a
a
HomeCAPIRE LA FINANZAFINANZA PERSONALETFR, meglio in azienda o in un fondo pensione?

TFR, meglio in azienda o in un fondo pensione?

meglio lasciare il tfr in azienda oppure investire in un fondo pensione

Ricordate il dibattito sulla destinazione del TFR, il Trattamento di Fine Rapporto dei lavoratori dipendenti? La questione si è posta per la prima volta nel gennaio 2007, quando, con l’entrata in vigore del decreto legislativo 252/2005, i lavoratori si sono trovati di fronte alla scelta se lasciare il TFR in azienda oppure investirlo in un fondo pensione negoziale (il cosiddetto secondo pilastro della previdenza italiana).

 

pilastri previdenza pensione INPS

 

Fonte: “La Ri-Evoluzione delle Pensioni”, State Street Global Advisors

Le cose si sono complicate ancora di più quando la legge Finanziaria 2015 ha introdotto, in via sperimentale fino al 30 giugno 2018, la possibilità di richiedere l’erogazione mensile del TFR in busta paga, sottoponendolo alla tassazione ordinaria. Ma questo è un altro discorso, che affronteremo in un’altra sede. Per ora concentriamoci sulla scelta tra azienda e fondo pensione negoziale.

A distanza di 10 anni dall’entrata in vigore del decreto, quale è stata la scelta migliore?

 

La simulazione

I numeri parlano chiaro. Il Sole 24 Ore, grazie ai dati forniti dal fondo pensione territoriale Solidarietà Veneto, ha realizzato una simulazione analizzando il portafoglio di un investitore che 10 anni fa ha deciso di aderire a un fondo negoziale, confrontandolo con il guadagno che lo stesso investitore avrebbe realizzato decidendo invece di lasciare il TFR in azienda.

Ebbene, il nostro investitore si trova oggi con un portafoglio decisamente più ricco di quello che avrebbe ottenuto se avesse fatto affidamento solo sulla rivalutazione del TFR. Naturalmente il rendimento ottenuto varia a seconda del comparto scelto all’interno del fondo negoziale: si va dal più rischioso (dinamico) a quello più prudente (nel caso di Solidarietà Veneto si chiama “TFR Garantito” e mira a conseguire rendimenti pari o superiori al tasso di rivalutazione del TFR garantendo la restituzione del capitale investito e un rendimento triennale netto almeno pari alla rivalutazione netta del TFR in azienda).

Ricordiamo che alle posizioni dei fondi pensione contribuiscono non solo il trattamento di fine rapporto, ma anche il contributo volontario del lavoratore e il conseguente contributo del datore di lavoro, che è tenuto a erogare – in base agli accordi collettivi – solo se il lavoratore opta effettivamente per il versamento di un contributo volontario.

Di seguito la simulazione, calcolata ipotizzando un TFR maturato pari a 19mila euro, che funge da capitale di partenza. I dati si riferiscono al rendimento maturato sul capitale nel periodo 2007-fine 2016.

 

 

Vantaggi e svantaggi a confronto

In effetti, dati alla mano, i fondi negoziali risultano essere una scelta più vantaggiosa rispetto a quella lasciare il TFR maturando in azienda. Analizziamo pro e contro di ogni scelta (fonte: “La Ri-Evoluzione delle Pensioni”, State Street Global Advisors):

 

I fondi pensione complementari

I pro

  • Gli attivi sono tenuti separati dal datore di lavoro;
  • opportunità di partecipare al rialzo dei mercati, quindi possibile aumento dei risparmi oltre la formula fissa del TFR (+3,3% vs. +2,2% p.a. negli ultimi 10 anni);
  • i contributi personali sono deducibili fino ad un importo massimo di 5.165,57€ ogni anno;
  • a livello fiscale, le prestazioni pensionistiche sono assoggettate a una ritenuta a titolo d’imposta pari al 15%, con una riduzione dello 0,3% per ogni anno di partecipazione dopo il 15esimo (con un minimo del 9%);
  • maggiori opportunità di investimento;
  • benefici dovuti alla diversificazione degli asset;
  • gli aderenti decidono l’importo del proprio contributo e la tempistica dei pagamenti;
  • più conveniente rispetto ad altri strumenti di risparmio (come i fondi UCITS) avendo costi più simili a quelli di un prodotto istituzionale rispetto a quelli di un prodotto retail.

I contro

  • I proventi possono aumentare o diminuire, a seconda dell’andamento dei mercati;
  • i proventi dipendono principalmente dal livello dei contributi e dai rendimenti dell’investimento;
  • gli aderenti possono accedere ai propri risparmi previdenziali prima della pensione solo in casi limitati e previsti dalla legge.

 

 

Il TFR in azienda

I pro

  • Benefici garantiti: tasso di crescita annuo dell’1,5% + 75% del tasso di inflazione.

I contro

  • Il tasso di crescita è più basso rispetto ai potenziali rendimenti degli investimenti;
  • i lavoratori non possono apportare contributi aggiuntivi.

 

Fondi negoziali, questi sconosciuti

Eppure, stando ai dati forniti dalla COVIP (la Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione), l’adesione a fondi negoziali è ancora pratica poco diffusa in Italia: ad oggi, questi strumenti contano infatti circa 2,8 milioni di iscritti.

 

1. Per i PIP “vecchi” e i fondi pensione preesistenti i dati sono riferiti alla fine del 2016.
2. Nel totale si include FONDINPS. Sono inoltre escluse le duplicazioni dovute agli iscritti che aderiscono contemporaneamente a PIP “vecchi” e “nuovi”: a fine 2016 circa 41.000 individui, di cui 28.000 lavoratori dipendenti.

 

Gli italiani snobbano i fondi negoziali

Come sottolinea Assofondipensione, mai come oggi assume rilevanza l’adesione al secondo pilastro: le recenti riforme della previdenza pubblica (con il definitivo passaggio al regime contributivo), l’invecchiamento della popolazione e il mercato del lavoro sempre più sono tutti fattori che incidono negativamente sul sistema previdenziale pubblico. È indispensabile correre ai ripari.

Ma allora perché gli italiani tendono a non investire nelle forme di previdenza complementare? La risposta suona ormai come un ritornello: essenzialmente manca l’educazione finanziaria. L’ennesima testimonianza arriva da una ricerca condotta nel 2017 da IPSOS e Prometeia su 1.367 individui di età compresa tra i 18 e i 74 anni, con l’obiettivo di capire le esigenze di investimento e protezione delle famiglie italiane, la domanda di prodotti di risparmio e il loro rapporto con il mondo della finanza.

Ne è emersa una palese mancanza di conoscenza riguardo ai benefici dei fondi pensione complementari, in particolare tra i più giovani, con il 75% degli under 35 che ritiene di avere nozioni limitate o inesistenti sulle pensioni.

Di più. Alla richiesta di motivare la scelta di non investire in fondi pensione complementari, la maggior parte degli intervistati ha citato i costi troppo alti. Eppure questo motivo appare infondato, dato che i costi per i fondi pensione integrativi sono meno di un quarto di quelli dei fondi comuni e di altri prodotti pensionistici privati.

Queste risposte, insomma, sono un altro sintomo di scarsa conoscenza.

 

abitudini investimento tfr in azienda o fondo
Fonte: Prometeia — IPSOS, Wealth Insights (aprile 2017)

 

Che fare?

Come sempre, il primo passo è la consapevolezza. Tanto per cominciare, è importante che le persone conoscano il probabile livello di pensione che avranno maturato a fine carriera, in modo da prendere coscienza della situazione e da potersi muovere di conseguenza preparandosi con risparmi privati.

In secondo luogo, sarebbe bene informarsi a fondo sulle alternative disponibili: spesso, la scelta di lasciare il TFR in azienda è dettata da un misto di pigrizia e non conoscenza dell’alternativa. Come diciamo sempre, un risparmiatore informato è un risparmiatore migliore.

 


Fai come altri 42.000 italiani, iscriviti gratis alla nostra newsletter!


Scritto da

La scrittura è sempre stata la sua passione. Laureata in Economia per le Arti, la Cultura e la Comunicazione all’Università Bocconi di Milano, è entrata nel mondo del giornalismo nel 2008 con uno stage in Reuters Italia e successivamente ha lavorato per l’agenzia di stampa Adnkronos e per il sito di Milano Finanza, dove ha iniziato a conoscere i meccanismi del web. All’inizio del 2011 è entrata in Blue Financial Communication, dove si è occupata dei contenuti del sito web Bluerating.com e ha scritto per il mensile Bluerating.

Ultimi commenti
  • Avatar

    Salve mi chiamo Maurizio ho 38 anni e mi sono da un piccolo paesino siciliano trasferito a Milano , lavoro in una azienda di imballaggi industriali e dopo 6 mesi di lavoro l azienda mi ha dato un foglio dove destinare il mio tfr. Visto che non ho mai avuto a che fare con il tfr perché sono stato lavoratore autonomo e anche sentendo un amico che il tfr e meglio se lo lascio come fondo pensione complementare invece che in azienda. Vorrei sapere un vostro parere come è meglio fare…. grazie per la vostra disponibilità…. cordiali saluti….

    • Maria Paulucci

      Caro Maurizio,
      in linea di massima, a nostro avviso la scelta più saggia è avviare il prima possibile l’accantonamento di parte dei tuoi risparmi (bastano anche 50 o 100 euro al mese, per cominciare), in modo tale da poter contare, in futuro, durante gli anni della pensione, su un reddito aggiuntivo rispetto all’assegno pensionistico pubblico.
      Questa entrata complementare ti aiuterebbe a mantenere il tuo tenore di vita, riducendo il gap tra l’ultimo stipendio e, appunto, l’assegno pensionistico pubblico.
      Ora, questo accantonamento si può costruire attraverso un fondo pensione chiuso, che è quello al quale si può destinare il TFR, oppure con un fondo pensione aperto, un PIP o anche un Piano di Accumulo.
      Sono tutte opzioni che abbiamo già riassunto in questo nostro precedente post.
      Per quanto riguarda la tua situazione particolare, ti consigliamo comunque di parlarne con un esperto, magari sentendo più “campane”: ok quindi il consulente della tua banca, ma anche, magari, un consulente finanziario autonomo, giusto per avere una panoramica più ampia.
      In bocca al lupo e continua a seguirci, perché sono tutti temi sui quali torneremo.
      Grazie intanto per averci scritto!

  • Avatar

    Bella analisi. Credo che non ci siano dubbi sul miglior rendimento dei fondi pensione, strumento che si è rivelato particolarmente positivo. Però vorrei aggiungere un altro elemento di giudizio. Il TFR in azienda ha il grosso pregio di essere ottenuto dal lavoratore in un’unica soluzione, mentre il montante del fondo pensione almento per metà deve essere convertito in rendita. Quindi, mentre il TFR in azienda può essere la somma per realizzare un sogno a lungo coltivato (casa per i figli, etc.), il fondo pensione diventa solo una integrazione alla pensione

  • Avatar

    L’idea di investire il mio TFR in borsa su titoli e obbligazioni che non conosco e di pagare commissioni ad una terza società… non mi entusiasma. Preferisco tenermi il tfr in azienda con tasso basso ma SICURO! e protetto dall’inflazione.
    Se ho un pò di soldi compro dei btp,oppure faccio dei buoni fruttiferi postali.

  • Avatar

    il Tfr investito in fondi pensione puo’ essere smobilitato dopo 8 anni in caso di acquisto prma casa?

  • Avatar

    buongiorno
    perché non aggiungete nei pregi che lasciare i soldi nel tfr c’e’ quello di avere indietro il 100% dei soldi maturati al momento del licenziamento?
    perché non aggiungete nei difetti del mettere i soldi nei fondi pensione c’e’ quello che i soldi ve li danno indietro con il contagocce mensile a meno di non avere gravi problemi di salute ( o problemi di mattone) ?
    grazie
    cordiali saluti
    Agostino Vincenzi

    • Maria Paulucci

      Caro Agostino,

      concorderà che la pensione è un obiettivo di lungo termine. Proprio per questo, come tante volte abbiamo scritto e ribadito, i soldi che accantoniamo per tale obiettivo sono esposti agli effetti dell’inflazione, effetti che un investimento sensato in un fondo pensione può attutire.

      Inoltre, “sottrarre” al risparmiatore la disponibilità del denaro a meno che non sia strettamente necessario (malattie, acquisto prima casa, eccetera) – che è il cosiddetto “risparmio forzoso” – non è un difetto, bensì un grosso pregio: ci aiuta a non cedere alla tentazione di andare a intaccare il gruzzolo che stiamo coltivando per la pensione.

      In conclusione, posso dirle questo: noi, anche con i nostri post successivi a quello che lei ha commentato, vogliamo fornire ai lettori e alle lettrici tutti gli elementi affinché addivengano a una scelta, che non sia meramente quella di seguire la strada più battuta per inerzia o per chissà quale preconcetto. Poi, naturalmente, ognuno prende le sue decisioni.

      Grazie, un saluto!

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.