a
a

Quanto costa allevare un figlio?

Secondo uno studio condotto da Federconsumatori, una coppia con un reddito medio si trova a sostenere una spesa di quasi 170mila euro per allevare un figlio dalla nascita alla maggiore età.

Figlio mio, quanto mi costi!

“Aspettiamo un bambino”: non c’è notizia più bella.

Lungi da noi volervi guastare l’entusiasmo. Ma, dopo aver fantasticato su nomi e vestitini, arriva inevitabilmente il momento di fare due conti in tasca: quanto costa crescere un figlio?

Negli USA

Ha provato a rispondere il Wall Street Journal, che cita un recente studio del Governo USA: secondo i calcoli del dipartimento di Agricoltura statunitense, una coppia sposata di genitori con un reddito medio spenderà in tutto circa 233.610 dollari (218mila euro) per crescere un bambino nato nel 2015 dall’infanzia fino all’età adulta. La stima scende a 174.690 dollari (163mila euro) per le famiglie con un reddito basso e sale a 372.210 (348mila euro) per quelle più abbienti. La cifra – che include trasporti, abbigliamento, salute, ma non ad esempio i risparmi per il college – è in tutti i casi enorme. Ma per fortuna le spese non arrivano tutte insieme.

Il costo sostenuto dai genitori, rileva ancora il report, è salito del 3% rispetto al 2014, un tasso più alto di quello d’inflazione, ma inferiore rispetto agli aumenti annuali registrati dal 1960 in poi. Rispetto al passato però, oggi l’istruzione ha un peso sempre maggiore.

In Italia

Fin qui abbiamo parlato degli Stati Uniti. Ma come vanno le cose in Italia? Un po’ meglio per le tasche dei genitori, almeno così pare. In questo caso ci viene in aiuto l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che ha preso come riferimento le spese attribuibili ad un figlio per una famiglia con entrambi i genitori residenti in una grande realtà urbana, in una casa di circa 100 metri quadri, con mutuo/affitto da pagare e con un reddito netto medio annuo di 34.000 euro.

Si tratta di una percentuale relativamente piccola della popolazione, se pensiamo che le famiglie bigenitoriali rappresentano solo il 33% del totale.

Fonte: Cosa costa crescere un figlio – ONF 2016

Ebbene, considerando le spese nelle diverse fasce di età, dalla ricerca emerge che il costo totale sostenuto dai genitori per crescere un figlio da 0 a 18 anni, nel 2015, era pari a 169.680 euro, che scende a 113.000 euro per i redditi più bassi e sale a 274mila euro per quelli più alti.

Fonte: Cosa costa crescere un figlio – ONF 2016

Fermando l’obiettivo nella piena adolescenza dei figli, a 16 anni, l’indagine fotografa una spesa annua di circa 11.300 euro, su cui incidono in modo preponderante i costi relativi all’abitazione, all’alimentazione, ai trasporti e alle comunicazioni. Ma ha un certo rilievo anche la voce “altro”, relativa ad attività sportive, ricreative, culturali, tempo libero, vacanze, regali, ecc.

federconsumatori2

Fonte: Cosa costa crescere un figlio – ONF 2016

Non so come la vedete voi, ma forse è il caso di iniziare a risparmiare un po’ in vista di tutte queste spese. Iniziare a investire per tempo, possibilmente in un portafoglio ben diversificato, permette di accumulare un gruzzolo gradualmente, senza sforzi né particolari sacrifici, sfruttando al massimo l’effetto della capitalizzazione degli interessi.


Lo sapevi? Con AdviseOnly puoi scegliere un portafoglio di investimento in ETF per iniziare a risparmiare.
Tra i nostri portafogli ci sono anche quelli che noi chiamiamo “ad obiettivo” e uno di questi è proprio dedicato alla costruzione di un capitale per i propri figli!

Scopri il portafoglio “Obiettivo Figli”

Scopri di più
Tag Articolo
Scritto da

La scrittura è sempre stata la sua passione. Laureata in Economia per le Arti, la Cultura e la Comunicazione all’Università Bocconi di Milano, è entrata nel mondo del giornalismo nel 2008 con uno stage in Reuters Italia e successivamente ha lavorato per l’agenzia di stampa Adnkronos e per il sito di Milano Finanza, dove ha iniziato a conoscere i meccanismi del web. All’inizio del 2011 è entrata in Blue Financial Communication, dove si è occupata dei contenuti del sito web Bluerating.com e ha scritto per il mensile Bluerating.

Nessun commento

lascia un commento