a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAFINANZA PERSONALEBollettino: l’Europa non ha toccato ancora il fondo, ma è vicina. Meglio USA e Giappone, ma…

Bollettino: l’Europa non ha toccato ancora il fondo, ma è vicina. Meglio USA e Giappone, ma…

Come ogni settimana, partiamo dall’Europa e precisamente dalla BCE. Giovedì, in occasione della conferenza stampa, gli esponenti della banca centrale europea hanno mostrato un atteggiamento più che conservativo, come d’altronde atteso da molti analisti.

Nella fattispecie:

  • il tasso di riferimento è rimasto allo 0,50;
  • i tassi sui depositi non sono stati portati al di sotto dello zero;
  • le stime di crescita del PIL per il 2013 sono state riviste leggermente al ribasso (-0,6% contro il -0,5%), ma al rialzo per il 2014 (1.1% contro il 1.0%). L’inflazione, dovrebbe stare sotto la soglia del 2% fino al 2014;
  • non c’è nessuna accelerazione significativa sul piano di finanziamento per le piccole medie imprese allo studio con la BEI (banca europea degli investimenti).

Economia

I dati economici della settimana appena conclusa:

  • Europa: nell’Euro zona i dati sul PMI manifatturiero hanno confermato che l’economia non ha toccato ancora il fondo, ma ci stiamo avvicinando. In UK i dati complessivi del settore manifatturiero, inclusi servizi e costruzioni, hanno sorpreso le attese,  rafforzando le aspettative di una accelerazione dell’economia.
  • USA: il settore dei servizi è cresciuto ad un ritmo più veloce nel mese di maggio. La ripresa degli ordini alle imprese mostra che le aziende sono fiduciose in una domanda sostenuta nel tempo, dopo il rallentamento del secondo trimestre. La variazione dell’occupazione ha registrato un salto da 113 mila a 135 mila e le richieste dei sussidi di disoccupazione sono diminuite da 357 mila a 346 mila.  
  • Giappone: si trova ad affrontare la sfida della crescita, come espressamente sostenuto nel discorso programmatico del primo ministro Abe sulla riforma dell’economia.
  • BRIC: si riduce il PMI manifatturiero cinese (51.1) mentre aumenta leggermente in India (49.2). Infine, in Brasile aumenta la produzione industriale su base mensile e allo stesso tempo si registra un aumento dell’indice dei prezzi al consumo m/m.

Mercati

  • Borse del mondo: volatili in settimana, probabilmente pesa l’incerto comportamento delle maggiori Banche Centrali sul sostentamento dell’economia mondiale ed alcuni dati macroeconomici USA. In Giappone il mercato azionario è stato penalizzato dal rialzo dello yen e dal dato negativo dell’indice PMI cinese. Inoltre a pesare sul listino nipponico e sulle borse asiatiche il deludente discorso programmatico del primo ministro Abe sulla riforma dell’economia.
  • Titoli di Stato:  rendimenti obbligazionari in aumento in Europa ed in particolare sulla parte corta della curva dei rendimenti;
  • Commodities e valute: sorprendentemente, l’euro si è apprezzato rispetto al dollaro tornando verso quota 1,31. Prezzi delle materie prime poco variati.

Da tenere d’occhio questa settimana

  • Europa: dato sulla produzione industriale (Italia, Francia, euro zona, Germania) per il mese di aprile e inflazione di maggio (Germania, Francia e euro zona);
  • USA: tasso di variazione dei prezzi alla produzione su base annua e dato sulla produzione industriale;
  • Giappone: Prodotto Interno Lordo, decisioni di politica monetaria e relativi indicatori monetari, in uscita martedì 11 giugno;
  • BRIC: Produzione Industriale in India.

CLICCA PER APRIRE IL BOLLETTINO ADVISE ONLY

bollettino-advise-only-10-14-giugno-2013

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.