a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'Gli italiani che investono? Sono sempre più anziani

Gli italiani che investono? Sono sempre più anziani

La popolazione di italiani che investono in fondi comuni diminuisce e invecchia. La fotografia scattata da Assogestioni – che fa riferimento al 2019, quindi prima dell’emergenza Covid – restituisce un quadro non particolarmente entusiasmante per il mondo degli investimenti: lo scorso anno il totale dei sottoscrittori di fondi comuni italiani si è attestato a 7 milioni – circa il 12% della popolazione complessiva – con un leggero calo rispetto al 2018.

 
L’aspetto più significativo però riguarda l’aumento dell’età media di chi investe, pari a 60 anni a fine 2019: nel dettaglio, sottolinea Assogestioni, la quota dei sottoscrittori di età compresa tra i 26 e i 35 anni ha continuato a ridursi, passando dal 15% al 6% tra il 2002 (inizio delle rilevazioni) e il 2019, mentre quella degli investitori più anziani (oltre i 75 anni) è cresciuta nello stesso lasso di tempo dal 9% al 20%. Stabile al 40% su tutto il periodo la quota dei sottoscrittori delle fasce di età centrali (46-65).
 

grafico_assogestioni | amCharts
 

Una nota positiva sta invece nella prosecuzione del trend di riequilibrio tra i generi, con le donne che, a fine 2019, rappresentano il 47% dei sottoscrittori di fondi.

 

Quanto e come investono gli italiani?

Per rispondere alla prima domanda, in media la quota destinata agli investimenti (in fondi) si attesta sui 30mila euro, mentre il patrimonio mediano è di 13.386 euro: significa che la metà dei sottoscrittori investe meno di questa cifra. Questo è dovuto alla forte concentrazione della ricchezza: basti pensare che il 10% degli investitori più ricchi detiene quasi la metà del patrimonio e investe importi superiori a 70.218 euro.
Per quanto riguarda invece la composizione dei portafogli, l’indagine mostra come, nel corso del tempo, le preferenze accordate ai fondi azionari e di liquidità si siano ridotte: a fine 2019, il 7% e lo 0,5% dei sottoscrittori concentrava i propri investimenti su questi due segmenti.

 

 
A beneficiarne sono stati soprattutto i fondi flessibili, che oggi rappresentano la scelta principale del 36% dei sottoscrittori, mentre i fondi obbligazionari, da sempre molto amati dagli italiani con punte superiori al 40% dei sottoscrittori, hanno visto una contrazione di recente, attestandosi al 24% nel 2019.

Va detto che la dinamica appena descritta è legata in larga parte al successo dei fondi PIR compliant, che a fine 2019 contano 810 mila sottoscrittori (930 mila includendo i fondi di diritto estero).

Per quanto riguarda le modalità di sottoscrizione, il 65% degli investitori opta per la modalità “tutto e subito”, investendo l’intera quota in un unico versamento (Pic). Nel corso degli anni però è cresciuto il successo dei Piani di accumulo (Pac), tanto che, a fine 2019, il numero di sottoscrittori che ha fatto riscorso in via esclusiva a questa modalità di investimento rappresenta il 21%.

Merita un cenno infine il tema dei canali prediletti dagli italiani per sottoscrivere un investimento, con il 95% del campione che si affida al canale bancario e il 5% restante che si fa seguire da un consulente finanziario.

 


Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Ultimi commenti
  • Avatar

    Forte e chiaro. Ma che tristezza e ansia per i più giovani.

  • massimo vicari

    Assogestioni si rifà ai fondi comuni, i giovani probabilmente preferiscono altri strumenti, come Etf, siti fintech di peer to peer, crowfunding etc. Avere uno spaccato di questi dati sarebbe interessante

  • Avatar

    la penso esattamente come te, i giovani di oggi preferiscono PAC su etf azionari o di qualsiasi altro sottostante.
    ciò è in aumento anche grazie ,o possiamo anche dire sfortunatamente , a youtuber e ragazzini che indirizzano altri coetanei su questi piani di accumuli su etf .. e dico sfortunatamente poichè molti di loro sono privi di educazione finanziaria , sottovalutando le conseguenze.

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.