a
a
HomeECONOMIA E MERCATIGRAFICO DELLA SETTIMANAGrafico della settimana: prezzi dell’energia a tutto gas in Europa

Grafico della settimana: prezzi dell’energia a tutto gas in Europa

Ok la transizione energetica, ma qui, ora, nell’immediato, c’è intanto da risolvere qualche problemuccio di approvvigionamento e costi. Come segnala Bloomberg, l’Europa sembra alle prese con un vero e proprio “shock dei prezzi dell’energia”, con il costo di gas naturale ed elettricità in salita a livelli record.

Le due cose sono collegate: “una crisi delle forniture di gas sta aumentando il costo della produzione di energia dal Regno Unito alla Germania”, scrive Bloomberg, “proprio mentre le imprese riaprono e la gente torna in ufficio, aumentando la domanda”.

E l’incremento dei prezzi non è senza conseguenze: è questo, infatti, il fattore che alimenta l’inflazione e minaccia di bloccare la ripresa economica. Pensateci: le industrie che hanno bisogno di molta energia per lavorare potrebbero essere costrette a ridurre la produzione. Ed eccolo qua, l’impatto sulla ripresa.

I prezzi stanno salendo anche se siamo ancora in estate, fa notare ancora Bloomberg: ovvero, in un periodo nel quale la domanda è di solito bassa. Si teme quindi che ciò sia l’antipasto di un inverno quantomeno sfidante. Anche per i consumatori, posti di fronte a uno scenario di prezzi in rialzo praticamente su tutti i fronti, dal cibo ai trasporti.

 

Il record del gas naturale

Ed è esattamente in un contesto come questo che i Futures sul Dutch Natural Gas – il benchmark europeo del gas – scambiati nei Paesi Bassi lunedì 6 settembre hanno toccato un nuovo record.

 

gas naturale | amCharts
 

Non solo gas. Il clima caldo e la bassa velocità del vento stanno frenando la produzione di energia rinnovabile e incoraggiando invece il ricorso al fossile, spingendo il prezzo del carbone su di oltre il 70% in Europa quest’anno. Quando si dice “cane che si morde la coda”.

 

 

Non solo: in Europa, con la produzione e le scorte che per varie ragioni illanguidiscono, la fiammata del gas fa impallidire le quotazioni del petrolio, come dimostra il confronto tra incremento dei prezzi del Dutch Natural Gas e del Brent nell’ultimo anno.

 

Gas e Brent | amCharts

 

Il terreno però è un poco scivoloso

In ogni caso, c’è fame di energia. E siamo sempre lì: le rinnovabili non sono (ancora) in grado di soddisfare l’intera domanda, e quindi ci si rivolge alle fonti fossili. Che pure non sono sempre disponibili al semplice scoccar di dita. E i prezzi si impennano.

L’impennata dei prezzi dell’energia ha già mandato in orbita l’inflazione tedesca, ai massimi dal 2008: +3,4% la variazione annua stimata ad agosto1, a fronte del target BCE del +2%. E le cose potrebbero ulteriormente peggiorare, fa notare Bloomberg2 , qualora si ripetesse il freddo del 2018, “quando la Bestia dall’Est portò temperature gelide in Europa occidentale”.

 



1. Euro area annual inflation up to 3.0%
2. Per chi volesse approfondire, segnaliamo l’articolo Europe Faces Energy Price Shock With Gas and Power at Records

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.