-2013: come è cambiata l’Italia? 10 grafici per capire cosa è successo

1975-2013: come è cambiata l’Italia? 10 grafici per capire cosa è successo

L’Italia farà pure parte del G8. Ma non se lo merita.

In termini di Pil, è stata superata dalla Russia: il Belpaese scende pertanto al nono posto tra le economie mondiali. Lo dicono i dati del Fondo Monetario Internazionale, che stimano un Pil della Russia (in US$ e a prezzi correnti) superiore di circa 50 miliardi alla fine del 2013 rispetto a quello del Belpaese: 2.068 miliardi contro 2.117.

Ne è passata di acqua sotto i ponti dalla prima riunione del G6 (Stati Uniti d’America, Giappone, Regno Unito, Germania, Francia e Italia). All’epoca il Belpaese era la sesta economia mondiale: correva l’anno 1975. Il primo incontro del G6 si tenne Rambouillet, con lo scopo di decidere come affrontare la crisi petrolifera, per iniziativa dell’allora presidente francese Valery Giscard d’Estaing. A seguito di questo incontro, si pensò di organizzare incontri annuali per coordinare le strategie economico-politiche dei paesi più industrializzati.

All’incontro del 1976 partecipò anche il Canada e quello del 1998 vide la piena partecipazione della Russia, segnando quindi la nascita del G8, formato da: Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Canada e Russia.

Ma come sono cambiati il mondo e l’economia dal 1975 ad oggi?

Tutti i fatti che hanno rivoluzionato la nostra vita dal 1975 ad oggi
(clicca per ingrandire)

prezzo-del-petrolio-1975-2013

10 indicatori per capire come è cambiato il mondo dal 1975 ad oggi

Per capire i cambiamenti socioeconomici dell’ultimo trentennio, li abbiamo scomposti in 10 dimensioni: 10 pezzi di un puzzle. Ogni pezzo confronta l’Italia con Europa (a 27 paesi), Usa, Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica e Giappone.

Clicca su ogni “pezzo”: si aprirà un grafico.

dimensioni tenore-di-vita demografia

invecchiamento

salute
istruzione tecnologia consumi globalizzazione mercati-finanziari

 

Cosa aspettarci per il futuro? E come guadagnarci?

Nel medio periodo (5 anni al massimo), se continueranno le tendenze economiche mondiali attuali, l’Italia finirà all’11mo posto in termini di Pil, dietro al Canada e all’India. Abbiamo invece affrontato in un nostro recente post i macro-trend mondiali di lungo periodo (2033).

Per scoprire come investire nei trend del futuro, entra in Community e scopri il portafoglio Obiettivo 2033: puoi seguirne l’andamento o salvarlo, per investirci una parte dei tuoi risparmi. Ti aspettiamo!

Scritto da

Laureata in Management presso l’Università Bocconi nel 2012, con una tesi sull’inattività giovanile in Italia. Da studentessa, ha collaborato con i media universitari Radio Bocconi e Tra i Leoni e al di fuori delle mura accademiche con Campus (Gruppo Class Editori) e Real World Magazine (Gruppo Potentialpark). In Saipem si è invece occupata di accertamenti giuridici nell’area Risorse Umane. Dopo la laurea, è stata assistente ai programmi di politica, economia e finanza a Radio 24 (Gruppo 24 Ore), nonché redattrice economica di Arcipelago Milano. I suoi principali interessi sono economia e comunicazione online. La distraggono da grafici e dati solo arte, cinema, teatro e buone letture.

Ultimi commenti
  • Avatar

    Ma siete sicuri che nella slide del tenore di vita l’unità di misura usata per il PIL procapite sia mld. di US$? ;o)

    Articolo estremamente interessante cmq: grazie

    • Avatar

      Grazie per la segnalazione. C’è un refuso nell’unità di misura in quel grafico. Ora correggiamo.

  • Avatar

    Divertente confrontare il grafico delle dimensioni dell’economia e dei consumi di tonnellate petrolio equivalenti… La Cina carbura molto grassa, come dire…

  • Avatar

    Bellissimo pezzo…domani lo leggero’ e valutero’ piu’ a fondo. Quello che di primo acchitto mi ha lasciato stupito e’ l’aumento della popolazione indiana. Nel 1975 erano 15 milioni? Spaventoso anche il fatto che in russia e brasile si stava meglio a livello di istruzione 40 anni fa…

  • Avatar

    Bell’articolo! Conciso e molto interessante!

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.