a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'La tassazione sulle rendite finanziarie: cosa cambia con il decreto attuativo

La tassazione sulle rendite finanziarie: cosa cambia con il decreto attuativo

Le intenzioni del Governo Renzi erano chiare da tempo: alzare la tassazione sulle rendite finanziarie (dal 20% al 26%) per finanziare parte dello sgravio Irpef, ossia i famosi 80 € mensili destinati ai contribuenti con reddito da 8.000 a 24.000 euro lordi annuali.

matteo-renzi-80-euro-Irpef

Eppure, come spesso accade, in deroga rispetto alle intenzioni iniziali, l’aumento della tassazione si abbatterà anche su conti correnti, conti deposito, libretti postali e certificati di deposito. In definitiva, stando a quello che emerge dal decreto legge e dalla scheda tecnica approvata dal Governo, gli unici strumenti finanziari ad essere “salvi” dall’aumento dell’imposta sono i titoli di Stato.

Ecco un riepilogo della tassazione sui principali strumenti finanziari a partire dal 1 luglio.

Strumento finanziario
Aliquota
Conti correnti bancari, postali e conti deposito 26%
Titoli di Stato italiani (ed equiparati) 12,5%
Titoli di Stato di Paesi “White List” 12,5%
Obbligazioni bancarie e societarie (italiane ed estere) 26%
Azioni italiane ed estere non incluse nella  “Black list” 26%
Fondi comuni mobiliari 26%;12,5% per la parte investita in titoli di Stato

ETF
26%;12,5% per la parte investita in titoli di Stato
Polizze unit-inked o index-linked 26%;12,5% per la parte investita in titoli di Stato
Titoli di risparmio per l’economia meridionale 5% sugli interessi;20% sulle plusvalenze
Project Bond 5% sugli interessi;20% sulle plusvalenze
Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Ultimi commenti
  • Allora, per sfuggire al rialzo della tassazione al 26% sulle plusvalenze da FCI azionari, visto che non serve neanche switchare sui FCI in Titoli di Stato, l’unica alternativa potrebbe essere quella di sottoscriverli a mezzo GPF per rimanere nella tassazione al 12,50%?

  • Anche nel caso di sottoscrizione
    di FCI azionari attraverso una gestione individuale di patrimonio l’imposta da
    applicare sul risultato maturato della gestione (che comprenderà i redditi di
    capitale derivante dalla partecipazione in fondi azionari) sarà quella del 26%.

  • Ma le tasse non finiscono mai?? Oltre alla patrimoniale sui deposito titoli (bollo sul dossier titoli), la Tobin Tax ora anche l’incremento dell’aliquota. Ma la riduzione della spesa pubblica che è x la gran parte inefficiente ed inutile mai?? TASSE, TASSE, TASSE… complimenti al governo. sempre e solo tasse mai tagli seri

  • l’aumento della tassazione delle rendite finanzia la diminuzione del 10% dell’irap non dell’irpef e quindi non finanzia gli 80neuro

  • Posseggo un bond Intesa XS0526326334 taglio € 50.000 acquistato a 100. Oggi quota 111, quindi potrei venderlo e realizzare € 54.000 netti. Se lo ricomprassi dopo il 1^ Luglio, realizzerei un plusvalenza perché costerebbe sicuramente meno di 54.000. E’ così, o mi sono perso qualcosa?

    • Raffaele Zenti

      Se ho inteso bene la domanda, il pricing di un attivo finanziario (azione, obbligazione, opzioni, ecc) NON dipende dalla tassazione (che è soggettiva, ogni operatore ha la sua), cioè è al lordo (condizione oggettiva). Il che non toglie che le tasse possano influire sulla domanda di un titolo (in questo caso negativamente), ma non è mica detto: infatti, a parte i titoli di Stato (già avvantaggiati prima), nel caso specifico la tassazione aumenta in modo paritetico per tutti gli strumenti finanziari. Personalmente, non mi aspetto molte riallocazioni di portafoglio legate all’incremento dell’aliquota al 26%.

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.