a
a
HomeECONOMIA E MERCATIGRAFICO DELLA SETTIMANAGrafico della settimana: spread dei Paesi periferici tornano giù, la crisi è finita?

Grafico della settimana: spread dei Paesi periferici tornano giù, la crisi è finita?

La settimana scorsa la Grecia ha collocato sul mercato con successo un bond a 5 anni. A dispetto del ruolo della Grecia nella crisi dell’Eurozona, il rendimento del titolo decennale greco è tornato intorno al 6%. Ne è passata di acqua sotto i ponti dal febbraio 2012, quando era attorno al 37%!

L’insieme di misure messe in atto in questi anni da istituzioni e governi – criticatissime o lodate, a seconda dei punti di vista – hanno però sortito un effetto positivo sugli spread, facendo gradualmente tornare il costo del debito a livelli sostenibili.

crisi-finita-spread-italia-spagna-grecia-portogallo

La crisi dell’Eurozona non è finita, e non potrebbe esserlo con un livello di disoccupazione ai massimi storici. Sembra però che sia cambiata la fase: dalla gestione dell’emergenza alla ricerca della crescita economica.

Sta succedendo in Europa ciò che fino a qualche anno fa era una mera illusione: tutti gli spread dei Paesi Periferici stanno tornano a convergere (avvicinandosi ai livelli pre-crisi). Lo spread tra il decennale greco e il suo omologo tedesco ha toccato quota 476.  Non accadeva da marzo 2010.

In generale, da inizio anno i mercati stanno favorendo i Paesi Periferici, sia in termini di rendimenti obbligazionari e spread, che di indici azionari. In atto c’è una vera e propria rivoluzione: le banche europee si stanno ricapitalizzando per far fronte all’Asset Quality Review e agli Stress Test. Inoltre, dopo l’Irlanda, anche Portogallo e Grecia hanno ripreso a finanziarsi sui mercati e la BCE è pronta ad intervenire con un quantitative easing.

La direzione sembra quella giusta, non c’è dubbio, ma resta ancora molta strada da fare prima di tornare a un mix di crescita e occupazione compatibile con l’ordine dei conti pubblici e la salute di quelli privati.

A fronte di questa discesa dei tassi d’interesse, con prospettive economiche incerte, la domanda di ogni risparmiatore consapevole è: conviene investire in obbligazioni?

Risponderemo con un post domani, continuate a seguirci!

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Ultimi commenti
  • Avatar

    Siete grandi!

  • Avatar

    Tempo fa’, molto tempo fa l’Italia viaggiava con spread attorno a 20/30 b.p. anche meno, un ritorno alla normalità in europa dovrebbe restituire valori prossimi allo zero tra paesi dell’eurozona, non sarà’ domani, ma se non salta l’euro, e l’ euro non può’ che andare avanti, a gioco lungo il mercato porterà alla pari o quasi i vari paesi.
    In caso contrario si salvi chi può’………

    • Avatar

      Ecco “si salvi chi può” è un’eccellente sintesi di ciò che accadrebbde se saltasse l’Euro.

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.