a
a
HomeECONOMIA E MERCATIGRAFICO DELLA SETTIMANALa ricchezza fa davvero la felicità?

La ricchezza fa davvero la felicità?

La ricchezza fa (davvero) la felicità?

I soldi non danno la felicità… O sì? Per cercare di capirlo abbiamo messo a confronto il grado di soddisfazione nella vita e il reddito pro-capite lordo (a parità di potere d’acquisto) dei principali Paesi OCSE[1]. Il tutto standardizzato intorno alla mediana del campione, così da poter individuare a colpo d’occhio quale Paese è relativamente più o meno felice di un altro, oppure chi è più o meno ricco.

2016-03-21_1121

Cosa ne viene fuori?

Ecco i risultati: tra i più ricchi e più soddisfatti della propria vita (quadrante in alto a destra) spiccano i Paesi nordici e gli Stati Uniti. Non stupisce granché.

Nel quadrante opposto invece, tra quelli con il reddito lordo più basso e meno soddisfatti (insomma i più sfigati), ci sono la Grecia (chissà perché?), il Portogallo e l’Ungheria.

L’Italia, insieme al Giappone, è tra i Paesi meno soddisfatti, ma mediamente benestanti.

Guardando il grafico, balza all’occhio poi che il quadrante dei “soddisfatti ma con reddito basso” è praticamente disabitato, Brasile a parte.

Per completezza, va segnalato che gli indicatori presi in esame non tengono conto di moltissimi fattori importanti – uno per tutti, la concentrazione della ricchezza nella popolazione. Detto questo, resta il fatto che dal grafico emerge una considerazione chiara: forse i soldi non fanno completamente la felicità, ma di certo aiutano molto.

E voi cosa ne pensate?

 

[1] http://stats.oecd.org/Index.aspx?DataSetCode=BLI

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Ultimi commenti
  • Avatar

    Interessante lo studio dell’OCSE, ma come al solito va preso più che con le pinze. L’asse orizzontale è infatti impostato sul reddito lordo degli individui, ma per ottenere una chiara e più veritiera fotografia bisognerebbe considerare il costo della vita che varia da paese a paese. Il reddito lordo è solo un numero privo di significato se non messo in relazione con il potere d’acquisto.

    • Avatar

      Riccardo la misura dell’OCSE tiene conto del potere d’acquisto, non sono mica fessi :). Come dici tu non è una misura perfetta, tutti i numeri vanno presi con le pinze e interpretati. Infatti, la stima non tiene conto delle diverse tassazioni (che incidono sul reddito netto) e della disparità di reddito per esempio. Ma è un bel grafichetto lo stesso, da venerdì.

      • Avatar

        Beh di fatto non ne tiene conto se come dici giustamente non si fa la distinzione con il reddito netto che è quello che realmente “entra in tasca” ad una persona. Se in più ci metti la tassazione sui prodotti (la nostra IVA ad esempio che varia a seconda dei prodotti) e il paniere di beni analizzato (che varia da paese a paese e che spesso include incongruenze con le reali necessità), detto fatto che il grafico non corrisponde proprio ad una fotografia veritiera. Non a caso nella parte più alta dell’asse orizzontale troviamo i paesi nordici. Comunque ti do ragione, un bello spunto su cui discutere.

  • Avatar

    scusami, ma perchè la Francia compare 2 volte? quale è quella giusta?

    • Avatar

      Perchè l ho messa due volte per errore. Quella giusta quadrante in basso a destra.

      • Avatar

        c’è anche un “pologna” 😉

  • Avatar

    miglior rapporto sforzo (reddito) / rendimento (soddisfazione) ce l´ha il brasile…il take it easy funziona!

  • Avatar

    Mi vien da notare come i paesi più felici siano quelli dove mediamente la gente rispetta la “cosa pubblica” e dove lo Stato si prende cura dei propri cittadini ( U.S.A a parte ). molto interessante. In Italia ci lamentiamo e basta 🙂

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.