a
a
HomeECONOMIA E MERCATICOMMENTO AL MERCATOBollettino AO | Europa alle urne, Theresa May a casa

Bollettino AO | Europa alle urne, Theresa May a casa

In Europa si vota mentre in UK la May annuncia le sue dimissioni

I fatti salienti della settimana

L’Europa vota, la May se ne va. Ironia della sorte, sono stati i cittadini del Regno Unito a inaugurare, insieme agli olandesi, la tornata elettorale europea. Intanto a Londra ogni tentativo da parte del primo ministro Theresa May di riprendere un dialogo su Brexit è andato a vuoto. Non solo: dopo pressioni sempre più forti da più fronti (e forse con gli exit poll in mano), venerdì 24 maggio la May ha annunciato le sue dimissioni: lascerà la guida dei Conservatori il 7 giugno, mentre rimarrà a Downing Street fino alla scelta del successore.

Modalità bastone e carota: “on”. Il presidente USA Donald Trump ha vietato alle società statunitensi di utilizzare tecnologie e attrezzature Huawei, il che ha innescato la ritorsione cinese. Poi la concessione: fino al 19 agosto saranno consentite alcune transazioni con l’azienda cinese e le sue 68 filiali non statunitensi. La risposta? La Cina “è pronta a continuare i negoziati”, ha detto l’ambasciatore negli Stati Uniti Cui Tiankai a Fox News. Trump ha ribadito: un accordo commerciale con la Cina rimane una “buona possibilità”.

Le banche centrali non hanno premura. Fed e BCE hanno diffuso i verbali delle ultime riunioni di politica monetaria (del 30 aprile e primo maggio quella della Fed, del 10 aprile il meeting della BCE). Confermate le preoccupazioni sull’economia globale e l’effetto dazi. Non c’è premura: i tassi, per ora, non si toccano.

Allarme economia globale. L’OCSE ha di nuovo tagliato la stima sulla crescita globale (al 3,2% dal 3,3% di marzo), affermando che le barriere commerciali sono “nemiche della crescita”.

Il Giappone è tornato? Negli ultimi mesi l’economia nipponica è cresciuta inaspettatamente, anche se il rallentamento della crescita globale e le tensioni commerciali hanno frenato gli investimenti delle imprese.

Il PIL è aumentato del 2,1% su base annua nel periodo fino a marzo, sfidando le previsioni di una contrazione dello 0,2%. La crescita è stata alimentata dall’aumento delle esportazioni e da una diminuzione delle importazioni, mentre la domanda interna rimane debole.

Nuovo governo in India. Narendra Modi ha trionfato nelle 17esime elezioni generali indiane e si conferma alla guida del Paese per altri cinque anni. Una vittoria storica per la destra nazionalista induista, che si conferma prima forza in India.

 

 

Come si sono mossi i mercati

Indici USA in rosso. L’effetto Trade War si è fatto sentire sui principali indici statunitensi. Industria, tecnologia ed energia si sono rivelati i settori più colpiti, a causa delle preoccupazioni sul dossier commerciale.

Azioni tech nel mirino. Settimana decisamente negativa per i titoli del settore dei semiconduttori, dopo che i colossi statunitensi hanno aderito al diktat imposto da Trump tagliando le forniture a Huawei. Giù Intel, Qualcomm e Xilinx. Le azioni tecnologiche sono rimbalzate però in Asia, con Samsung che, in forte crescita, beneficia dei guai di Huawei.

Prezzo del petrolio a picco. La Trade War si fa sentire anche qui. Magra consolazione dopo le aperture di Trump su Huawei: Il WTI si è stabilizzato dopo il crollo di New York, ma è ancora diretto verso il suo più grande calo settimanale da dicembre.

Gas naturale e oro in pole position. L’oro si conferma ancora una volta tra le storie più interessanti della settimana. E possiamo aggiungere il gas naturale e il palladio.

Borse europee in attesa del voto. Tentano il recupero le Borse europee sul finire della settimana, dopo due sedute consecutive sotto pressione: si scommette sulle ultime aperture del presidente USA a proposito di dazi e Cina. Bene anche Piazza Affari. Vedremo cosa accadrà lunedì a “voti” fatti.

 



Previous



Next

 

Da segnare in agenda

Stati Uniti – Martedì 28 maggio uscirà il rapporto sulla fiducia dei consumatori a maggio, mentre il 30 sarà rilasciato il dato sulla variazione (trimestre su trimestre) del PIL annualizzato nei primi tre mesi dell’anno. Il 31 maggio toccherà al sentiment dell’Università del Michigan e ai redditi e alle spese personali.

Cina – Venerdì 31 maggio focus sull’indice dei direttori agli acquisti del settore manifatturiero e non manifatturiero a maggio.

Europa – Qui saremo alle prese, oltre che con i risultati del voto, con i dati sulla fiducia di consumatori, industria e servizi. Attenzione, poi, all’indicatore del clima dell’attività commerciale. In Germania usciranno i dati sulla disoccupazione.

Regno Unito – Martedì 28 verrà diffuso l’aggiornamento sui prezzi delle case a livello nazionale, mentre il 31 maggio uscirà una nota sull’approvazione dei mutui.

 


Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.