a
a
HomeBRAND CORNERItaliani popolo di risparmiatori: ecco quali spese tagliano di più

Italiani popolo di risparmiatori: ecco quali spese tagliano di più

La tendenza degli italiani al risparmio è cosa nota. E in tempi di crisi, si tira la cinghia ancora di più. Ma ci sono alcune spese (se così possiamo definirle) che non vale proprio la pena di tagliare.

Il risparmio in tempi di crisi

Gli italiani sono un popolo di risparmiatori, a maggior ragione in tempi di crisi. Secondo un’indagine realizzata da Confesercenti e SWG a ridosso del Natale, il 40% delle famiglie dichiarava prima delle feste di voler comprimere sotto i 250 euro il budget da destinare ai regali, in salita di 7 punti rispetto al 2015, anche se la spesa media stimata è rimasta invariata intorno ai 600 euro (per effetto di una maggiore polarizzazione nelle intenzioni di spesa).

Ma la tendenza al risparmio non è certo una novità dell’ultimo anno per gli abitanti della Penisola. Stando a uno studio realizzato da mUp Research per conto del sito Facile.it su un campione di 24 milioni di persone, nel 2015 gli italiani hanno risparmiato in media 625 euro a testa grazie a una riduzione delle proprie spese:  dal telefono alle bollette di elettricità e gas, dalle spese mediche alla banca, fino addirittura alla benzina e agli alimenti. Naturalmente i tagli hanno riguardato anche le uscite “accessorie”, come quelle per abbigliamento, ristoranti e cultura.

zenit-infografica

A meritare un momento di riflessione però è il modo in cui gli italiani hanno deciso di impiegare i soldi risparmiati. Il fatto è che nella maggior parte dei casi li hanno semplicemente tenuti “in tasca”, come cuscinetto per le emergenze, utile a sentirsi più tranquilli in un momento di elevata incertezza: Banca d’Italia stima che il 30% circa dei risparmi non venga investito affatto.

Le cose stanno cambiando

Eppure esistono spese (se così possiamo definirle) che non vale proprio la pena di tagliare – e che praticamente tutti possono permettersi: stiamo parlando degli investimenti. La percezione diffusa è che investire abbia soglie di accesso proibitive e che sia praticamente inutile farlo con piccole somme, perché sarebbero “mangiate” dai costi di gestione dell’investimento stesso.

Oggi investire è più facile

Ma la realtà è che oggi le cose sono cambiate rispetto al passato, e molto. Esistono infatti prodotti accessibili a tutti, che grazie all’aiuto della tecnologia riescono a tenere i costi molto bassi e che consentono di investire poco per volta, mettendo da parte nel tempo un gruzzolo interessante per effetto della capitalizzazione degli interessi.

Chi non può permettersi di mettere da parte dieci euro al mese, magari in un piano di accumulo del capitale? Si tratta di un sacrificio veramente minimo – due caffè in meno alla settimana – che si traduce in un investimento per il futuro. Tra qualche anno sarete grati a voi stessi per averci pensato in tempo.


Scopri come sottoscrivere il fondo

Scritto da

Il fondo comune "Pensaci oggi" è uno strumento di investimento creato da Zenit Sgr e gestito in collaborazione con AdviseOnly È stato concepito come un “salvadanaio”, per accantonare, anche poco per volta, risorse da destinare al raggiungimento dei propri obiettivi futuri. È sottoscrivibile online, in modo da poter ridurre al minimo i costi ed è caratterizzato da una elevata flessibilità. Si tratta dunque di una soluzione semplice e trasparente per iniziare a investire fin da subito in vista di progetti o imprevisti che potrebbero concretizzarsi negli anni a venire. In questo brandcorner ci focalizziamo sul tema del risparmio e sull’utilizzo della tecnologia nel mondo degli investimenti. Un’area dunque dedicata all’informazione e alla formazione finanziaria, per affrontare il domani con più consapevolezza. Zenit SGR

Nessun commento

lascia un commento