a
a
HomeBRAND CORNERUBS ETF ITALIACavalcare il trend climatico? Con un etf “consapevole” si può

Cavalcare il trend climatico? Con un etf “consapevole” si può

Il momento è propizio per chi intende ricercare rendimenti investendo in prodotti con un forte profilo climatico. Il motivo? Da una parte, tutti i grandi della Terra sembrano avere capito – almeno a parole – che occorre agire per scongiurare il disastro; dall’altra i giganteschi piani d’investimento per schiodare i Paesi dalla crisi – dall’Europa, agli Stati Uniti fino alla Cina – hanno fatto sì che molti titoli di aziende con solide credenziali Esg divenissero di colpo molto più attraenti. A tutto questo, bisogna aggiungere un altro pilastro di stampo normativo: infatti, è recente l’entrata in vigore del regolamento europeo Sfdr (Sustainable finance disclosure regulation) che costringe case di gestione e di distribuzione a essere il più trasparenti possibile per quanto riguarda l’impatto ambientale e sociale dei prodotti d’investimento che propongono. Tutte queste circostanze fanno guardare con ottimismo a un futuro dove la sostenibilità ambientale non sarà più solo una questione di marketing, ma una preoccupazione concreta e ineludibile nella vita delle aziende.
 

Salvare il clima, obiettivo ambizioso, ma possibile

Gli obiettivi da raggiungere, del resto, non sono per niente facili. Le politiche attuali suggeriscono che le temperature aumenteranno di 3 gradi entro la fine del secolo. Se non si facesse nulla, aumenterebbero fino a 4 gradi, con ovvie e catastrofiche conseguenze sulle nostre vite. Occorre pertanto una svolta, resa ancora più urgente dal fatto che per raggiungere qualche risultato si stima siano necessari più 90 trilioni di dollari investiti da qui al 2030. Investire sul clima non è più un’opzione etica, ma una vera necessità e – di conseguenza – un trend d’investimento chiaro. L’impegno per la riduzione delle emissioni di CO2 può infatti generare alcune possibilità d’investimento attraenti, come per esempio il campo delle energie rinnovabili.
 

Un nuovo prodotto per cavalcare il trend climatico

Va da sé che quasi tutti nell’industria del risparmio gestito guardino con interesse al mondo degli investimenti sostenibili e propongano nuovi prodotti. Tra questi c’è sicuramente la casa svizzera d’Investimenti Ubs, che tra i suoi fondi a gestione passiva (Etf, exchange traded fund) conta diverse soluzioni che applicano alla loro strategia rigidi filtri Esg. Tra gli ultimi prodotti Esg lanciati da Ubs AM c’è il nuovo UBS Etf (IE) Ubs Climate Aware Global Developed Equity Ctb Ucits, destinato agli investitori alla ricerca di un’esposizione azionaria globale sulle large e mid-cap dei mercati sviluppati con un forte profilo climatico. L’Etf replica il Solactive Ubs Climate Aware Global Developed Equity CTB Index, un indice progettato per riprodurre la strategia Climate Aware di Ubs AM che investe nelle società con il migliore rating climatico, escludendo quelle con i punteggi più bassi.
 

La strategia d’investimento dell’indice

L’indice considera tutti i rischi chiave e le opportunità relative ai cambiamenti climatici. La strategia porta a sottopesare le società che hanno elevate intensità di emissioni di carbonio, le realtà impegnate nella produzione di energia partendo dal carbone o da combustibili fossili. Vengono inoltre sottopesate le aziende potenzialmente esposte agli effetti negativi dei cambiamenti climatici. Invece, aumenta l’esposizione alle società impegnate nella produzione di energie rinnovabili e quelle allineate agli obiettivi di Parigi sul clima. La selezione avviene per mezzo di parametri oggettivi che si compongono di vari passaggi e vanno poi a comporre un rating climatico. La valutazione avviene anche in ottica prospettica, ovvero tenendo in considerazione anche la probabilità di downgrade di un titolo.
 

Criteri di esclusioni dall’universo investibile

Una volta definito il rating climatico, si procede poi a sovrappesare i titoli con il punteggio migliore. Mentre i peggiori, cioè quelli compresi nel 30% inferiore, vengono esclusi. Non sono inoltre considerate le società coinvolte in settori come il tabacco, le armi e le aziende che abbiano violato i principi del Global Compact delle Nazioni Unite, oltre ovviamente a tutte le società coinvolte nella produzione e generazione di energia da carbone termico e sabbie bituminose. Il Solactive UBS Climate Aware Global Developed Equity CTB Index, pertanto, soddisfa i requisiti minimi dell’EU Climate Transition Benchmark. Il suo obiettivo in chiave Esg è quello di contenere l’aumento potenziale della temperatura entro 1,8 gradi da qui al 2050, rispetto ai 2,8 gradi per il benchmark Msci World.
 

Vuoi saperne di più?

Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 85 miliardi di dollari e rappresenta il quarto operatore nel mercato degli ETF in Europa (Fonte: ETFGI al 31 dicembre 2020) con oltre 120 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 950 miliardi di euro (al 31 dicembre 2020), di cui oltre 350 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.