a
a
HomeECONOMIA E MERCATICOMMENTO AL MERCATOBollettino AO | Tutto pronto per l’aumento di capitale di MPS, occhio all’OPEC

Bollettino AO | Tutto pronto per l’aumento di capitale di MPS, occhio all’OPEC

Bollettino AO Opec taglio petrolio
Approvato anche dall’assemblea dei soci l’aumento di capitale MPS: 5 miliardi per rientrare negli standard della BCE. Il petrolio, spinto dalla prospettiva di un taglio della produzione chiude in rialzo.

Quali sono stati i fatti salienti della settimana?

  • MPS. Approvato, prima dalla BCE e poi dall’assemblea dei soci, il maxi-aumento di capitale per l’istituto di Siena: 5 miliardi di euro, necessari a coprire lo scorporo di 27 miliardi di sofferenze e a riportare il patrimonio di vigilanza sopra la soglia di sicurezza richiesta dalla BCE. Dalla prossima settimana partirà il periodo di conversione dei bond subordinati che si concluderà il 1° dicembre. Nominato nuovo presidente Alessandro Falciai membro del Cda della banca dal 2015, che sostituisce nell’incarico Massimo Tononi.
  • ORO NERO. In vista del vertice di Vienna del prossimo 30 novembre i prezzi del petrolio salgono, supportati dalla prospettiva di una riduzione della produzione da parte dell’OPEC. Il primo ministro iracheno Haider al-Abadi ha aperto a questa possibilità, prospettando un aumento dei ricavi a seguito di una riduzione attesa di circa il 4-4,5%. L’OPEC ha deciso di focalizzare le negoziazioni anche sulla Russia (che non rientra nell’organizzazione), auspicando l’adesione dell’ “Orso Siberiano” al piano di riduzione.
  • ITALIA. Mentre ci si avvia verso l’ultima settimana prima del voto referendario del prossimo weekend, la Commissione di Bilancio approva la manovra 2017-2019, a cui ora rimane da incassare la fiducia della Camera. Nel frattempo l’ISTAT segnala un miglioramento del giudizio delle famiglie italiane sulle condizioni di vita, che passano dal 35,1% del 2015 al 41% del 2016: il primo miglioramento in 5 anni.
[accordion title=”Azionario”]Si chiude una settimana generalmente poco mossa sulle piazze finanziarie: il ponte del Thanksgiving day negli Stati Uniti ha contribuito a mantenere volumi di scambio mediamente bassi, che tuttavia non hanno impedito allo S&P500 e al Dow Jones di chiudere sui massimi storici. Positiva la settimana anche per Piazza Affari, nonostante i dati “poco entusiasmanti” rilasciati dall’ISTAT sul settore industriale italiano.

Tra i settori rimane da segnalare la performance positiva dell’energetico, trainato dalle aspettative sulla riduzione della produzione di petrolio. Tra i best performer troviamo anche il settore relativo ai materiali, in linea col precedente, e quello delle telecomunicazioni grazie anche al lancio di diversi nuovi modelli di smartphone avvenuto in settimana.

Azioni Italia: FTSE MIB; Azioni Europa: Stoxx Europe 600; Azioni USA: S&P500; Azioni Giappone: Topix; Azioni Emergenti: MSCI Emerging Market. Indici Settoriali: MSCI World relativo al settore [/accordion] [accordion title=”Obbligazionario”]

Per quanto riguarda il comparto obbligazionario, prosegue il rialzo dei Treasury USA con il decennale che offre il 2,38% pesando sui mercati emergenti. Il nostro BTP si attesta a quota 2,13%, con lo spread verso il Bund tedesco a quota 186 punti. Da segnalare l’ampliamento dello spread contro il Bonos spagnolo, a 52 punti.

Obbl. Gov. Italia, USA e internazionali: Bloomberg EFFAS; Obbl. Gov. Paesi Emergenti: JPMorgan EMBI Plus; Obbl. Investment Grade zona euro e USA: Bloomberg Index

[/accordion] [accordion title=”Valute & Commodities”]

Proseguono le vendite sul bene rifugio per “eccellenza”: l’oro perde il 2%. Al contempo, in linea con le dichiarazioni dell’OPEC, prosegue il rialzo dell’oro nero, che cresce circa del 30% da inizio anno. Il mercato valutario rimane sostanzialmente stabile, con alcuni movimenti da segnalare dovuti agli interventi e alle aspettative delle varie banche centrali.

 

[/accordion]

Agenda

Ecco i dati macroeconomici che saranno pubblicati nel corso della prossima settimana e la stima del consensus (fonte: Bloomberg).

Europa – A livello di Eurozona la settimana prossima porterà nuove indicazioni in vista del prossimo meeting della BCE: martedì sarà pubblicato il dato sulla fiducia dei consumatori, seguito nei giorni successivi dalla lettura finale del PMI Manifatturiero di Novembre (atteso a 53,7 punti) e dal valore dei Prezzi alla Produzione (PPI) di ottobre (-1,5% su base annua).

Giovedì riceveremo la lettura del PMI manifatturiero tedesco e inglese. In Italia, nella settimana che porterà al referendum, carrellata di dati significativi: lunedì pubblicazione dei dati sulla fiducia dei consumatori e delle imprese, mercoledì avremo la prima lettura dell’inflazione del mese di novembre e giovedì il valore finale del PIL del terzo trimestre (atteso a 0,9% su base annua).

USA – Settimana ricca di dati negli Stati Uniti: martedì sarà pubblicato la seconda lettura del PIL del terzo trimestre (atteso al 3%), insieme all’indice di fiducia dei consumatori. Mercoledì sarà il turno del sondaggio ADP sull’occupazione del mese di novembre, seguito nei giorni successivi dall’ ISM del settore manifatturiero e il numero di nuovi occupati non agricoli (Non Farm Payrolls) di novembre.

Giappone –  Anche in Giappone attesa per il valore del PMI del settore manifatturiero (atteso  51,1 punti) e il valore della produzione industriale al mese di ottobre (prima lettura, -1,4% su base annua).

BRICS – Dai paesi emergenti riceveremo importanti indicazioni dal Brasile, dove è atteso un nuovo taglio dei tassi da parte della banca centrale, oltre ai valori di produzione industriale e PIL. Da segnalare in Cina la pubblicazione del PMI manifatturiero di novembre, atteso in calo a 50,8 punti.


Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime notizie dei mercati?

Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

Nessun commento

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.