a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'Lo spettro del contagio si aggira per l’Europa. Advise Only prova a portarlo alla luce

Lo spettro del contagio si aggira per l’Europa. Advise Only prova a portarlo alla luce

Silenzioso e infido, il contagio serpeggia nei mercati finanziari, pronto a colpire. La crisi dell’Eurozona lo ha portato nelle case dei risparmiatori italiani, che hanno imparato a temerlo.

Ma che cos’è il rischio di contagio? Si tratta del pericolo che le difficoltà incontrate da un elemento del sistema finanziario, ad esempio una nazione o una banca, si propaghino velocemente e con impatto avverso su altri elementi del sistema, con un effetto complessivo catastrofico.

Perché vi sia contagio occorre un virus (il default in questo caso), un focolaio (un organo o degli organismi colpiti, cioè Paesi, aziende e persone) e dei veicoli di trasmissione. Due sono i mezzi principali di propagazione del contagio:

  1. il meccanismo psicologico, cioè la fuga da qualunque soggetto e situazione potenzialmente virulenta (la motivazione dietro la vendita massiccia di titoli di Stato dei Paesi euro periferici da parte degli investitori internazionali…);
  2. l’esistenza di forti connessioni finanziarie all’interno del sistema: ad esempio, A è creditore di B, B è creditore di C, se C fa default B subisce delle perdite e potrebbe non essere in grado di ripagare A.

Nella crisi dell’Eurozona sono presenti entrambi i mezzi del contagio: non ci facciamo mancare nulla. Quanto al focolaio, è evidente come esso si collochi in Grecia. Il virus ha attecchito facilmente in un sistema dalla struttura gracile come l’Eurozona: un unione monetaria, ma non fiscale e politica, un gigante con le gambe d’argilla.

Il rischio di contagio è una cosiddetta variabile latente, cioè non è direttamente osservabile, che si “nasconde” nei dati visibili. Sarebbe interessante portarla alla luce nell’Eurozona e vedere che aspetto ha lo spettro dello spread… beh, noi ci abbiamo provato. Vediamo come (cari “nerd” finanziari interessati ai dettagli: scriverò quanto prima un breve documento tecnico che posterò sulla community Advise Only e vi avverto che l’analisi è assai preliminare; per tutti gli altri, quando vedete la parola “tecnicamente”… andate avanti).

Utilizzando gli spread rilevati giornalmente dei titoli di Stato dei Paesi dell’Unione Monetaria rispetto alla Germania, abbiamo cercato di “stanare” il rischio di contagio dai dati finanziari, utilizzando una metodologia statistica conosciuta come “Principal Component Analysis”, che consente di separare la componente sistemica, cioè la sostanza, dal rumore di fondo.

Il grafico seguente mostra la dinamica del “fattore contagio” così stimato (tecnicamente è la “prima componente principale”).

Si nota il picco degli ultimi mesi del 2011, la successiva discesa e poi ancora la risalita quest’anno, nel periodo precedente le prime elezioni in Grecia. Da allora si notano lievi miglioramenti, corrispondenti ai passi avanti nelle sedi politiche ed istituzionali per risolvere la crisi europea. Ma il rischio resta elevatissimo.

Interessante a questo punto è anche capire con quali tempi e intensità i vari Paesi vengono coinvolti. Concentriamoci sull’ultimo anno e su un gruppo ristretto di Paesi che ci sembrano particolarmente significativi: Italia, Spagna, Irlanda e Portogallo.

Il grafico seguente mostra il contributo al rischio di contagio di ciascuno di essi, cioè proprio il “quando” e “quanto” (tecnicamente: gli autovettori della matrice di covarianza stimati “rolling”).

Cosa ci dice il grafico? Innanzitutto che le tensioni derivanti da Irlanda e Portogallo, oggetto di “bail-out”, hanno perso importanza agli occhi degli operatori che trattano i titoli di Stato. Se posso permettermi, questo potrebbe essere un grave errore a mio parere, perché i problemi del Portogallo sono in larga parte ancora lì…

Poi il grafico evidenzia come, sul finire del 2011, i problemi del Governo italiano fossero il fattore di rischio più importante. Variabile che è andata scemando in seguito.

Infine, emerge come recentemente Spagna e Italia contribuiscano sempre più al rischio di sistema: a intimorire il mercato è infatti il duplice meccanismo di trasmissione tra rischio bancario e rischio sovrano (la minaccia principale per la Spagna), e il successivo legame tra Spagna e Italia. Evidentemente la Spagna potrebbe, nello scenario peggiore, trascinare l’Italia nel baratro.

All’Eurogruppo di venerdì, quindi, spetta il compito cruciale di definire i dettagli sulle modalità di erogazione degli aiuti alla Spagna per ricapitalizzare le banche, indebolendo così il meccanismo di trasmissione del rischio di contagio.

Riusciranno “i nostri eroi” – i politici europei – a spegnere il contagio? Ci sarà la possibilità di guarire per i Paesi più colpiti e, soprattutto, si riuscirà a trovare il vaccino per evitare che una situazione del genere si verifichi di nuovo?

Scritto da

Uno dei fondatori di AdviseOnly, responsabile del Financial & Data Analysis Group. Esperto di finanza e gestione dei rischi, statistico Bayesiano, lunga esperienza in Allianz Asset Management, è laureato in scienze economiche con indirizzo quantitativo-statistico all'Università di Torino. Docente di Quantitative Portfolio Management al Master in Finance dell'Università di Torino, ha pubblicato vari articoli su riviste finanziarie (fra le altre: Journal of Asset Management, Economic Notes, Risk), contribuendo a libri su investimenti e gestione dei rischi. Ex-triathleta, s'ostina a praticare apnea, immersioni e skyrunning.

Ultimo commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.