a
a
HomeBRAND CORNERUBS ETF ITALIAInflazione in vista? Ecco come proteggersi con i bond governativi

Inflazione in vista? Ecco come proteggersi con i bond governativi

Il fantasma dell’inflazione si è affacciato all’orizzonte negli ultimi mesi. Un aspetto che ha messo in allarme i mercati, spaventati dal fatto che un aumento generale dei prezzi possa portare le banche centrali a rivedere le loro politiche monetarie espansive e ad alzare i tassi d’interesse. L’economia globale, del resto, sta vivendo una fase di transizione dalla recessione indotta dalla pandemia al recupero dovuto alla rimozione delle restrizioni per il contenimento del virus. La ripresa non è uguale in tutte le regioni, ma sta di fatto che l’aumento improvviso della domanda di alcune materie prime, associato ad alcuni colli di bottiglia nelle forniture, ha portato a spingere l’inflazione. A questo, poi, si aggiungerà la messa a terra dei vari piani di investimento dei governi, dagli Stati Uniti all’Europa, fino alla Cina che potrebbero portare l’economia mondiale a surriscaldarsi.

 

Inflazione da commodity, ma attenzione anche alla ripartenza dei consumi

Per fare un esempio, si può citare il caso del rame. Il prezzo di quest’ultimo, anche sull’onda delle aspettative per il raggiungimento di ambiziosi obiettivi climatici da parte dei governi, è schizzato verso l’alto toccando il proprio record di tutti i tempi nelle scorse settimane. E i colli di bottiglia nelle forniture causati da un aumento repentino della domanda, stanno creando non pochi disagi anche nel settore dei semiconduttori. Una penuria che trae origine probabilmente anche dai corposi investimenti in digitalizzazione avvenuti durante la pandemia. Quanto al futuro, l’allentamento delle restrizioni pandemiche potrebbe far rialzare la testa ai consumi, con una fetta non trascurabile della popolazione che ha risparmiato forzatamente e ora potrebbe decidere di spendere all’unisono almeno una parte del tesoretto accantonato durante la pandemia.

 

Bond governativi americani per affrontare l’inflazione

Le case d’investimento, preso atto del contesto generale, hanno messo a punto una serie di prodotti che possono fornire protezione circa la prospettiva di un aumento generalizzato dei prezzi. Per esempio la casa svizzera d’investimenti Ubs comprende nella sua gamma di prodotti diversi Etf (exchange traded fund, fondi a gestione passiva che replicano un indice) per tenere a bada l’inflazione. Uno di questi è l’UBS ETF (LU) Barclays TIPS 1-10 hedged EUR UCITS, un prodotto agganciato al paniere Bloomberg Barclays Us Government, contenente cioè titoli di stato statunitensi di durata compresa tra uno e dieci anni che rimangano agganciati all’andamento dell’inflazione. La sigla Tips che si legge nel nome, infatti, sta per Treasury Inflation Protected Securities, il che vuol dire che il loro valore non viene eroso dall’innalzamento dei prezzi. Il prodotto, inoltre, può essere acquistato con valuta di riferimento dollaro o euro. Il comparto, inoltre, può offrire anche classi di quote coperte contro il rischio di cambio. Esiste un ulteriore comparto che invece racchiude nel suo paniere di riferimento titoli di stato con una scadenza superiore alla decade (è il caso dell’UBS ETF (LU) Barclays TIPS 10+ UCITS ETF).

 

L’alternativa europea indicizzata all’inflazione

Il fondo d’investimento UBS ETF (LU) Euro Inflation Linked 1-10 UCITS, invece, investe sempre in titoli di stato indicizzati all’andamento dell’inflazione, ma stavolta prende in considerazione bond governativi dell’area euro (più precisamente di Francia, Italia, Germania e Spagna). L’indice di riferimento, infatti, mira a replicare, al lordo delle commissioni, la performance in termini di prezzo e rendimento cedolare del Bloomberg Barclays Euro Government Inflation-Linked 1-10 Year Index, dove sono inclusi titoli di stato investment grade, denominati in euro e con una vita residua compresa tra 1 e 10 anni. Anche in questo caso, esiste un comparto alternativo (l’UBS ETF Bloomberg Barclays Euro Inflation Linked 10+ UCITS ETF (EUR) A-dis) che include nel suo universo d’investimento titoli di stato con vita residua superiore ai dieci anni.
 

Vuoi saperne di più?

Tag Articolo
Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 85 miliardi di dollari e rappresenta il quarto operatore nel mercato degli ETF in Europa (Fonte: ETFGI al 31 dicembre 2020) con oltre 120 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 950 miliardi di euro (al 31 dicembre 2020), di cui oltre 350 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.