a
a
HomeECONOMIA E MERCATIGRAFICO DELLA SETTIMANAGrafico della settimana: l’allarme dell’INPS in un’Italia sempre più povera

Grafico della settimana: l’allarme dell’INPS in un’Italia sempre più povera

“La povertà in Italia continua a crescere e la nuova Legge di Stabilità tende a scaricarle questo problema sulle generazioni future, aumentando il debito pensionistico”: è l’allarme del presidente dell’INPS, Tito Boeri.

“Va tutto bene.”

Sarà. Intanto, lentamente ma inesorabilmente, in Italia la povertà continua a crescere: il grafico seguente non lascia granché spazio ai dubbi.

Non solo la povertà cresce, ma lo fa sia in termini assoluti (capacità di comprare un certo paniere di beni e servizi), sia in termini relativi (rispetto alle condizioni di vita degli altri cittadini italiani).

L’allarme di Boeri

Lo ha rammentato il presidente dell’INPS Tito Boeri: in Italia “c’è un problema molto serio di povertà”, che “è raddoppiata negli anni della crisi nella fascia al di sotto dei 65 anni, e su questo continuiamo a non intervenire in modo sistematico”, ha detto.

Anzi. Secondo Tito Boeri la situazione continua a peggiorare, e peggiorerà ancora, perché la riforma della Legge di Stabilità (la “manovra”) scarica gli oneri sulle generazioni future, aumentando il debito pensionistico: “Questa è una manovra che fa aumentare il debito implicito e ogni manovra che lo fa scarica oneri sulle generazioni future”, ha argomentato il presidente dell’Ente previdenziale nazionale.

Testa sotto la sabbia, come gli struzzi

I nostri (ex) cugini anglosassoni direbbero che questo è solo l’ultimo episodio, in ordine di tempo, di “kicking the can down the road”. Insomma, si procede facendo finta che il problema pensionistico – in particolare di chi è (relativamente) giovane – non sia quello che è: una mina vagante sul cammino dell’Italia, la cui eventuale soluzione sistemica non esiste e se esiste è volutamente scaricata sulle spalle di una fantomatica classe dirigente che verrà. [Sic]


Quello della pensione è evidentemente un problema, e questa è la cattiva notizia. Quella buona, invece, è che basta poco per iniziare ad investire in autonomia pensando alla fine della propria carriera lavorativa. Dai un’occhiata alla nostra offerta.

Scopri AO Tutor: la guida del tuo risparmio

Tag Articolo
Scritto da

Un cambio di rotta nella finanza personale. Con www.adviseonly.com in pochi click puoi realizzare un portafoglio di investimento. Accorciamo le distanze tra te ed i tuoi investimenti, rendendoti ad ogni passo più autonomo e consapevole.

lascia un commento