a
a
HomeECONOMIA E MERCATICOMMENTO AL MERCATO#Numeriacaso: il rumoroso boom della produzione industriale italiana

#Numeriacaso: il rumoroso boom della produzione industriale italiana

Il sorprendente dato positivo sulla produzione industriale? Tenete a bada l’entusiasmo, potrebbe non esserci nulla da festeggiare.

Tra gli obiettivi fondamentali di questo blog c’è quello di diffondere una decente cultura finanziaria ed economica. Oggi è una situazione perfetta per farlo. O almeno per provarci.

Infatti, è uscito un dato sorprendentemente buono relativo alla produzione industriale italiana in agosto, di gran lunga superiore alle aspettative: + 1,7% la variazione mensile, e +4,1% la variazione tendenziale annua (cioè la variazione rispetto ad agosto 2015), trainata dai beni durevoli.

Numeroni, insomma. Numeroni che si prestano sia ad un utilizzo strumentale da parte del Governo, sia a polemiche da parte delle opposizioni. Del resto, questa è la politica.

E invece bisogna essere critici nell’interpretare, in un senso o nell’altro, dati di questo genere. Anche senza effettuare sottili analisi econometriche, basta un’occhiata al grafico delle variazioni mensili per capire che si tratta verosimilmente di “rumore”, non segnale: in altri termini è un dato volatile, che oscilla molto, in un modo che, da un punto di vista statistico, è assimilabile al caso. Il corollario è che, con ogni probabilità, la prossima lettura sarà estremamente vulnerabile a correzioni al ribasso (e dunque non ci sarà da disperarsi).

Un altro modo per leggere attentamente questo genere di dati consiste nell’incrociarli con altri indicatori: vedete segni di miglioramento diffuso nell’economia italiana? La risposta breve è: NO, la congiuntura dell’eurozona migliora lievemente ma resta debole, e l’Italia è il paziente anemico.

Dunque, mente fredda e critica di fronte a dati del genere.


Un risparmiatore informato è un risparmiatore migliore

Scopri la sezione #ABCfinanza

Scritto da

Uno dei fondatori di AdviseOnly, responsabile del Financial & Data Analysis Group. Esperto di finanza e gestione dei rischi, statistico Bayesiano, lunga esperienza in Allianz Asset Management, è laureato in scienze economiche con indirizzo quantitativo-statistico all'Università di Torino. Docente di Quantitative Portfolio Management al Master in Finance dell'Università di Torino, ha pubblicato vari articoli su riviste finanziarie (fra le altre: Journal of Asset Management, Economic Notes, Risk), contribuendo a libri su investimenti e gestione dei rischi. Ex-triathleta, s'ostina a praticare apnea, immersioni e skyrunning.

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.