a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAABC FINANZA#ABCfinanza: investire in commodities, cosa sono contango e backwardation?

#ABCfinanza: investire in commodities, cosa sono contango e backwardation?

Aggiornato il 17/11/2017

In questo nostro #ABCfinanza cercherò di spiegare le nozioni di backwardation e contango che, come vedremo, sono di particolare importanza negli investimenti in Futures, specie quelli sulle commodities (anche se è comune anche per gli investimenti su indici di volatilità, come il VIX).

Prima però è opportuno partire da alcune nozioni preliminari di finanza.

Che cos’è un contratto Futures?

È un accordo standardizzato (diversamente dal contratto forward) in cui le parti, un compratore e un venditore, stabiliscono di scambiarsi a una data futura (delivery date) un ammontare prestabilito (cash asset) ad uno specifico prezzo (delivery price). Un funzionamento un po’ contorto all’apparenza, ma semplice nella sostanza.

I Futures sono scambiati sul mercato ufficiale (diversamente dai contratti forward, per i quali non esiste un mercato ufficiale, ma vengono per l’appunto scambiati over-the-counter) al prezzo Future di mercato, finché il contratto non scade.

Una tipologia di strumenti che si basa su contratti Futures sono ad esempio gli ETC (Exchange Trade Commodity) sul petrolio e sulle altre principali materie prime.

Infatti, a causa di problemi di stoccaggio e conservazione della commodity, non è possibile investire fisicamente in questa materia prima ma l’esposizione può essere ottenuta attraverso una replica di indici di Futures(replica sintetica, resa possibile tramite l’utilizzo di derivati).

Backwardation e contango

Gli ETC (come anche gli ETF) non hanno una scadenza. La motivazione è la seguente: per evitare la liquidazione dell’investimento si rende necessario rinnovare il contratto Futures corrente prima che giunga a scadenza e reinvestire il ricavato in un contratto a scadenza successivo. In questo modo, l’investitore in ETC (nel nostro caso sul petrolio) potrà mantenere la sua posizione. Di conseguenza, questa attività di sostituzione (rolling), genera un rendimento (chiamato rendimento roll) che può essere positivo o negativo e può influenzare in maniera significativa il rendimento complessivo dell’investimento.

Quando il rendimento roll è negativo, ossia il valore del contratto Futures in scadenza è inferiore a quello successivo, il mercato si dice in contango.

Nel caso opposto, ossia quando il rendimento roll è positivo, si parla di backwardation.

Il rendimento totale dell’investimento in Futures dipende anche:

  • dal movimento dei prezzi del sottostante;
  • dal collateral yield, cioè dall’interesse sul valore delle garanzie collaterali.

Tuttavia, come abbiamo detto, anche il rolling yield, è una componente importante da considerare.

Due esempi pratici e attuali

Nel primo caso immaginiamo di essere un investitore esposto con un ETC sull’oro.

Come si nota dal grafico, il mercato Futures sull’oro mostra un andamento di contango: infatti ad ogni data di scadenza, il contratto Futures ha un prezzo inferiore a quello nuovo successivo. Siamo quindi di fronte ad un caso di rolling negativo.

Il rendimento roll negativo può essere pensato come un costo che incide in maniera negativa sulla performance totale dell’ETC, ossia riduce il contributo positivo che potrebbe derivare dalle altre due componenti di rendimento.

Al contrario ora mettiamoci nei panni di un investitore esposto, sempre con un ETC, sul petrolio.

In questo caso, la realtà del mercato del petrolio (almeno per il Brent) è opposta rispetto a quella dell’oro: i Futures sul Brent mostrano un andamento di backwardation, dato che ogni contratto Futures in scadenza ha un prezzo superiore rispetto a quello successivo. Il rolling in questo caso è quindi positivo.

In conclusione, cari investitori in commodities,  fate attenzione al percorso seguito dal prezzo!


The Brunch: l’unica newsletter per i professionisti della finanza


Scritto da

Dopo l'importante esperienza lavorativa in AdviseOnly, dove ha ricoperto il ruolo di portfolio advisor e analista macroeconomico, è entrato in Cassa Depositi e Prestiti. Ha conseguito la Laurea in Economia Politica all'Università degli Studi di Roma I "La Sapienza", trascorrendo alcuni periodi di studio all'estero ed il Master in Finance (II livello) presso l’Università di Torino (CORIPE Piemonte). La sua principale passione è l'economia.

Ultimo commento
  • deduco male io, oppure tutte le volte che il prezzo sale l’ETC risentirà dell’effetto contango e quindi non si otterrà il profitto atteso solo seguendo il prezzo della commodity in questione?

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.