a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAFINANZA PERSONALEInvestire in oro: conviene ancora? Perché è importante avere il metallo giallo in portafoglio?

Investire in oro: conviene ancora? Perché è importante avere il metallo giallo in portafoglio?

Dopo una lunga corsa e il record storico sopra i 2mila euro registrato a metà agosto, il prezioso metallo è caduto vittima della sua alta volatilità: qualche crollo di pezzo ad agosto e, per la prima volta da marzo, flussi netti negativi negli Etf sull’oro, strumenti finanziari che da mesi registravano successi record e che sono alla base del recente rally del lingotto. A luglio, secondo il World Gold Council, gli investitori hanno investito $ 7,4 miliardi in Etf sul lingotto, che si aggiungono alla cifra già record di $40 miliardi investiti nella prima metà dell’anno.

Il metallo prezioso è sempre protagonista assoluto durante le crisi, ma, è giusto puntare sull’oro nei momenti di instabilità? Come si comporta il lingotto in borsa quando azioni e obbligazioni non rendono?

 

Oro: un metallo sopravvalutato?

Che il metallo giallo fosse sopravvalutato, noi di Advise Only lo dicevamo da un po’. Ad oggi le valutazioni dell’oro restano elevate: nonostante i ripetuti cali, l’oro è ancora caro rispetto alla sua media storica, quindi la recente performance non stupisce. Inoltre, la forte domanda di oro prevalentemente legata al clima di incertezza sui mercati finanziari, è in calo moderato. Ciò non toglie che il ruolo dell’oro in un portafoglio d’investimento sia molto importante e non vada trascurato. Investire in oro è diversificante. Cosa significa? Significa che avere un po’ d’oro in un portafoglio d’investimento composto da azioni ed obbligazioni, fondi ed ETF (compatibilmente con il proprio orizzonte temporale e la propria propensione al rischio) consente, con elevata probabilità statistica, di proteggersi nei momenti “avversi”.

 

L’importanza della correlazione

La diversificazione degli investimenti è uno dei capisaldi dell’investimento e andrebbe sempre tenuta presente nelle proprie scelte finanziarie. Si tratta di comporre un portafoglio selezionando investimenti (azioni, obbligazioni, valute, materie prime…), che non si muovano tutti insieme e, soprattutto, che non forniscano rendimenti negativi tutti insieme. Attenzione: non fatevi ingannare dalla correlazione tra asset class. Ci spieghiamo meglio: guardare alla bassa correlazione come misura di diversificazione è meglio di niente. Questo metodo può, infatti, risultare fuorviante soprattutto se misurata in periodi di calma sul mercato perché poi tali misurazioni possono rivelarsi fallaci quando i mercati sono in tumulto.

 

 

Serie storiche: qual è il rapporto oro – azioni?

Molte analisi statistiche mettono in evidenza come l’oro svolga un ruolo molto importante nella diversificazione del portafoglio d’investimento, soprattutto nei momenti di maggiore turbolenza dei mercati. Ossia la correlazione tra oro e azioni è praticamente nulla o debolmente positiva se le Borse hanno performance positive, ma tipicamente cambia segno e diventa negativa quando i mercati azionari scendono. Il che genera protezione dai ribassi azionari. Ma in passato è stato veramente così? Per rispondere, abbiamo analizzato questo fenomeno confrontando i rendimenti dell’oro nelle diverse situazioni avverse per i mercati azionari mondiali (i dati partono dal 1989 e si tratta di rendimenti mensili). Cosa succede quando il mercato azionario perde colpi? Ciò che si nota è che quando le azioni vanno male, l’oro tende a fornire rendimenti in contro tendenza. Non solo, ciò è tanto più probabile quanto peggiori sono i risultati del mercato azionario.

 

Perché il prezzo dell’oro sale?

Molte sono le determinanti alla base della dinamica del prezzo dell’oro, prima tra tutte il rapporto tra domanda ed offerta. La performance del metallo giallo è stata determinata dalla forte domanda di ETC, prodotti molto simili agli ETF che vengono utilizzati per investire in oro, spesso a scopo di protezione in un clima di incertezza, cosa che, coma abbiamo appena visto, l’oro fa realmente con una certa efficacia.

Ciò che si osserva in questo periodo è che l’aumento della propensione al rischio sta riportando la domanda su asset class più tradizionali come le azioni, che vengono sostituite all’investimento nel metallo giallo.

In conclusione: l’oro è ancora caro, ma può trovare posto in portafoglio nella misura in cui si temono, e quindi ci si vuole difendere, da forti cadute dei mercati azionari. La paura di una seconda ondata, o peggio, di un secondo lockdown, è ancora molto viva e il terreno potrebbe essere favorevole ad un’ulteriore risalita del lingotto.
 

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Ultimi commenti
  • Avatar

    Interessante: prosegue il movimento “laterale” ribassista dell’Oro. Ma in tutta sincerità… non cambio il mio outlook di lungo periodo. A partire dal 12 di Gennaio – e per almeno 7/10 anni – lo vedo oltre i 2.500 $ per oncia troy. Seppur con alti e bassi, s’intende!

    • Avatar

      C’hai preso in pieno. Se ti sei riempito le tasche adesso le sentirai più leggere.

  • Avatar

    Secondo voi l’oro è in bolla speculativa?

  • Avatar

    Come il solito siete dei grandi e con la vostra pacatezza e razionalità di sempre avete sottolineato una decorellazione interessantissima. Zenti con grande razionalità nel portafoglio Intermedio ha inserito solo un 5% d’oro. Quello che non capisco è perché una tale piccola quantità? Cioè l’oro come qui spiegato ha una grande probabilità di salire in caso di crolli di borsa. Ma nel portafoglio Intermedio non c’è il 5% di azioni ed il 5% d’oro bensì molte più azioni che oro. Perché avete scelto solo un 5% d’oro per proteggervi da un 30% di azionario in portafoglio?
    A prescindere dal fatto che alla luce dei dati di oggi sull’oro sia stata una scelta giustissima e che come sempre siete dei grandi.

    • Raffaele Zenti

      Troppo buono Gianni. Il fatto è che l’oro è in bolla da un pezzo, come abbiamo scritto, ecco perché ne abbiamo inserito poco. E comunque, anche con quotazioni più basse, ne avremmo messo al massimo 10%, che è, almeno per i miei standard, tantissimo. Perché? Perché l’oro non crea reddito, perché titoli di Stato di divise forti (extra-euro) possono proteggere altrettanto bene, perché la volatilità dell’oro è mediamente alta, perché le azioni sono legate alla produzione, all’economia reale, quindi hanno una ragione per salire.

  • Avatar

    Sopravvalutato, ma esiste qualcosa che non sia sopravvalutata al giorno d’oggi? azioni bond….
    é che con tutta la moneta stampata, tutti i valori sono sballati rispetto al passato.
    Se il valore medio dell’oro delle azioni e dei bond ad esempio era 3 e oggi quotano 5, ma poi vai a vedere e la moneta stampata ha raddoppiato i soldi in giro, siamo sicuri che tutto sia sopravvalutato? può anche essere che quotano a livelli più alti, ma in rapporto alla liquidità siano pure scesi facendo un esempio limite…

    o sbaglio in qualcosa e ho detto una cavolata?

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.