a
a
HomeECONOMIA E MERCATIGRAFICO DELLA SETTIMANANasdaq 100 vs S&P 500: quando i Megatrend fanno la differenza

Nasdaq 100 vs S&P 500: quando i Megatrend fanno la differenza

S&P 500 e Nasdaq 100 sono due dei più importanti indici azionari di Wall Street. Il primo, creato nel 1957 da Standard and Poor’s, è il principale benchmark azionario dei titoli quotati a Wall Street ed è il sottostante di tantissimi prodotti derivati, come Futures, opzioni e certificati. Contiene 500 titoli azionari di altrettante società quotate a New York (NYSE e Nasdaq), rappresentative dell’80% circa della capitalizzazione di mercato.

Un indice decisamente ampio, insomma: basti pensare che il mercato azionario statunitense sintetizzato dall’S&P 500 è considerato il più vasto e rappresentativo mercato azionario al mondo.

Il Nasdaq 100 invece è un indice fondato nel 1971 dalla National Association of Securities Dealers che traccia il movimento delle prime 100 società non finanziarie in termini di capitalizzazione quotate al Nasdaq ed è particolarmente esposto ai settori più innovativi, primo tra tutti la tecnologia, ma anche sanità e servizi.

nasdaq | amCharts

Ebbene, questi due indici hanno registrato performance molto diverse nel corso negli ultimi anni. A sottolinearlo è un report diffuso di recente da Nasdaq che, confrontando i rendimenti annuali Total Return (quindi con il reinvestimento dei dividendi) nel periodo che va dal 2007 al 2021, ha rilevato come il Nasdaq 100 abbia fatto meglio dell’S&P 500 per 11 dei 13 anni considerati.

 

Perché il Nasdaq 100 ha fatto meglio dell’S&P 500?

Il motivo, si legge nel report, va ricercato nella diversa esposizione dei due indici: proprio il peso di settori interessati da grandi Megatrend – come appunto la tecnologia e l’health care – ha permesso al Nasdaq 100 di sovrastare il suo “rivale”, nonostante la volatilità che ha interessato i mercati finanziari negli ultimi anni (quest’ultima, a dire il vero, risulta leggermente più elevata per il Nasdaq 100, ma senza differenze significative).

L’ESPOSIZIONE SETTORIALE DEL NASDAQ 100 HA FATTO LA DIFFERENZA (Fonte: Report Nasdaq, 2021)

Performance Nasdaq S&P 500
Rendimento cumulativo 620% 257%
Rendimento annualizzato 16,1% 10,1%
Volatilità annualizzata 23% 21%

Nello specifico, la performance cumulata del Nasdaq 100 Total Return tra il 2007 e il 2021 è stata pari al 620% contro il 257% dell’S&P 500, mentre il rendimento annualizzato è stato pari al 16,1% contro il 10,1% del “competitor”.

Nel primo trimestre del 2021 la musica è cambiata

Ciò detto, nel primo trimestre del 2021 le sorti dei due indici si sono invertite: il Nasdaq 100 ha registrato un +1,76%, mentre l’S&P 500 è schizzato in alto del 6,17%. Probabilmente si tratta di un fenomeno temporaneo, si sottolinea nel report: i trend di lungo termine a cui sono esposte le aziende che compongono il Nasdaq 100 restano forti e radicati nonostante la brusca frenata imposta dalla pandemia.

La tecnologia sta trasformando il mondo e, prevedibilmente, continuerà a farlo negli anni a venire. Con le immaginabili conseguenze (positive) sulle aziende coinvolte in questo settore.
 


 

 

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.