a
a

mercati emergenti Tag

La pandemia di COVID-19 è un fenomeno globale, ce lo dice la parola stessa – pandemia deriva dal greco pan-demos, “tutto il popolo”. Eppure, sembra che l’attenzione sia concentrata

Il 2019 è stato un anno particolarmente positivo per i bond emergenti e anche il 2020 sembra avere le carte in regola per offrire opportunità interessanti su questa asset

Tutto parte – di nuovo – dalle banche centrali. Le attese di politiche monetarie accomodanti per opera della Banca Centrale Europea, della Bank of England e della Federal Reserve

Come se non fosse già una novità, le nuove previsioni del Fondo Monetario Internazionale presentate a Davos la scorsa settimana certificano una realtà oramai conclamata. Sebbene in rallentamento, il

“In”, poi “out”, ora di nuovo “in”? Sembrerebbe proprio di sì. Riepiloghiamo l’antefatto. Esattamente un anno fa, nel gennaio del 2018, l’obbligazionario dei mercati emergenti era considerato un’opportunità interessante.

Ripartiamo dall’ABC. Anzi, dal BRIC: vi ricordate la sigla lanciata a livello globale nel 2001 da Jim O’Neill di Goldman Sachs? Stava per Brasile, Russia, India e Cina. Con

Aumento dei tassi d’interesse negli Stati Uniti e rafforzamento del dollaro USA, valuta in cui il loro debito è rinominato. Senza dimenticare un terzo fattore decisivo, anche questo made

Non è un buon momento per i mercati emergenti. Dopo due anni di performance a doppia cifra, il 2018 finora è stato deludente (-9,0% da inizio anno, in euro).