a
a
HomeECONOMIA E MERCATIGRAFICO DELLA SETTIMANAIl problema dei non performing loan in pochi grafici

Il problema dei non performing loan in pochi grafici

“I bilanci delle banche non sono stati risanati completamente, come dimostra l’elevato stock di crediti deteriorati in alcune parti dell’Eurozona”,

Mario Draghi[1]

E come dargli torto. Negli ultimi anni, i Paesi della zona euro hanno cercato di correre ai ripari incentivando lo smaltimento dei non performig loan tramite operazioni ad hoc, come la creazione del Fondo Atlante in Italia. Ma il problema non è ancora stato risolto. I cosiddetti crediti deteriorati sono un problema perché da un lato ostacolano l’erogazione di credito penalizzando la crescita economica; dall’altro limitano la portata delle azioni della BCE. Stando agli ultimi dati disponibili, nella zona euro l’ammontare di crediti deteriorati continua a crescere, con le banche di media dimensione più in difficoltà delle altre.

Il panorama europeo

Nella zona euro, ci sono circa 3300 gruppi bancari; quelli di grandi dimensioni sono 129 e vengono supervisionati direttamente dalla BCE per via del loro elevato peso specifico (l’80% del bilancio consolidato della zona euro).

Perciò dal punto di vista sistemico le restanti 3.200 banche circa sono “meno rilevanti”[2], ma lo diventano per la funzione che svolgono nell’erogazione del credito alle piccole e medie imprese (PMI), specialmente in Italia, Germania e Austria, dove si concentra l’80% della loro attività.

In effetti, stando ai dati raccolti dall’EBA (European Banking Autority) in quasi la totalità dei Paesi europei la fascia più penalizzata è proprio quella delle PMI.

npl

[1] https://www.ecb.europa.eu/press/key/date/2016/html/sp160609.en.html

[2] La BCE le chiama “less significant institutions”

Scritto da

Segue tematiche economiche e finanziarie per il team financial strategies group di Advise Only. Dopo aver conseguito una doppia laurea in Management all’Università di Torino e all’ESCP Europe, ha deciso di proseguire i suoi studi con un master in Economia Internazionale a Paris Dauphine. Dopo 4 anni di vita parigina ed esperienze lavorative come economista e strategist, sbarca in Advise Only con l’obiettivo di sviluppare la parte di analisi economica e congiunturale.

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.