a
a
HomeBRAND CORNERLa stagione “calda” delle materie prime

La stagione “calda” delle materie prime

Tornano a crescere i prezzi delle materie prime come il petrolio

Lunedì 7 maggio il petrolio WTI ha oltrepassato la soglia psicologica dei 70 dollari al barile mentre il Brent è arrivato a 76 dollari, entrambi ai massimi dal novembre 2014.

E i rialzi potrebbero non finire qui: l’imminente reintroduzione delle sanzioni USA contro l’Iran (terza potenza petrolifera OPEC dopo Arabia Saudita e Iraq) e la difficilissima situazione in cui versa il Venezuela potrebbero spingere ulteriormente i prezzi.

Il perché è presto spiegato: sono tutte e due situazioni molto critiche che possono pesare seriamente sulla produzione e sull’offerta, riducendole. Cosa che, di fronte a una domanda più robusta, chiaramente provocherebbe un aumento delle quotazioni.

Fari puntati sul greggio

Il petrolio greggio, come si può intuire, è uno dei protagonisti della congiuntura economica, alla quale è legato a doppio filo: se la domanda cala, a parità di offerta il prezzo scende; se invece è l’offerta a calare, stante una domanda forte, il prezzo sale; ma un prezzo del petrolio in aumento può rallentare il motore dell’economia globale.

L’influenza dell’OPEC

D’altro canto, i Paesi esportatori – oggi raccolti attorno alla sigla OPEC Plus, che comprende gli storici membri dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC, appunto) e i non OPEC, come la Russia – non amano quotazioni del barile troppo basse, perché ovviamente per loro sono meno profittevoli: ecco perché periodicamente intervengono riducendo l’offerta.

Il potere contrattuale dell’OPEC è emerso in tutta la sua evidenza per la prima volta durante le crisi petrolifere degli anni Settanta, quando questa Organizzazione ridusse le quote di estrazione con conseguente innalzamento vertiginoso del prezzo del petrolio.

Da quel momento i Paesi industrializzati cercano di limitare la loro dipendenza dalle importazioni di greggio, ma a dispetto di tutto le fonti energetiche fossili, petrolio in primis, ricoprono ancora un ruolo di primissimo piano nel consumo mondiale.

La resilienza delle commodity

Il petrolio è una commodity. Questo termine indica le materie prime, categoria nella quale oltre ai prodotti energetici rientrano quelli agricoli, come frumento o bestiame, i metalli (oro, argento, alluminio, e via dicendo) e le soft commodities (cacao, caffè, cotone, zucchero).

In sintesi:

  • le materie prime – e i metalli preziosi in particolare – presentano una bassa correlazione con le altre asset class come azioni, obbligazioni e valute;
  • per questa ragione offrono un’importante possibilità di diversificazione;
  • infine, in quanto beni naturali, tendono ad apprezzarsi in un contesto caratterizzato da un aumento dei prezzi al consumo.

Prospettive di lungo periodo

Quello nelle materie prime, dunque, si può considerare un investimento strategico. Anche per un altro motivo: le risorse naturali saranno sempre meno disponibili, a fronte di una popolazione mondiale che invece aumenta esponenzialmente (le stime parlano di 9 miliardi di individui nel 2050).

E, come accennato, un’offerta sempre più limitata combinata a una domanda crescente in genere favorisce il rialzo dei prezzi.

Ma come cogliere questo megatrend? In altre parole, come investire nelle materie prime? Abbiamo quattro possibili strade, che sintetizziamo qui di seguito.

Investire in materie prime: come fare?

L’approcio di UBS

Per consentire agli investitori di cogliere le opportunità offerte dalle materie prime, UBS, in collaborazione con Bloomberg, ha sviluppato la famiglia di indici UBS Bloomberg CMCI, il cui obiettivo è fornire un’esposizione ai mercati delle materie prime utilizzando una tecnica di rolling avanzata (il rolling consiste nella sostituzione di un contratto in scadenza con un altro di maturità successiva).

Tali indici sono progettati per ottenere buoni risultati indipendentemente dal fatto che i mercati siano in contango (situazione in cui i prezzi attuali sono più bassi di quelli futuri, impliciti appunto nei futures) o in backwardation (al contrario, i prezzi di oggi sono più alti di quelli sottintesi nei futures).

Gli UBS ETF sulle commodities

UBS propone una vasta gamma di Exchange Traded Fund con replica sintetica e ad accumulazione basati proprio su questi indici. Da segnalare che il Total Expense Ratio (TER), ossia il rapporto tra gli oneri a carico del fondo e il suo patrimonio medio, si è abbassato per tutti dallo 0,37% allo 0,36%. Di seguito, una panoramica.

Gli ETF sulle commodities proposti da UBS

In Borsa Italiana, ad oggi, sono quotati due di questi ETF. Uno è l’UBS CMCI Composite USD SF UCITS ETF (ISIN IE00B53H0131), che replica esattamente la performance giornaliera di un indice delle materie prime, meno commissioni e spese. Si tratta del più grande ETF sulle materie prime in Europa in termini di asset in gestione: utilizza l’innovativa tecnica di rolling a maturity costante che può consentire di ridurre i costi di rolling e aumentare il rendimento.

È costruito in modo da riflettere, per ogni singola commodity, l’importanza economica e la liquidità di mercato. Diversificazione e liquidità sono assicurate da un cap sul peso di ogni componente pari al 20% e da un floor pari allo 0,6%. L’ETF è attualmente composto da 28 commodities e i pesi sui singoli settori a fine marzo 2018 risultavano distribuiti come evidenziato dal grafico qui sotto.

Ma dicevamo che gli ETF di UBS quotati in Borsa Italiana sono due. L’altro, in pratica, ne è la versione con copertura dal rischio cambio (hedged to EUR). Anche questo ETF (ISIN IE00B58HMN42), dunque, offre un profilo di rischio/rendimento ottimizzato grazie all’ampia diversificazione su una vasta gamma di settori.

A proposito dell’indice

Entrambi gli ETF replicano l’UBS Bloomberg Constant Maturity Commodity Index. Due parole in più a riguardo: questo indice ha una portata superiore a quella dei contratti future a breve termine e diversifica gli investimenti lungo tutta la curva delle scadenze (3 mesi, 6 mesi, 1 anno, 2 anni, 3 anni).

Consentendo agli investitori di accedere a “scadenze costanti”, attraverso ribilanciamenti giornalieri su tali scadenze, non solo fornisce un’esposizione più continuativa alla classe di attivi ed evita le attività speculative che possono accompagnare i rinnovi mensili degli indici tradizionali, ma può anche minimizzare l’esposizione a rendimenti negativi sul rolling, facendo sì che l’indice rifletta meglio l’andamento del mercato sottostante.


Vuoi saperne di più?


Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 38 miliardi di Euro e rappresenta il quinto operatore nel mercato degli ETF (Fonte: ETFGI al 31 dicembre 2018) con 92 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 682 miliardi di euro (al 31 dicembre 2018), di cui oltre 260 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.