a
a
HomeECONOMIA E MERCATIECONOMIA, POLITICA E SOCIETA'Investire in Ricerca e Sviluppo paga?

Investire in Ricerca e Sviluppo paga?

Investire sulla conoscenza potrebbe davvero contribuire al rilancio della fragile economia del nostro Paese? Scopriamo insieme cosa dicono i dati dell’OCSE.


Si parla spesso degli investimenti per rilanciare la crescita economica dei Paesi Sviluppati.

Ma è davvero così?

Per rispondere a questa domanda ci siamo chiesti se i Paesi che investono di più in Ricerca e Sviluppo (o R&D) siano anche quelli che – storicamente – sono cresciuti di più in termini di PIL. Perciò, il seguente grafico, fotografa la situazione degli ultimi dieci anni: sull’asse verticale c’è il tasso di crescita media del PIL reale, mentre sull’asse orizzontale troviamo la spesa media in R&D rispetto al PIL (cioè: spesa in R&D/PIL).
 

 

Il caso emblematico dell’Italia

Quello che emerge dal grafico è che PIL e spesa in R&D sembrano correlati positivamente. Emblematico è (purtroppo) il caso dell’Italia: nel grafico, l’ultimo punto blu nell’angolo in basso a sinistra è il nostro Paese. Che, mediamente, negli ultimi dieci anni registra una crescita economica reale negativa, pari al -0,31%, ed investimenti in ricerca pari ad appena l’1,21% del PIL (valore nettamente inferiore alle media dei Paesi OCSE, pari al 2,3%).

… e quello di Israele

Nell’angolo opposto, invece, con una crescita reale del PIL ed investimenti in R&D maggiori del 3%, troviamo un Paese che, per quanto geograficamente piccolo e con appena otto milioni di abitanti, riesce a stabilirsi come punto di riferimento sul panorama internazionale: Israele.

Un Paese dove proprio la continua innovazione tecnologica, derivante dai numerosi investimenti, è il “bene” più esportato, come emerge dal saldo positivo della bilancia commerciale. Questo fattore ha inevitabilmente attratto i “big” della tecnologia mondiale come IBM, Intel, Microsoft, Apple, Google, Facebook e Amazon, che negli ultimi anni hanno aperto importanti centri di ricerca in Israele.

Ovviamente non sono i soli investimenti in R&D a trainare la crescita di un Paese. Ma, come disse  Benjamin Franklin, “un investimento in conoscenza paga sempre il massimo interesse“.

In questo senso è da leggere il “Piano nazionale industria 4.0 2017 – 2020” presentato dal Ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda, che intende proprio risvegliare l’economia del nostro Paese incentivando investimenti innovativi in Ricerca e Sviluppo ed instradare così l’Italia verso la cosiddetta “quarta rivoluzione industriale“.


Non sei ancora iscritto ad AdviseOnly?

Registrati ora
Scritto da

Con www.adviseonly.com la finanza non è mai stata così semplice. La nostra missione è spiegarvi il mondo degli investimenti in modo chiaro e senza giri di parole, per rendervi investitori più informati e consapevoli.

Ultimi commenti
  • Avatar

    Sarà l’ennesimo piano buffonata Italiota per nascondere più deficit camuffandolo da investimenti.
    Italia = paese fallito e ingovernabile!

  • Avatar

    E comunque in codesto blog di finanza sarebbe da chiarire come mai il Giappone fa così pena pur spendendo in R&D quasi quanto i Sudkoreani.

    • Raffaele Zenti

      Ovviamente la realtà economica di un Paese non si spiega interamente con la sola spesa in R&D (non è infatti questa la tesi del post), benché la spesa in R&D abbia un impatto positivo sul PIL. La situazione del Giappone da 30 anni a questa parte, nelle sue luci e ombre, dipende da molteplici fattori socio-economici, inclusi la sua storia e la sua peculiare cultura, che hanno riflessi profondi sulla vita economica del Paese.

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.