a
a
HomeBRAND CORNERInvestire in titoli di Stato dei Paesi Emergenti, una scommessa vincente

Investire in titoli di Stato dei Paesi Emergenti, una scommessa vincente

L’investitore consapevole dovrebbe saper allargare i propri orizzonti: a volte le migliori occasioni sono al di fuori dei confini nazionali. I mercati emergenti sono in costante crescita e l’ETF Barclays Emerging Markets Sovereign di UBS gode di un ottimo momentum.


Le nostre scelte sono molto spesso meno razionali di quello che potremmo immaginare. La finanza comportamentale, che esplora i meccanismi mentali dietro le nostre scelte, ha ben documentato una lunga lista di errori comportamentali (detti anche bias cognitivi) che inconsciamente influenzano le nostre azioni, inducendoci a commettere degli errori di valutazione.

Attenzione all’home bias

Tra gli errori cognitivi più noti c’è l’home bias. Cos’è? L’home bias, di cui si parla già dagli anni ’90, è quella tendenza degli investitori a prediligere il mercato finanziario del proprio Paese, un po’ perché lo si conosce meglio, un po’ perché si sviluppa una sorta di attaccamento emotivo verso gli asset di “casa”. È un po’ il meccanismo che ci guida quando facciamo la spesa: si tende sempre a voler acquistare merce prodotta in Italia (a prescindere), nella convinzione che sia migliore: ci si fida di più di ciò che si conosce. Ma negli investimenti, questo atteggiamento può far perdere interessanti occasioni.

Allargare gli orizzonti conviene

In Europa, gli investitori obbligazionari fanno fatica a trovare il giusto equilibrio tra rischio e rendimento, e in molti si stanno spostando dai classici investimenti in titoli di Stato verso profili leggermente più rischiosi come i titoli corporate e i titoli obbligazionari dei Paesi Emergenti. In particolare, nell’attuale scenario d’investimento i titoli di Stato dei Paesi Emergenti continuano ad avere un profilo di rischio/rendimento più interessante, specialmente se confrontati con gli altri segmenti obbligazionari.

Il mercato del debito dei Paesi Emergenti è cresciuto molto negli ultimi anni, grazie al sostegno dei fondi pensione, diventando appetibile per gli investitori internazionali sia dal punto di vista della liquidità dei titoli sia come opportunità di diversificazione.

 

debito_mondiale-ubs

Investire nei Paesi Emergenti senza compromettere la diversificazione

La concentrazione di portafoglio ha sempre costituito un problema per chi volesse investire in titoli di Stato dei Paesi Emergenti. Dal momento che una buona fetta degli ETF quotati su Borsa Italiana presenta questo limite, in UBS abbiamo deciso di percorrere un’altra strada, cooperando con Barclays per offrire un’opportunità in più.

I due ETF Barclays Emerging Markets Sovereign 3% country cap (SBEM e SBEME), sono innovativi essenzialmente per due ragioni:

  • Diversificazione. All’indice Barclays è applicato il limite per Paese del 3%: significa che un singolo Paese non può pesare più del 3% del portafoglio. Ciò costituisce una notevole differenza rispetto all’indice JP Morgan EMBI Global Core Index, che non presenta questo vincolo.Il cap al 3% quindi consente di dipendere meno dai singoli avvenimenti dei Paesi, inoltre l’indice rialloca il peso che eccede il 3% sulle economie con una migliore qualità del debito (e di questo ne beneficia la performance e la volatilità).
  • Schema di ponderazione. A determinare le ponderazioni dell’indice Barclays è l’ammontare in circolazione, mentre nell’indice JP Morgan il peso delle singole emissioni è determinato dal più tradizionale approccio basato sulla capitalizzazione di mercato.

A fine aprile, il ritorno anno su anno sullo SBEM è stato del 9,45% rispetto all’8,75% dell’EMBI. C’è da aggiungere che lo SBEM ha solo  7 Paesi con un peso del 3% o poco superiore, mentre l’EMBI ha ben 13 Paesi con un peso superiore al 3% con i picchi di Messico (6,46%), Indonesia (5,03%), Turchia (4,77%), Filippine (4,67%) e Russia (4,15%). I primi 5 Paesi dell’indice di JPM (e quindi IBEM) pesano per il 25% mentre nel caso dell’ indice di Barclays poco più del 16%.

Questo ha impattato anche in termini di contributo alle performance più omogenee per l’ETF di UBS: i cinque maggiori contributori dello SBEM sono stati Venezuela (0,59), Colombia (0,35), Kazakistan (0,35), Indonesia (0,35) e Olanda (0,34), mentre per lo IEMB Venezuela (0,99), Brasile (0,54), Argentina (0,53), Indonesia (0,42) e Ucraina (0,39).

La diversificazione ha dunque permesso all’indice relativo allo SBEM di avere un migliore profilo rischio/rendimento rispetto al JP Morgan EMBI e al Barclays EM USD.

grafico ubs

I risultati si vedono. A poco più di un anno dal lancio, l’ETF Barclays USD Emerging Markets Sovereign 3% country ha superato il traguardo dei 100 milioni di masse in gestione (AUM), con un altrettanto ottimo momentum sull’intera asset class.

L’offerta di UBS ETF

[accordion title=”UBS ETF (LU) Barclays USD Emerging Markets Sovereign”]
  • Il fondo investe generalmente in obbligazioni dei mercati emergenti incluse nel Barclays Emerging Markets USD Sovereign & Agency 3% Country Capped Index. Le ponderazioni relative delle obbligazioni corrispondono ai rispettivi pesi nell’indice.
  • L’obiettivo d’investimento è replicare l’andamento del prezzo e del rendimento dell’Barclays Emerging Markets USD Sovereign & Agency 3% Country Capped Index (al netto delle commissioni).
[/accordion] [accordion title=”UBS ETF Barclays USD Emerging Markets Sovereign (hedged to EUR)”]
  • Il fondo investe generalmente in obbligazioni dei mercati emergenti incluse nel Barclays Emerging Markets USD Sovereign & Agency 3% Country Capped Index hedged to EUR. Le ponderazioni relative delle obbligazioni corrispondono ai rispettivi pesi nell’indice.
  • L’obiettivo d’investimento è replicare l’andamento del prezzo e del rendimento dell’Barclays Emerging Markets USD Sovereign & Agency 3% Country Capped Index hedged to EUR (al netto delle commissioni).
[/accordion]

Vuoi saperne di più?

Scritto da

UBS ETF ha un lungo track record nella gestione di soluzioni indicizzate per i propri clienti. Nel 2001 UBS ha lanciato il primo ETF. Oggi UBS ETF propone un’ampia gamma di ETF su indici azionari, obbligazionari e alternativi quotati sulle principali Borse europee. Presente dal 2013 in Italia con un team dedicato di 3 persone, in Europa UBS ETF gestisce patrimoni per circa 38 miliardi di Euro e rappresenta il quinto operatore nel mercato degli ETF (Fonte: ETFGI al 31 dicembre 2018) con 92 prodotti quotati presso Borsa Italiana. UBS ETF fa parte di UBS Asset Management che è una delle principali società di gestione a livello mondiale, con un patrimonio in gestione di 682 miliardi di euro (al 31 dicembre 2018), di cui oltre 260 miliardi di euro in gestioni passive. Per maggiori informazioni www.ubs.com/etf.

Ultimi commenti
  • Avatar

    Ciao Gianni, l’ETF Eur Hedged c’è ed è lo SBEME (ISIN LU1324516308)

    • Avatar

      Ah bene, grazie!

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UBS

Le informazioni contenute nello spazio BrandCorner sponsored by UBS hanno solo uno scopo informativo, non costituiscono e non possono essere interpretate come un invito, un’offerta o una raccomandazione ad acquistare o collocare investimenti di alcun genere o ad effettuare un investimento o un disinvestimento, ovvero un consiglio o una raccomandazione di natura legale, fiscale o di altra natura. Il BrandCorner sponsored by UBS è predisposto senza riferimento ad obiettivi d’investimento specifici o futuri, né alla situazione finanziaria o fiscale, profilo di rischio o esperienze e conoscenze né tantomeno alle speciali esigenze di specifici destinatari.
Prima di prendere qualsiasi decisione in materia di investimenti si raccomanda di leggere attentamente il Prospetto Informativo e di chiedere in proposito una consulenza specifica e professionale.