a
a
HomeECONOMIA E MERCATIGRAFICO DELLA SETTIMANAGrafico della settimana: un curioso allineamento sui mercati finanziari

Grafico della settimana: un curioso allineamento sui mercati finanziari

Azioni, obbligazioni e bond corrono sugli stessi binari

Oro, azionario e obbligazionario (sia governativo che corporate) mondiale. Che differenze ci sono tra queste tre asset class?

Moltissime, chiaramente. L’oro è considerato il bene rifugio per eccellenza, salvaguardia degli investimenti nei momenti di difficoltà. L’azionario è l’attivo (sulla carta) più rischioso, quello più ricettivo alla realtà economica in corso e maggiormente in grado di offrire del rendimento. L’obbligazionario invece è normalmente considerato come la parte a minor rischio, più stabile ma anche dalle prospettive di rendimento più risicate.

Niente di nuovo direte voi, tuttavia uno sguardo alla storia recente ci ha incuriosito e ve lo mostriamo nel grafico sottostante.

 

GDS azioni, obbligazioni, oro | amCharts

 

Come si evince, le tre asset class negli ultimi 25 anni, tra alti e bassi, ad oggi hanno portato tutti (quasi) lo stesso risultato. I rendimenti annualizzati (in dollari Usa) si attestano al 5,02%, 5,13% e 5,04% per, rispettivamente, oro, azionario e obbligazionario. Un’evidenza piuttosto inusuale e sicuramente curiosa. Quello che cambia è però il valore della volatilità media annua registrata: 32,15% per l’oro, 30,59% per l’azionario e si abbassa pesantemente all’11,45% per l’obbligazionario, confermando la miglior stabilità di questa asset class.

Rendimenti simili, ma rischi diversi quindi. Cercare a tutti i costi un perché dietro questo risultato può portare a conclusioni errate. Le variabili in gioco sono state tante negli ultimi anni: crisi tecnologiche, del debito, banche centrali a supporto, frizioni geopolitiche, tuttavia l’aspetto veramente rilevante è che nel lungo termine, con la macchina economica mondiale che prosegue la sua corsa (più o meno velocemente), anche il mondo finanziario segue quella traccia lasciata dall’economia reale.

 


Tag Articolo
Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Ultimi commenti
  • Avatar

    Fantastico grafico!
    Quindi si evince il fatto che l’asset class più efficiente (sicuramente con migliore Sharpe/Sortino index) è rappresentata da un paniere di global bond, in quanto spreca meno “energia” in movimenti random up/down come fanno azionario e oro.
    In una logica da cassettista naturalmente..

  • Avatar

    Il fatto che al 25/03/19 i tre grafici convergano mi sembra puramente casuale, credo che basterebbe porre a cento i valori di un’altra data e il grafico sarebbe completamente diverso. Inoltre c’è un’altra data di quasi convergenza il 29/02/08 dalla quale successivamente i tre asset si sono differenziati senza alcuna logica.

    Però il grafico sembra dirci qualcosa di inaspettato (almeno per me):

    – sembra affermare che non è affatto vero che, alla lunga, gli asset più rischiosi (azioni) remunerano di più altrimenti i tre grafici non convergerebbero (dal 1994 al 2019 mi sembra un periodo sufficientemente lungo);

    – è vero che con un portafoglio formato da tutti e tre gli asset acquistati in modo paritario (33,3%) è più redditizio indipendentemente dalla data in cui si preferisce disinvestire;

    – Alla fin fine non vale la pena darsi tanto da fare: acquistando solo i bond si ottiene quasi lo stesso risultato che si ottiene con l’acquisto di tutti e tre gli asset e correndo rischi minimi (basta guardare come il grafico procede in salita in modo imperterrito).

    E’ giusta la mia analisi? E’ solo il frutto casuale di questo grafico? Qual’è o quali sono gli ETF generano la curva verde?

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.