a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'Elezioni USA: Obama o Romney, questi saranno i problemi da fronteggiare

Elezioni USA: Obama o Romney, questi saranno i problemi da fronteggiare

Siamo arrivati al D-day per le elezioni negli Stati Uniti. I sondaggi danno un vantaggio marginale ad Obama ma nulla è scontato. Naturalmente: “Che vinca il migliore!

Indipendentemente dall’esito elettorale, però, gli Stati uniti si troveranno a fronteggiare problemi noti da tempo, egualmente prioritari per Mr Obama e per Mr Romney. Come in Europa, anche al futuro Presidente americano si presenterà il dilemma tra consolidamento fiscale e riforme strutturali: austerità  o politiche di stimolo all’economia? Sostenibilità fiscale o immediati incentivi alla crescita e all’occupazione?

Nel grafico abbiamo riportato i dati del Fondo Monetario per PIL, Tasso di disoccupazione, deficit e debito pubblico, per cercare di fotografare la situazione macroeconomica USA. A proposito delle previsioni 2013, il Fondo Monetario fa notare che, portato all’estremo, il fiscal cliff potrebbe essere un freno alla crescita economica superiore al 4% (l’impatto non è incluso nello scenario sul quale si basano le previsioni dei grafici).

Clicca per ingrandire.

disoccupazione, PIL, deficit e debito pubblico

Il menù per il futuro Presidente è abbastanza pesante, anche se il trend è in miglioramento:

  • Crescita reale in area 2%, comunque modesta;
  • Disoccupazione intorno all’8% (alta per gli USA);
  • Deficit in percentuale al Pil, vicino alla doppia cifra, sebbene in calo (verso l’8%);
  • Rapporto Debito/PIL oltre il 110%.

Tutto ciò in uno scenario internazionale poco roseo, con i paesi emergenti che crescono meno delle attese e l’Europa in recessione. Questo significa che l’agenda del nuovo inquilino della Casa Bianca è già scritta, manca solo il nome in copertina. Le riforme fiscali necessarie a far ripartire la locomotiva USA dovranno concentrarsi su crescita e occupazione e risolvere nodi cruciali in settori come l’immobiliare e la finanza. Altra area calda sarà il sociale e forse, in questo caso, le differenze saranno più evidenti.

Lo scenario che si presenterà al Presidente non è però totalmente negativo: gli ultimi dati (occupazione, indici di fiducia delle imprese e dei consumatori) hanno fornito segnali piuttosto confortanti. La Fed, la banca centrale americana, ha i fucili carichi e sta cercando di far ripartire l’economia con ogni mezzo.

In bocca al lupo. Yes, you can!

Scritto da

Bilba è una tipetta vispa dall’aria solo apparentemente tranquilla, che si è ritrovata imbarcata in mille avventure sui mercati finanziari, cavandosela sempre. Fatevi guidare da Bilba per superare gli alti e bassi di azioni ed obbligazioni e per uscire sani e salvi dai labirinti dell’economia. Perché i piccoletti se la cavano sempre!

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.